Paccheri con ricotta e pomodori secchi

paccheriricottapomPer questa ricetta di oggi vi propongo una bella alternativa di pasta a base di legumi: paccheri piccoli a marchio Legù, che ogni tanto uso in alternativa a quella senza glutine. E in più è anche biologica! Il risultato ovviamente delizioso. Provatela!

Ingredienti per 4 persone: 2 confezioni di paccherini da 120g, 2 confezioni di ricotta di capra da 60g, pomodori secchi sott’olio circa 4 per piatto, olio evo, sale, pepe nero.

legu-bio

Procedimento: mettete a bollire abbondante acqua salata per la pasta. In un altro tegame capiente stemperate a fiamma bassissima la ricotta con poco olio, 2 cucchiai di acqua di cottura della pasta, sale, pepe e 2 falde di pomodoro tritate finemente. Tenete acqua di cottura… 1/2 bicchiere. Scolate la pasta e trasferitela nel tegame per insaporirla con la salsa. Il tutto deve risultare cremoso ma non liquido. Servite la pasta bella calda guarnita con dei pomodori secchi tagliati in 4 pezzetti o anche interi se sono tipo ciliegini.

RISOTTO AI MIRTILLI E PIOPPINI

risottomirtilliNon meravigliatevi della strana associazione di ingredienti, ma piuttosto della sorpresa all’assaggio. Un risotto raffinato perfetto per i giorni di festa… e non!

Ingredienti per 6 persone: 480 g di riso tipo Carnaroli, 100 g di burro, 1 bicchiere di vino rosso fermo, 2 scalogn1, 1 litro di brodo vegetale caldo, 50 g di parmigiano reggiano, 250 g di mirtilli neri, 200 g di funghi pioppini freschi, 1 spicchio d’aglio, olio evo, sale, pepe, rosmarino.

Procedimento: Mettere su fuoco medio una casseruola capiente. Inserire 1 scalogno tritato finemente, un po’ di burro e avviare il soffritto. Non appena lo scalogno appere più lucido inserire il riso e fatelo tostare. Dopo un paio di minuti sfumare con il vino rosso e lasciare evaporare la parte alcolica. Coprire con un paio di mestoli di brodo e cuocere il riso. Unire brodo solo dopo il riassobimento del liquido. Nel frattempo pulire i funghi. Inun tegame antiaderente mettere poco olio, ½ scalogno tritato, pochi agli di rosmarino  euno spicchio di aglio vestito (non sbucciato). Regolare di sale e pepe. Unirne qualcuno al risotto.

Lavare i mirtilli e ripassarli al tegame con burro. Frullatene ¾  e tenete i rimanenti per impiattare alla fine. Unire quelli frullati al risotto.

A fine cottura spegnere la fiamma, mantecare con poco burro e parmigiano. 

Impiattare usando un ring: sulla sommità mettere fughi e mirtilli rimasti, con qualche ago di rosmarino fresco.

GNUDI DI ZUCCA SU CREMA DI FUNGHI MISTI

gnudidizuccaQuesto è sicuramente un primo piatto da proporre in occasione delle feste perché racchiude in se tutti i profumi ed i sapori che scaldano il cuore.

Ingredienti per 4 persone: 300 g di ricotta di pecora fresca, 250 g di polpa di zucca mantovana, 2 rametti di rosmarino, 100 g di parmigiano grattugiato, 1 uovo, 70 g di farina 00, noce moscata, 400 g di funghi misti tra pioppini, pleurotus, porcini, champignon, 1 spicchio d’aglio, sale, olio extravergine di oliva, 1/2 bicchiere di panna di riso, prezzemolo tritato.

Procedimento: il giorno prima porre per due ore la ricotta in un colino, con una ciotola sotto, affinchè perda tutta la sua acqua. Nel frattempo sbucciare la zucca, tagliarla a cubetti e porla in una teglia rivestita di carta forno a con un rametto di rosmarino; cuocere in forno per un’ora a 150° C.  A fine cottura schiacciare la polpa con una forchetta, scolandola bene per eliminare l’acqua in eccesso. Fare raffreddare.

In un contenitore capiente, tipo insalatiera, mescolare la ricotta e la polpa di zucca, unire il parmigiano grattugiato, l’uovo, la farina ed abbondante noce moscata grattugiata; mescolare bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Regolare di sale. Lasciate riposare l’impasto in frigo, coperto da pellicola. Nel frattempo preparare la crema di funghi. Lavare bene il tutto: privare i gambi della parte terrosa finale. Prendere un tegame antiaderente, versare 3-4 cucchiai di olio, unire lo spicchio d’aglio con la buccia e aggiungere tutti i funghi. Regolare di sale e cuocete per 20 minuti. A fine cottura dei funghi frullate il tutto (lasciatene fuori qualcuno per la guarnizione) aggiungendo poco meno di mezzo bicchiere di panna di riso. Tenere in caldo. Portare a bollore una pentola con abbondante acqua salata. 

Preparare gli gnudi prelevando l’impasto a cucchiaiate: rotolateli in poca farina dando loro una forma più o meno rotonda. Aiutatevi con le mani; cuocere per circa 5 minuti scolandoli con una schiumarola (ma non prima che salgano a galla). 

Impiattare subito mettendo sulla base la crema di funghi in ogni piatto, appoggiando nel centro gli nudi, poco prezzemolo fresco, qualche fungo intero ed un’ultima macinata di noce moscata.

CORONCINA DI SFOGLIA AL PISTACCHIO E MANDORLE

coronadisfogliaOggi vi lascio un dolce facile e veloce da fare… con un risultato molto scenografico e natalizio! E se lo confezionate in una bella scatola potrete anche regalarlo.

Ingredienti per 8 persone: 2 confezioni di pasta sfoglia gluten-free (rettangolare), 8 cucchiai di farina di pistacchio, 6 cucchiai di zucchero di canna, 40 g di mandorle già in lamelle, 25 g di burro.

Procedimento: come primo passo accendere il forno in modalità ventilato a 170°C. Fatto questo srotolare le sfoglie (a temperatura ambiente), dividetele a metà e di nuovo a metà. Avrete 8 rettangoli. Fondete il burro in un pentolino ma non friggetelo; con questo spennellare la superficie della sfoglia. Successivamente spolverizzare la superficie di zucchero di canna e poi con la farina di pistacchi e le lamelle di mandorle. 

Procedere poi in questo modo: arrotolare delicatamente i rettangoli in modo di avere rotoli stretti e lunghi. Chiudere le estremità per sigillare. 

Con un coltellino incidere la superficie su tutta la lunghezza ma senza arrivare in fondo alle estremità.

Arrotolare una sull’altra le due parti divise dal coltello formando una semplice treccia; curvate e ricavate una piccola corona. Premere bene le estremità.

Disponete le coroncine su una teglia foderata di carta forno, spennelatele con pochissimo burro e cuocete in forno già a temperatura per 20’ o finchè saranno ben dorate.

NB: se non avete problemi di intolleranza usate tranquillamente una sfoglia normale

FUSILLI DI CECI E RISO CON ZUCCA, CASTAGNE, SALVIA FRITTA E MOSTARDA DI CIPOLLE

fusillicecie risoA vederla non si direbbe che è una pasta di ceci e riso… provatela subito! Vi piacerà tantissimo per gusto, profumo e consistenze!

Ingredienti per 4 persone: 320 g di fusilli di ceci e riso (Rummo), 400 g di polpa di zucca mantovana (anche la Moscata di Provenza va bene), 50 g di nocciole sgusciate, 1 mazzo di salvia, 150 g di castagne, 50 g di Mostarda di cipolle, 150 g di burro chiarificato, sale, pepe.

Procedimento: come primo passo mettere a lessare le castagne in acqua bollente per circa 10/12’. Prima di ciò, incidetele sulla sommità con un coltellino.  

Tagliare la zucca a dadini di 1 cm di lato. In un tegame antiaderente mettere 40 g di burro a sciogliere e rosolare la zucca per 10 minuti. Regolare di sale e pepe e poi mettere da parte in una ciotola, scolando bene. 

Nello stesso tegame fare rosolare le castagne sbucciate (intere o a metà) assieme alle nocciole leggermente pestate con un’altra noce di burro se fosse necessario. Unire solo pepe. Anche in questo caso mettere da parte. In un pentolino stretto e alto fondete poco burro e friggere circa 6 foglie di salvia. 

Mettere a bollire acqua salata per la pasta seguendo le indicazioni di cottura. Conservare poca acqua di cottura.

Scolare la pasta al dente, trasferire nel tegame usato in precedenza e a fiamma medio-bassa spadellare aggiungendo la zucca, due foglie di salvia, le castagne e le nocciole, 2 cucchiai di acqua di cottura e una noce di burro. 

Impiattare guarnendo con una foglia di salvia per ogni piatto.

Questa ricetta, e non solo, la trovate anche a questo link:

https://issuu.com/enjoyfoodmagazine/…/enjoyfoodmagazine-n.14

INSALATA DI CASTAGNE E CAVOLETTI

insalatadimarronie cavolettiStasera vi lascio questa prima ricetta di tante a carattere natalizio: un contorno speciale che ricorda l’autunno e in più …una proposta gluten-free, lactose-free e anche vegan.

Ingredienti per 4 persone: 250 g di castagne o marroni, 80 g di nocciole sbucciate, 350 g di cavolini di Bruxelles, 50 g di margarina, sale, pepe,  paprika.

Procedimento: incidere la buccia delle castagne, trasferire in una teglia o sulla placca del forno precedentemente foderata. Arrostire a 180°C per 20 minuti, muovendole ogni tanto.

Non appena cotte, togliere dal forno e sbucciare. Lavare bene i cavoli di Bruxelles, eliminando la base e le foglie secche. Lessare in acqua già a bollore, salata, per 5/6’.

Scolare e dividere alcuni cavoletti a metà. 

In un tegame antiaderente tostate le nocciole appena pestate grossolanamente. Nello stesso tegame sciogliere la margarina e aggiungere alle nocciole le castagne, i cavoletti, la paprika (se vi piace), sale e pepe a piacere.

Questa ricetta, e non solo, la trovate anche a questo link:

https://issuu.com/enjoyfoodmagazine/…/enjoyfoodmagazine-n.14

Ciambella vegan pere e gocce di cioccolata

ciambaQuesta torta di pere la faccio in genere per la colazione o per accompagnarla al tè del pomeriggio. È perfetta per intolleranti, per chi ha fatto una scelta vegan o anche per chi preferisce un’alimentazione più leggera. È facile da eseguire e superveloce. Provate per credere.

Ingredienti: 350 g di farina senza glutine (anche OO se non avete problemi), 250 ml di latte di mandorle (io ho scelto aromatizzato con mango e frutto della passione Adez, la buccia grattugiata di un limone bio, 1 cucchiaio di cannella in polvere, 16 g di lievito gluten free o cremor tartaro, 50 g di olio di semi di girasole, 100 g di zucchero di canna (+ due cucchiai), 2 pere Kaiser medie, una manciata di gocce di cioccolato fondente.

Procedimento: in una ciotola mescolare con una spatola la farina ed il lievito setacciati con zucchero, cannella e buccia di limone. Lentamente aggiungete prima il latte di mandorla e poi l’olio, badando a non creare grumi. Usate la forchetta in questa seconda fase. Unite metà delle gocce.

Aggiungete all’impasto una pera tagliata a tocchetti. Mescolate bene e poi versate l’impasto in una teglia foderata o di silicone. Sulla superficie aggiungete la seconda pera a tocchetti e spolverizzate con zucchero di canna. Infornate a 170°C per circa 45/50 minuti.

Lasciate raffreddare… ma non troppo perchè tiepida è buonissima.

Risotto con zucca e fonduta di gorgonzola

risozuccazola

Ecco un altro piatto frutto di una proficua visita presso una fiera Gastronomica. Ecco di seguito una ricetta tra le mie preferite e con alcuni tra i miei ingredienti preferiti!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso tipo Carnaroli, 200 g di zucca, 200 g di gorgonzola, 1 scalogno, 1 bicchiere di vino bianco secco, 1 tazza da caffe di latte, olio evo, 1 litro di brodo vegetale o acqua calda, sale, pepe nero.
Procedimento: in una casseruola antiaderente a sponde alte mettere a scaldare 4 cucchiai di olio con uno scalogno tagliato finemente. Una volta dorato aggiungete il riso che tosterete per 3 minuti. Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare la parte alcolica. Cominciate ad aggiungere 2 mestoli di brodo tenuto in caldo; dopo altri 5 minuti di cottura aggiungete la zucca a dadini. Regolate di sale e pepe. Finite la cottura che avverrà in circa 20′ totali.

Nel frattempo, in un tegamino/pentolino antiaderente versate il latte e lo zola tagliato a pezzetti e fate fondere fino a completo scioglimento ma a fiamma super bassa. Spegnete la fiamma del riso; servitelo come base del piatto e versate un mestolino di fonduta su ogni piatto.

Rigatoni e salsa di cime di rapa

rigatonimaiscime

Il Mais Corvino è un cereale antico, dal chicco nero e allungato,
coltivato dai Maya già nel 3.500 A.C. Rispetto al mais comune, questa variante contiene il doppio delle proteine, il 20% dei carboidrati in meno, 20 volte gli antiossidanti, pari a quelli contenuti nel mirtillo.

In particolare, il Mais Corvino è ricco di flavonoidi, betacarotene, vitamina A e, cosa non da poco, è senza glutine.

20191012_125939Ne ho acquistato una confezione in occasione di una fiera Gastronomica ed ho subito voluto provarlo. Ecco di seguito una ricetta piacevole, rustica e gustosa come piace a me!

Ingredienti per due persone: 200 g di rigatoni di mais Corvino, 300 g di cime di rapa, foglie di basilico fresco, una manciata di mandorle sbucciate, 2 cucchiai di grana padano (veg-parmigiano se siete vegani), 1 spicchio d’aglio, olio evo, sale.

Procedimento: prendete una casseruola e mettete a bollire acqua leggermente salata. In un tegamino tostate le mandorle senza aggiunta di olio e senza bruciarle. Nel mentre, in un’altra casseruola sbollentate per 5 minuti le cime di rapa mondate e pulite. Scolatele e mettetele in un mixer (non tutte) con qualche foglia di basilico, tipo 4, una punta d’aglio (senza l’anima interna), il formaggio, 2 o tre cucchiai di olio, poco sale, le mandorle tostate. Frullate il tutto grossolanamente. Lessate la pasta facendo attenzione alla cottura perchè tendenzialmente se scuoce si rompe. Condite con la salsa frullata aggiungendo anche qualche cima che avrete lasciato intera.

Melanzane sott’olio con pinoli e pomodori secchi

melanzanesott'olioQuesta è la mia versione personale, facile da realizzare e di sicuro successo. Le uso come contorno, sui crostini, nei primi piatti freddi e caldi, come ripieno di rotoli di carne o vegetariani.

Ingredienti: 2 kg di melanzane violette già pulite, 1 litro di aceto bianco di vino, 500 ml di acqua, 1/2 cucchiaio di sale grosso, uno spicchio d’aglio, 4 falde di pomodori secchi, 50 g di pinoli, origano secco, olio d’oliva o di semi.

Procedimento: lavate bene le melanzane, sbucciatele e tagliatele a cubetti. Ne serviranno 2 kg. In una pentola capiente portate ad ebollizione tutto l’auto, l’acqua e il sale grosso.

Preparate un’insalatiera con all’interno un canovaccio pulito. Scottate poco alla volta tutte le melanzane, circa 3 minuti, scolatele man mano co un mestolo forato e sistematele nell’insalatiera. Procedete così fino alla fine. Lasciate intiepidire poi sollevate e raccogliete il canovaccio per far scolare il liquido. Premete e strizzate energicamente per eliminare tutto il liquido possibile… ma senza scottarvi. Trasferite il tutto in un altro recipiente.

Sterilizziamo i vasetti.

La sicurezza in cucina è fondamentale: in una pentola molto capiente piena d’acqua inseriamo 4 vasetti (capsule comprese) da 250 ml e lasciateli bollire per 15 minuti. Passato questo tempo, scolate e lasciare asciugare.

Nel frattempo condiamo le melanzane con aglio affettato finemente, una bella spolverata di origano, i pomodori secchi tagliati a listarelle ed i pinoli. Mescolate bene e lasciate insaporire per un’oretta.

Fatto questo, riempiamo i vasetti per metà, aggiungete olio, premete per scongiurare bolle d’aria e continuate a riempire na non fino all’orlo. Fate così fino ad esaurimento. Chiudete bene i vasetti e lasciare riposare i vasetti per 15 gg in posto fresco e buio, controllando spesso che l’olio non scenda al di sotto delle melanzane.