Fusilli al pesto di radicchio trevigiano e noci

fusilliradichhionoci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Erano giorni che giravo attorno a questa ricetta… la mia versione è personalizzata da un tocco di carattere in più che darà lo sprint a un primo piatto molto gustoso.

Ingredienti per 4 persone: 350  di fusilli (normali, al farro sarebbe meglio), 200 g di noci già sgusciate, 1 cespo grande di Radicchio Tardivo di Treviso, 2 falde di pomodori secchi, 1 spicchio d’aglio, panna di soia, parmigiano reggiano 24 mesi,olio evo, pepe nero, sale.

Procedimento: come primo passo mettete a scaldare abbondante acqua salata per la pasta. Dopo di che tenetevi a portata di mano un mixer a lame. Lavate il radicchio e tagliatelo a listarelle, omettendo la parte finale. Riponete nel bicchierone del mixer. Unite le noci, 1 cucchiaio di panna di soia, 3 cucchiai di parmigiano, i pomodori ridotti a strisce, una punta d’aglio, un pizzico di sale, olio q.b. a rendere fluido il composto quindi, poco alla volta. Nel mentre lessate i fusilli al dente. Frullate il tutto grossolanamente e poi tenete in caldo in una piccola casseruola senza farlo bollire. Giusto il tempo di condirci la pasta e che non sia una salsa troppo fredda.

Pennette in salsa di olive taggiasche

pennetteolivelimone

Oggi vi propongo il risultato di una cena improvvisata con 3 ingredienti sopravvissuti ad un frigorifero vuoto… Perchè a volte ti prende la voglia di pasta e per non mangiare il solito pesto te ne inventi uno con ciò che hai… Il risultato? Freschissimo e saporito. In più… ho usato una pasta di lenticchie gialle @Felicia Gluten Free che ne ha moltiplicato il gusto.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di pasta tipo penne, 150 g di olive taggiasche senza nocciolo, 4 pomodorini, olio evo, 1 limone bio, pepe nero, aglio.

Procedimento: mettete a bollire l’acqua poco salata per la pasta. Nel frattempo frullate le olive con un filo d’olio, pepe, il succo di mezzo limone (prima avrete prelevato o grattugiato la buccia ben lavata). La salsa deve risultare fluida quindi partite con poco olio. A parte tagliate i pomodori a dadini.  Spadellati in tegame per due minuti a fuoco medio con 1 cucchiaio di olio. Non salateli. Scolate la pasta e unitela ai pomodori. Contemporaneamente unite la salsa e amalgamate bene il tutto. Servite con lo zest di limone a pioggia!

 

Ziti al pomodoro con rucola e ricotta di capra

 

zitiA volte la semplicità paga l’occhio e appaga il gusto… tre ingredienti che insieme danno vita alla magia di un primo piatto semplice ma davvero gustoso. Una passata di pomodoro casalinga, una rucola acquistata al mercato di quartiere, una ricotta freschissima e soffice. Ma soprattutto un formato di pasta che fa subito gridare al miracolo!

Ingredienti per 2 persone: 200 g di ziti, un mazzetto di rucola, 300 ml di passata di pomodoro casalinga o di ottima qualità (tipo #Mutti), 100 g di ricotta di capra freschissima, 1 spicchio d’aglio, olio evo, sale fino, pepe nero.

Procedimento: mettete a scaldare abbondante acqua salata. A parte, in un largo tegame, mettete a scaldare 3 cucchiai di olio evo, aglio e passata di pomodoro. Regolate di sale. Lavate bene la rucola; riunite le foglie a mazzetto. Scolate la pasta al dente, trasferitela nel tegame e amalgamate bene gli ingredienti per un paio di minuti. Spegnete la fiamma e aggiungete la rucola rotta con le mani. Servite con fiocchetti di rucola, pepe nero a pioggia e un giretto d’olio evo a crudo.

Mezze maniche con cime di rapa, curcuma, pane all’aglio

pastacurcumacimeBuon giorno a tutti! Torniamo in cucina con un primo piatto corposo! Si cucina in poco tempo e vi darà grande soddisfazione! A me è piaciuto molto… fatemi sapere se per voi è stato colpo di fulmine!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di pasta tipo mezze maniche (Rummo), 300 g di cime di rapa, 1 cucchiaio abbondante di curcuma, 200 g di pane grattugiato, olio evo, 2 spicchi di aglio, sale grosso, pepe nero.

Procedimento: mettete a bollire l’acqua per la pasta e una presa di sale. Nel frattempo lavate la verdura, eliminando le parti più dure. Prendete un largo tegame, mettete 1 spicchio di aglio leggermente schiacciati, olio evo e le cime di rapa. Insaporite bene per un paio di minuti. Unite 2/3 cucchiai di acqua di cottura della pasta. Fate ammorbidire le foglie. Regolate di sale. Buttate la pasta e cuocetela al dente. Sciogliete la curcuma in 2 cucchiai di acqua. IMG-2080A parte, in un tegamino tostate il pane con poco olio e uno spicchio d’aglio. Non bruciatelo… mi raccomando. Scolate la pasta (ma non troppo…)versatela nel tegame e amalgamate alla verdura. Dopo un minuto unite  la curcuma e una spolverata di pepe. Servite con una nevicata di pane croccante… Buon appetito!

Pizzoccheri con cavolo nero e bitto

pizzI pizzoccheri sono un tradizionale della Valtellina, originario di Teglio, e consistono in  tagliatelle spesse 2 o 3 mm, larghe 0,5 cm e lunghe 7 cm ricavate da un impasto preparato con due terzi di farina di grano saraceno, che ne caratterizza in colore grigio e un terzo di farina di frumento. Vi lascio la mia ricetta facile facile e anche abbastanza veloce.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di pizzoccheri freschi (i miei arrivavano direttamente dalla Valtellina), 300 g di cavolo nero, 250 g di formaggio tipo bitto, 250 g di burro, 4/5 foglie di salvia fresca, sale, pepe, 1 spicchio di aglio.

Procedimento: mondate e lavate bene il cavolo nero. Tagliate ogni mazzetto in tre parti. Eventualmente eliminate le coste più dure. In una casseruola capiente scaldate abbondante acqua salata. Nel frattempo riducete a dadini il formaggio e tenete pronta una pentola antiaderente con tutto il burro, l’aglio e la salvia. Il burro andrà sciolto a fuoco dolce, deve schiumare ma non bruciare. fase1Lessate il cavolo nero; dopo 5 minuti unite la pasta e portateli a cottura  insieme. Conservate poca acqua di cottura. Scolate il tutto; trasferitelo nel tegame antiaderente con il burro (togliendo l’aglio) unendo anche il formaggio. Mescolate bene finchè il formaggio si sarà ammorbidito. Servite caldissimi con una bella spolverata di pepe.

Mezze maniche piccanti con ceci, pomodori e piselli

mezzepennececi

@CucinaCre-attiva

Oggi vi propongo un primo piatto semplice ma super gustoso che mi sono portata in ufficio. Una pasta @Rummo senza glutine, spettacolare e di grande tenuta in cottura; un sughetto a base di verdura e legumi e per completare… peperoncino piccante per esaltare tutti i sapori.

Ingredienti per 2 persone: 180 g di pasta tipo mezze maniche, 150 g di ceci già lessati, 150 g di pomodori tipo Pachino, 100 g di piselli (surgelati), olio al peperoncino, peperoncino fresco, aglio, origano.

Procedimento: in una casseruola scaldate l’acqua per la pasta con poco sale. A parte, in un tegame antiaderente, mettete uno spicchio d’aglio intero, un cucchiaio di olio piccante, i ceci scolati e passati sotto l’acqua corrente. Cominciate ad insaporire a fuoco lento. Dopo 4/5 minuti unite piselli e pomodori. Se il tutto risultasse un pò asciutto unite poca acqua di cottura della pasta. Regolate di sale e aggiungete origano secco… una presina. Buttate la pasta e cuocetela al dente. Prima di scolare tenete del liquido di cottura. Versate la pasta nel condimento ed insaporite per un paio di minuti… gli elementi faranno amicizia ed il risultato sarà… esplosivo!

Spaghetti di farro con fave e ricotta dura

spaghifave

Siamo arrivati alla fine della settimana e vi lascio con questo primo piatto che mi ha dato tanta soddisfazione a livello  di consensi, gusto e colore. Mi direte subito che non è stagione di fave ma, ho fatto uno strappo alle solite abitudini di stagionalità per un legume che amo molto. Quindi mi sono affidata ad un buon prodotto surgelato. Provatela e fatemi sapere!

Ingredienti per 2 persone: 200 g di spaghetti di farro, 300 g di fave surgelate, 100 g di ricotta dura salata, 4 falde di pomodoro secco sott’olio, pepe nero, olio evo, 50 g scalogno o porro, sale.

Procedimento: in una piccola casseruola andate a sbollentare le fave per 15 minuti. Scolatele e lasciatele intiepidire. Sgusciatene una piccola parte. Con le restanti preparate una salsa in un tegame antiaderente, unendo scalogno e olio evo. Insaporite per 5 minuti, regolate di sale. Nel frattempo scaldate l’acqua, leggermente salata, per la pasta. Riducete a dadini la ricotta e tagliate molto finemente a coltello i pomodori secchi. Frullate le fave in un mixer poi rimettete tutto in tegame. Scolate la pasta (tenere 1/2 bicchiere) al dente, versatela nel tegame, unite 3/4 di ricotta, spolverate di pepe nero e amalgamate bene tutti gli elementi. Servite con le fave sgusciate, altra ricotta e pomodorini. Completate con un giro di olio evo.

Zuppa di scarola, fagioli borlotti e paprika forte

scaroleefagioli

Erano giorni che volevo condividere con voi questa zuppa meravigliosamente buona. Originariamente gustata in occasione di vacanze passate in Campania, ho voluto replicarla perchè di certe cose… non si può fare a meno!

Ingredienti per 4 persone: 2 cespi di scarola (se la prendete al mercato… meglio), 300 g di fagioli borlotti surgelati oppure già lessati, 2 cucchiai pieni di paprika forte, 2 spicchi di aglio, olio evo, pepe nero, sale, 8 fette di pane tipo Altamura. Se non siete vegetariani,in fase cottura finale della zuppa, potete aggiungere dei dadini di prosciutto crudo dolce facendo attenzione comunque al sale.

Procedimento: la parte più impegnativa è quella che comporta il lavaggio e la cottura (brevissima) della scarola, in abbondante acqua. Perderà molto del volume iniziale. Scolatela bene. Prendete una casseruola, mettete all’interno due spicchi di aglio infilzati con bastoncini di legno, per poterli recuperare in seguito. Unite un buon giro di olio evo e la scarola lessata. Avviate la cottura. Salate e pepate. Dopo 5 minuti aggiungete i fagioli e la paprika ed eliminate l’aglio. Regolate il sapore. Cuocete in tutto per 15′. Nel frattempo cospargete il pane di olio e tostatelo su una piastra già calda e che servirete in bella mostra ad accompagnare il vostro piatto di zuppa bollente!

 

Trofie, zucca e cardoncelli

trofiezuccafunghiChiamato con nomi diversi: Cardoncello, Cardarello, Ferlengo, fungo di Ferula, cresce spontaneo in alcune regioni italiane come la Puglia, la Basilicata, la Calabria, Sardegna e alcune province del Lazio e della Sicilia. Ma è l’altopiano delle Murge dove si concentra la maggior parte della produzione spontanea. Non esiste al mondo un fungo mantiene la consistenza invariata anche dopo la cottura. Si può consumare crudo, arrosto, fritto, gratinato, trifolato e come condimento in moltissime pietanze a base di pasta, riso, carne, pesce, legumi e verdure, mantenendo inalterate le sue doti organolettiche. Nella ricetta che vi propongo, la prima di questo 2018, è associato alla zucca… un connubio imbattibile!

Ingredienti per 4 persone: 400 g di pasta fresca tipo trofie, 300 g di zucca mantovana già lessata, 1 vasetto di funghi cardoncelli sott’olio (Terre d’Italia-li trovate al Carrefour Market), 4 cucchiai di panna vegetale,  un mazzetto di prezzemolo, aglio, olio evo, pepe nero.

Procedimento: primo passo mettete a bollire l’acqua per la pasta non troppo salata. Prendete poi il vasetto dei funghi che andrete a scolare bene e ridurre a cubetti. In un largo tegame antiaderente mettete uno spicchio d’aglio, un cucchiaio di olio evo ed i funghi che andrete a insaporire anche con una leggera macinata di pepe. Dopo 5 minuti spegnete. In un mixer ad immersione mettete invece la zucca ridotta a tocchetti, 4 cucchiai di panna vegetale, un mestolino di acqua di cottura della pasta, sale e pepe. Assaggiate e frullate finemente. Lessate la pasta poi scolatela e trasferitela nel tegame dei funghi. Accendete il fuoco, unite la crema di zucca, prezzemolo tritato, un cucchiaio di olio evo e spadellate incorporando bene tutti gli ingredienti. Servite caldissima!

 

 

Pennette fagiolini e feta

pennefagfeta

 

 

 

 

 

 

 

 

Buongiorno e buon appetito! Prima di affrontare le fatiche gastronomiche di Natale vi propongo un primo piatto leggero e gustoso. Da preparare in poco tempo e come me, da portare in ufficio per un pranzo easy. Qui sotto la ricetta!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di penne rigate, 300 g di fagiolini, 200 g di feta a dadini, un mazzetto di basilico, 1 spicchio di aglio, olio evo, 1/2 scalogno piccolo, sale, pepe.

Procedimento: come primo passo lessiamo al dente i fagiolini, lavati e spuntati, in abbondante acqua bollente poco salata. Scolateli ma tenete l’acqua che servirà per cuocere la pasta. Nel frattempo preparate un bicchiere da mixer e mettete all’interno il basilico lavato, lo scalogno tritato fine, una punta d’aglio, 4/5 fagiolini e olio evo. Sale e pepe a piacere. Frullate e tenete da parte. Scolate la pasta al dente e conditela con la salsa che avete preparato. Unite i fagiolini tagliati in tre parti. Unite 1/2 mestolo di acqua di cottura e mescolate bene. per finire ecco la feta a completare il tutto. Servite ben calde!