Casarecce con ragù in verde

casarecce inverde

Buongiorno! Eccomi di nuovo pronta per una nuova proposta: oggi si parla di energia verde a 360°. Mi sono cimentata in un esperimento per valutare se questi ortaggi potessero funzionare insieme. Fave, asparagi, carciofi… tutto rigorosamente fresco… un tocco di rosso dato dai pomodori ciliegini secchi, la croccantezza del pistacchio… beh… vi sorprenderà come questi tre sapori arrivano al palato ben distinti. Vi consiglio di provarli in questo periodo che siamo ancora in stagione.

Strumenti: un piccolo mixer elettrico.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di casarecce ai ceci @felicia gluten-free, 100 g di fave fresche, 5 asparagi verdi, 2 carciofi, 50 g di granella di pistacchi, 4 falde di pomodori ciliegini secchi, aglio, olio evo, sale, pepe.

Procedimento: mettete a bollire l’acqua per la pasta con poco sale. A parte mettete a bollire altra acqua in una casseruola di piccole dimensioni che vi servirà per scottare le verdure che avrete già lavato. Gli asparagi vanno tagliati a rondelle (tenendo da parte le cime), i carciofi tagliati a spicchietti privandoli della “barbetta”. Scottate le tre verdure tutte insieme per 5 minuti poi scolatele. In un tegame antiaderente mettete un pò d’olio, lo spicchio d’aglio. Saltate tutte le verdure per circa 10′. Prelevatene 2/3 (escludendo l’aglio) e frullatele in un mixer con un pò d’olio, due cucchiai di acqua di cottura della pasta, i pomodori secchi tagliati a strisce, un cucchiaio di pistacchi,  sale e pepe. Trasferite il composto nel tegame antiaderente. Scolate la pasta al dente e unitela al ragù con poca acqua di cottura per rendere il tutto più fluido. Amalgamate bene tutti gli ingredienti e servite con granella di pistacchi.

Mezzi rigatoni in salsa di peperoni, curry e pane fritto

mezzemanicheIl sodalizio tra i peperoni e il curry piccante è sempre stato uno dei miei preferiti… un primo piatto facile e sfizioso che non teme il confronto con le più classiche ricette della cucina tradizionale! Pochi ingredienti e tantissimo sapore!

pack_GF_mezzi_rigatoni_51Ingredienti per 4 persone: 350 g di mezzi rigatoni #Rummo glutenfree, 1 peperone rosso e uno giallo, 4 cucchiai di curry piccante, foglie di basilico, 2 fette di pane tipo Altamura o di Matera, sale, pepe, olio evo, cipolla di Tropea.

Procedimento: lavate bene i peperoni e riduceteli a strisce piccole (così cuoceranno prima). Prendete una casseruola di media misura, versate all’interno i peperoni, 1/2 cipolla rossa tagliata fine, il curry, poco sale e 1/2 bicchiere di acqua. Avviate la fiamma e cuocete per circa 20′. Lavate il basilico e mettetele con i peperoni. Assaggiate e regolate il gusto. Mettete a scaldare l’acqua per la pasta con poco sale grosso. A parte, in un tegamino anti-aderente, versate due cucchiai di olio evo. Tagliate il pane a coltello e riducetelo a piccoli dadini; cuocetelo fino a dorarlo un pò. Lessate la pasta al dente. Frullate con un mixer ad immersione i pomodori e teneteli in caldo. Condite la pasta con la salsa e finite il piatto con due foglie di basilico e pane fritto. Buon appetito e alla prossima!

Riso Thai/Mex

 

risothaiQuesto riso è frutto di uno dei miei soliti esperimenti domenicali, ma che tutto sommato si è rivelato davvero buono. Come anticipa il nome della ricetta si tratta di un mix orientale e messicano. Il riso rosso mi è stato regalato ed arriva da molto lontano: Bali. Profumato e delicato con un sentore di affumicato. È praticamente un piatto unico… ma potete accompagnarlo ad un’insalatina. Vi lascio ingredienti e ricetta. Giocatevela nelle prime cene di inizio estate, sul terrazzo, in veranda…

Ingredienti per 2 persone: 200 g di riso rosso, 1 avocado maturo, 1 cipollina di Tropea, 2 pomodori ciliegini, 2 carciofi, 2 lime bio, 6 code di mazzancolla fresca (non surgelate), granella di pistacchio, sale, pepe bianco, olio evo.

Attrezzatura: coppa pasta rotondo o quadrato (circa 10cm di diametro o di lato)

Procedimento: come prima mossa lessate il riso in acqua leggermente salata. Il mio riso era integrale e  ha richiesto ben 40 minuti ed era ancora un pò al dente. Nel frattempo pulite l’avocado: praticate un’incisione sulla lunghezza, girando attorno al frutto e dividetelo a metà. Staccate la noce interna e, con l’aiuto di un cucchiaio prelevate la polpa e mettetela in una ciotola. Spremete il succo di un lime e unitelo subito all’avocado per non farlo ossidare.

Aggiungete la cipolla rossa tritata finemente, i pomodori tagliati nella stessa misura, salate e pepate. Mescolate bene e lasciate da parte. Avete fatto una specie di guacamole semplificata. Controllate la cottura del riso. Ora prendete le mazzancolle, privatele del carapace e togliete il filetto nero (l’intestino). Potete lasciare anche solo la coda. Lavatele bene. Passate ai carciofi: privateli delle spine e della “barbetta bianca”. Tagliateli sottili come per fare un carpaccio. Lavateli. Prendete un tegame antiaderente, versate 2 cucchiai di olio e mettete all’interno carciofi e pesce insieme. Spremete il secondo lime e aggiungetelo, unitamente a sale e pepe. Cuocete per una decina di minuti a fuoco basso.

Assemblate il piatto ispirandovi alla foto: prendete il vostro bel coppa pasta, poggiatelo al centro del piatto, inserite qualche  cucchiaio di riso e pressate leggermente. Ora prendete la crema di avocado e fate il secondo strato. Passate ai carciofi e poggiateli sulla crema di avocado. Chiudete la torre con 3 mazzancolle a testa, la granella di pistacchi e un giro d’olio evo. Farete un figurone con un impegno non troppo pesante e circa 45 minuti di tempo.

Note: per non fare annerire i carciofi mentre li pulite, lasciateli a mollo in una bacinella con  acqua e limone.

Casarecce con robiola, basilico, pomodori e pistacchi

casarecce

Il lunedì è sempre difficile e ieri sera ho un pò improvvisato una cena che poi si è rivelata meglio delle iniziali aspettative. Una salsa avvolgente, esaltata dal basilico fresco, dalla croccantezza del pistacchio e dalla dolcezza del pomodoro… provatela appena potete!

Ingredienti per 2 persone: 200 g di casarecce di lenticchie gialle Felicia, 125 g di robiola di capra, 4 pomodori pizzuttelli, una mazzetto di basilico fresco, 50 g di pistacchi di Bronte (se non ne trovate interi potete usare una granella già fatta), olio evo, sale.

Procedimento: iniziamo con il mettere a bollire abbondante acqua, salata, per la pasta. A parte in un piccolo mixer mettete il basilico e la robiola con 2 cucchiai di olio evo. Frullate per un minuto. A parte su di un tagliere riducete a tocchetti i pomodori. I pistacchi vanno fatti tostare leggermente in un tegame e poi ridotti a granella con un coltello. Se avete acquistato la granella fatela semplicemente asciugare un pò in un tegame senza ovviamente bruciarla. Scolate la pasta, (conservate una tazzina di acqua calda) trasferitela nel tegame usato per i pistacchi, unite la salsa alla robiola, acqua di cottura,  i pomodori, i pistacchi e 2 cucchiai di olio. Mantecate e servite con foglie di basilico intere e una spolverata di granella.

Alla prossima!

Risotto di Primavera

risottodiprimavera

Oggi vi propongo un risotto super goloso e super colorato. Ci sono alcuni dei miei ingredienti preferiti, tutti insieme a celebrare la nuova stagione.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso Carnaroli, 6 asparagi medio-grandi, 150 g di zucca, 1 cipolla grande di Tropea, 50 g di grana padano grattugiato, 1 litro di brodo vegetale, olio evo, sale.

Procedimento: scaldate il brodo. In una casseruola fate un soffritto di cipolla e olio evo. Versate il riso e tostatelo finchè non diventa lucido. Unite due mestoli di brodo e iniziate la cottura. Aggiungete la zucca lavata e ridotta a tocchetti piccoli. Unite anche gli asparagi a rondelle, tranne la testa, e la parte più dura dello stelo. Quando il riso sarà a metà cottura (più o meno dopo 10′) aggiungete le teste degli asparagi. Finite la cottura del risotto (sempre aggiungendo poco brodo alla volta). Assaggiate sempre e regolate di sale. Mantecate con il formaggio a fiamma spenta e servite ben caldo.

Casarecce al verde

casarecceIngredienti per 2 persone: 200 g di caserecce (@feliciaglutenfree ai ceci), 200 g di fagiolini freschi, 1 porro, 50 g di parmigiano reggiano 24 mesi (più un pò per l’impiattamento), olio evo, 1 spicchio d’aglio, sale.

Procedimento: spuntate e lavate bene i fagiolini e tagliateli in tre parti. Mettete da parte. Lavate il porro e riducetelo a rondelle spesse 1 cm. Mettete a bollire l’acqua per la pasta ma versateci dentro le due verdure che cuocerete per circa 10′. Passato questo tempo trasferitene 2/3 (scolandole bene) in un mixer. Nella pentola con la verdura rimasta aggiungete la pasta e poco sale. Nel mixer unite alla verdura poco aglio privato del germe interno, olio evo circa 4 cucchiai, il formaggio e poco sale. Frullate velocemente per 1 minuto. Assaggiate e regolate di sale. Tagliate delle scaglie di formaggio e tenete da parte. Scolate la pasta e conditela con la salsa che avete preparato.

Buon appetito!

Spaghetti cremosi agli agrumi e spuma di cavolfiore

spaghiagrumiErano giorni che volevo sperimentare questo connubio insolito: la freschezza degli agrumi unita alla morbidezza di una spuma di cavolfiore al profumo di mare… provatela! La primavera è arrivata in cucina!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di spaghetti al farro (anche le linguine normali ben si prestano), la buccia grattugiata di un pompelmo rosa e di un limone grande (entrambi bio), 1 bicchiere del loro succo, 400 g di cavolfiori lessati ancora caldi, 1/2 bicchiere di panna veg, 4 acciughe del Mar Cantabrico, sale, prezzemolo tritato fresco, olio evo.

Procedimento: iniziate subito con il mettere a bollore abbondante acqua calda salata per la pasta che cuocerà in circa 6/7 minuti. In una piccola casseruola scaldate leggermente la soia alla quale unirete il succo del limone e parte della buccia grattugiata. Salate leggermente. In un mixer invece radunate il cavolfiore, 3/4 cucchiai di olio evo, 1/2 mestolino di acqua di cottura e le acciughe. Frullate fino a che il composto avrà raggiunto la consistenza di una spuma. Tenete in caldo. Scolate al dente la pasta, conditela con la salsa agli agrumi e del prezzemolo tritato al momento. Adagiate gli spaghetti, per ogni piatto, sulla base di spuma al cavolfiore… un giro d’olio e voilà!

 

Spaghetti ai tre pomodori e porro fritto

spaghitrepomodoriCi sono giorni in cui si vorrebbe cenare in modo semplice ma originale… senza troppo impegno ma con un risultato significativo. Oggi vi propongo un primo piatto molto semplice ma davvero gustoso e soddisfacente.

Non servono molti ingredienti ma devono essere di qualità. Ecco la ricetta.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di spaghetti integrali, 2 tazze di passata di pomodori San Marzano, 4 falde intere di pomodori secchi di Pachino, 100 g di pomodori ciliegini neri, 5/6 foglie di basilico, 1 spicchio di aglio, 50 g di porro (la parte più verdina), sale, olio evo.

Procedimento: iniziamo con il mettere a bollore l’acqua per la pasta con poco sale. Per la salsa procediamo così: in una casseruola scaldate poco olio e lo spicchio di aglio. Unite la passata, le falde di pomodoro secco tagliate a julienne, i ciliegini tagliati a dadini e privati del liquido di vegetazione, semplicemente passandoli dentro un colino. avviate la fiamma moderata, mescolando di frequente. Nel momento in cui l’acqua bolle, togliete l’aglio e frullate la salsa per un minuto con un mixer ad immersione. Buttate la pasta. nel frattempo in un piccolo tegame antiaderente scaldate 1 cucchiaio di olio: affettate a rondelle il porro e fatelo imbiondire in padella finchè diventa leggermente croccantino ma non bruciato. Scolate al dente la pasta, conditela con la salsa e impiattatela con rondelle di porro.

Gnocchi di grano saraceno, fonduta di casera e speck

gnocchisaracenoGli gnocchi di grano saraceno sono una ricetta semplice da preparare: soprattutto se sono avvolti da una setosa fonduta e sa un gustoso speck. E in più se prepararti con una farina gluten-free diventano perfetti anche per l’ospite celiaco o genericamente intollerante al glutine.

Ingredienti per 4 persone: 250 g di farina bianca (gluten free), 250 g di farina di grano saraceno, 1 tuorlo d’uovo, sale, 200 g di formaggio morbido tipo casera, 1/2 litro di panna vegetale, 50 g di speck affumicato.

Procedimento: mescolate le farine, disponetele a fontana su un piano pulito possibilmente in legno, al centro mettete un tuorlo d’uovo non freddo, un pizzico di sale e acqua non fredda a sufficienza per ottenere un impasto consistente. Lasciate riposare per 30′. Prendete un pò di pasta alla volta, fate dei cilindri con le mani (infarinate un pò il piano), tagliateli a pezzetti di 3 centimetri e create delle sfere. Preparate la fonduta: in un pentolino lasciate fondere, a fuoco molto basso, il casera con la panna, mescolando. Lessate in abbondante acqua poco salata gli gnocchi, scolateli, serviti mettendo sulla base la fonduta, poi gli gnocchi e infine delle striscioline di speck. Una spolverata di pepe nero e voilà!

Fusilli risottati con cime, olive nere e acciughe

fusillioliveecimeLegù è fatta solo con farina di legumi in proporzione variabile tra ceci, fagioli bianchi e piselli gialli decorticati. Abitualmente uso, nella mia alimentazione, pasta di legumi. Ma devo dire che anche questa marca mi ha ampiamente soddisfatto in gusto, consistenza e resa in cottura. Ho voluto provarla con un condimento molto “sud-mood” ed il risultato è stato davvero soddisfacente. E in più è gluten-free…

Ingredienti per 2 persone: 200 g di pasta corta a base di farina di legumi, 200 g di cime di rapa, 100 g di olive nere di Gaeta, 4 filetti di acciughe del Mar Cantabrico, 1 spicchio di aglio, olio evo, sale, pepe.

Procedimento: in una casseruola antiaderente o in una wok (preferibile) mettete 4 cucchiai di olio evo e soffriggeteci uno spicchio di aglio e 2 filetti di acciuga. Procedete così, a fiamma bassa per 2 minuti poi unite le cime di rapa mondate, lavate e poco scolate. Regolate di sale e lasciatele insaporire per 5 minuti. A questo punto unite le olive leggermente passate sotto l’acqua corrente e la pasta che cuocerà in 3 minuti. Aggiungete 1/2 bicchiere di acqua tiepida e lasciate tirare il liquido, mescolando di frequente. Unite gli altri 2 filetti di acciuga. Terminate la cottura e servite subito!