Crostata frutti di bosco e mandorle

crostatafruttimandorleLa ricetta della mia crostata di famiglia è sempre la stessa, fatto salvo per la farina (gluten free a volte) o per la sostituzione del burro con l’olio. Di certo cambia il ripieno, la copertura, la forma, ma la sostanza è la stessa.

Vi lascio come al solito la lista degli ingredienti e il procedimento, che ormai credo abbiate imparato!

Teglia di circa 22 cm di diametro.

Ingredienti: 300 g di farina 00 (o gluten free),3 tuorli d’uovo grandi, 150 g di burro a temperatura ambiente, 75 g di zucchero di canna, buccia grattugiata di un limone non trattato, un pizzico di cannella, 1 vasetto di marmellata alle fragoline di bosco Rigoni Asiago, 1 cucchiaio di olio d’arachidi, 100 g di mandorle, farina e burro in più per la teglia.

fase1Procedimento: in un ampio contenitore versate la farina, il burro, le uova, lo zucchero, il limone grattugiato, il pizzico di cannella, l’olio. Impastate per circa 5 minuti, tempo sufficiente a formare una palla solida e compatta. Lasciate riposare per almeno 15 minuti. Nel mentre, tostate le mandorle in tegame antiaderente per un paio di minuti; infarinate e imburrate la teglia. Ritirate la frolla da frigo. Tagliatene una metà abbondante, mettetela tra due fogli di carta forno. Stendete un disco con diametro di circa 30 cm. Trasferite la sfoglia nella teglia; tagliate l’eccedenza dal bordo passandoci sopra il mattarello o tagliando semplicemente con un coltello. Riempite il fondo con un mix di marmellata e mandorle tostate e tagliate grossolanamente a coltello. Stendete il secondo disco di frolla e decorate a piacere con i taglia pasta che amate di più o semplicemente a strisce incrociate. Cuocete in forno statico preriscaldato, 180°, 25 minuti circa.

Buona colazione, buona merenda o buon dessert.

Strudel di mele

strudel

Lo strudel di mele è, da sempre, uno dei dolci che devo fare almeno due/tre volte al mese. Era facile prima: prendevo la sfoglia senza glutine eravamo già a metà dell’impegno richiesto. Da oggi basta sfoglia (troppo burro, un pò unta e pesante) e diamo il via ad una nuova era. La ricetta di oggi prevede la pasta da strudel a regola d’arte e un ripieno super profumato. Provatela e fatemi sapere se vi è piaciuta.

Ingredienti per la pasta: 130 g di farina di manitoba (o anche 00), 30 ml di acqua, 1 cucchiaio di olio, 1 uovo a temperatura ambiente.

Ingredienti per il ripieno: 2 mele (circa 500 g) golden, 80 g di zucchero (in alternativa sciroppo d’agave a piacere), 80 g di fiocchi di mais o biscotti secchi sbriciolati, 80 g di uvetta già ammollata, 1 manciata di noci sgusciate, 1 cucchiaio di cannella, zucchero a velo per la decorazione finale, latte.

IMG_4472In una ciotola mettete tutti gli ingredienti per la pasta e impastate con le mani fino a che non si formerà una bella palla liscia. È un procedimento facile e veloce. Riponetela in frigo a riposare per 20′. Passiamo al ripieno: sbucciate e tagliate le mele a fettine sottili. Riponetele in un recipiente. Unite lo zucchero, l’uvetta ammollata e strizzata, le noci leggermente tagliate a coltello, la cannella, i cereali (o i biscotti) e mescolate con un cucchiaio. Lasciate da parte e riprendete la pastaIMG_4475 dal frigorifero. Mettete la pasta tra due fogli infarinati di carta forno. Stendetela con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia leggera e di forma quadrata. Posizionate il ripieno nella parte centrale della pasta, sul lato lungo; sollevate i bordi, richiudete verso l’interno, sigillate bene. chiudete bene anche gli estremi. Fate dei tagli obliqui o punzecchiate al superficie con la forchetta. Potete anche fare delle decorazioni. Spennellate con del latte tutta la superficie. Cuocete in forno già caldo a 180° per circa 30′ modalità statica.

Servite spolverizzato di zucchero a velo e buon appetito!

Elly’s cheesecake

cheesecake

Oggi vi incanterò con un dolce che non potrete fare a meno di ammirare e spero… provare! Non è opera mia ma di mia figlia che ogni tanto riempie la casa di un profumo celestiale… proveniente dal forno… La ricetta è sempre la storica presa e leggermente modificata dal libro di dolci download“American Bakery” della famosissima blogger americana Laurel Evans. La ricetta va un pò “assimilata” e con il tempo migliorerà sempre di più: potrete variare il tipo di frutta, di marmellata, ma sarà sempre e comunque strepitosa.

Note:  le cheesecake possono nascondere alcuni passaggi insidiosi  quindi bisogna sempre tenere sotto controllo la cottura  poiché le variazioni nella temperatura del forno possono influenzare il risultato finale – il formaggio spalmabile deve essere a temperatura ambiente e la farcia non deve essere lavorata eccessivamente.

Ingredienti – per la base:75 g di biscotti tipo Digestive finemente sbriciolati, 40 g di burro, 1 cucchiaio e mezzo di zucchero, 25/30 g di nocciole tostate e tritate; per la farcia: 500 g di formaggio spalmabile (Philadelphia) a temperatura ambiente, 125 g di zucchero, la scorza grattugiata di 1/2 limone bio, 1/2 cucchiaio di estratto di vaniglia (facoltativo), 2 uova intere non fredde, 1 cucchiaio di farina glutenfree Schaer, 60 g di yogurt ai frutti di bosco; per la copertura: un cestino di fragole, uno di mirtilli, 150 g di marmellata di lamponi e rabarbaro, succo di 1/2 limone bio.

Accessori: frusta, mixer, contenitori in acciaio, spatole.

Procedimento: pre-riscaldate il forno a 170°C. Dedichiamoci ora alla preparazione della base. In un recipiente mescolate i biscotti (sbriciolati) con il burro che avrete fuso a fuoco basso. Unite lo zucchero e le nocciole e mescolate con una forchetta. Imburrate una teglia a cerniera del diametro di 23cm. Versate il composto e premetelo bene a coprire tutta la superficie… aiutatevi con un cucchiaio nel caso o con una spatola a lama corta. Cuocete per 13′ e poi sfornate subito. Fare raffreddare molto bene. Nel frattempo, con tutta calma dedicatevi alla farcia. In un recipiente mescolate il formaggio con lo zucchero e cercate di ottenere un composto ben liscio. Usate una piccola frusta a mano. Aggiungete la scorza di limone e l’estratto di vaniglia. Unite anche le uova (una alla volta incorporandolo bene), lo yogurt e la farina, setacciata, per evirate sgradevoli grumi. Incorporati tutti gli elementi, mettete da parte e controllate che la base sia ben fredda. Versate la farcia sulla base e infornate nuovamente a 250°C per 10′. Passato questo tempo abbassate la temperatura a 90° e proseguite la cottura per altri 40′ o fino a quando la crema sarà ben soda ma con la parte centrale leggermente “tremolante”. Tirate fuori dal forno e passate subito la lama di un coltello lungo il bordo della torta. Lasciare raffreddare completamente e se possibile lasciatela in frigorifero per almeno 4 ore prima di coprirla. Potrete gustarla così o procedere ad una copertura super scenografica: scaldate la marmellata per 2′ in un pentolino a fuoco basso e con questa copriteci la torta, badando a non farla cadere lungo i bordi. Tagliate la frutta mantenendo una dimensione uniforme e disponendola sopra la base secondo il vostro estro! Servite subito o raffreddate leggermente per stabilizzare la frutta.

Pastiera all’uvetta

pastierina

La pastiera è notoriamente un dolce relegato al periodo Pasquale… personalmente la mangerei tutto l’anno senza dover aspettare quell’unico periodo. La mia è una versione tutta personale, più alleggerita rispetto all’originale… ma sempre gradita a napoletani e non!

Ingredienti per la frolla di base: 300 g di farina di manitoba (anche glutenfree), 3 tuorli d’uovo grandi non freddi, 125 g di burro (non freddo), 75 g di zucchero, un pizzico di sale, 4 cucchiai di latte (da aggiungere se l’impasto risultasse troppo slegato).

Per il ripieno: 400 g di grano cotto, 250 g di ricotta di capra, 100 g di uva sultanina, 100 ml di latte, 60 g di zucchero bianco, aroma di fiori d’arancio, buccia grattugiata di 1 arancio bio.

Procedimento: questa torta è davvero molto impegnativa quindi iniziamo con impastare gli ingredienti (a temperatura ambiente) della frolla. Amalgamate a mano, preferibilmente, e dopo aver formato una palla, lasciate riposare per almeno 15 min nella zona meno fredda del frigorifero. Passiamo al ripieno. In una casseruola mettete il grano cotto, il latte e lo zucchero. Fate arrivare a bollore poi abbassate e cuocete per altri 15/20. Il composto dovrà avere una calo di liquido e  la consistenza di una crema. fase1Trasferite in un recipiente d’acciaio. Unite la ricotta che avrete precedentemente setacciato e amalgamatela alla crema. Incorporate, la buccia d’arancia e l’aroma di di fiori d’arancio. Riprendete la frolla e foderateci con 3/4 dell’impasto una teglia dai bordi alti e un diametro di almeno 24 cm. Riempite con il composto fino a 1/2 cm dal bordo. Completate la decorazione con le classiche strisce incrociate (vedi foto) come vuole la tradizione.fase2Infornate per 30′ in forno statico a 180°. Dai 20′ controllate la cottura. È consigliabile consumarla almeno 12 ore dopo la cottura per assaporare appieno profumi e fragranze. Anche in questo caso freschezza degli ingredienti sarà determinante.

NB in alternativa potete fare delle mini-pastiere…

Muffin con gocce e cuore di cioccolato

muffin

Ingredienti: 2 uova intere non fredde, 100 g di zucchero bianco, 50 ml di olio di semi di girasole, 60 ml di latte, 240 g di farina gluten free (anche la farina di manitoba può andare bene), 50 g di gocce di cioccolato, 1/2 bustina di lievito #Bertolini, nocciolata #Rigonid’Asiago, zucchero a velo.

Vi serviranno: 12 pirottini in carta #MaisonduMonde, 2 basi in silicone per 12 muffin, frusta elettrica.

Procedimento: in una ciotola rompete le uova e sbattetele con l’aiuto di una frusta elettrica. Unite lo zucchero. Continuerete a frullare all’introduzione di nuovi ingredienti. Aggiungere l’olio, il latte, le gocce di cioccolato, la farina ed il lievito setacciati insieme. Mescolate bene e poi lasciate un attimo da parte. Posizionate i pirottini all’interno  delle basi in silicone, adagiare un cucchiaio abbondante di impasto all’interno di ognuno. Mettere un cucchiaio di nocciolata all’interno e coprire di nuovo con un cucchiaio di impasto fino ad esaurimento. Cuocete a 180° per 20′ in forno statico. A cottura ultimata, raffredateli bene e cospargeteli di zucchero a velo!

Torta di pere e gocce di cioccolato

tortamelecioccolato

 

 

Buongiorno followers! Oggi apriamo il weekend in dolcezza con una torta buonissima, tanto per la colazione che per la merenda. Umida al punto giusto e tanto, tanto golosa!

Si prepara in pochi minuti e si cuoce in mezz’ora: meglio di così! Buon weekend!

Strumenti: frusta manuale o elettrica, stampo a forma di rosa in silicone (se possibile), staccante spray per dolci.

Ingredienti: 3 uova intere non fredde, 120g di zucchero di canna, 120 g di farina di manitoba (o gluten free), 100 g di olio di semi di girasole, 1 vasetto da 125g di yogurt alla vaniglia o bianco, 50 g di gocce di cioccolato #Tulipano, 1 pera abate, 1 bustina di lievito per dolci, burro e farina per la teglia, zucchero a velo.

Procedimento: in un contenitore a sponde alte battete le uova con lo zucchero; aggiungete anche l’olio. Unite la pera sbucciata e ridotta a cubetti continuando a mescolare con la frusta. Passate allo yogurt e incorporatelo bene. Unite le gocce di cioccolata. Setacciate farina e lievito insieme e uniteli al composto, sempre mescolando. Se usate lo stampo in silicone basterà una passata veloce di staccante spray per dolci. Se usate una teglia classica o a ciambella, imburrate e infarinate la superficie. Infornate per circa 25/30 minuti in forno statico a 160°C. Dopo 20′, controllate la cottura con uno spiedino in legno. A cottura ultimata raffreddate bene, sformate con delicatezza e cospargete di zucchero a velo.

N.B.L’aspetto generale della torta è un pò scuro grazie all’uso dello zucchero di canna.

meleciocco

Madeleine alle gocce di cioccolato

MadeleineTempo fa avevo proposto delle Madeleine agli agrumi e vi erano molto piaciute. Oggi ve le propongo con una nuova ricetta e un nuovo gusto. Cibo e gastronomia hanno da sempre un ruolo importante in letteratura. Un esempio potrebbe essere un’opera famosa che ha dato ispirazione a molti autori successivi. Si tratta di Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust. In questo romanzo racconta di come, dopo aver assaggiato un biscotto inzuppato nel tè mentre si trovava a Parigi, gli tornino in mente dei dettagli di lontana memoria infantile. Tutto merito di questo delizioso dolcetto che vi consiglio accompagnato da un tè profumatissimo e caldissimo.

Ingredienti per circa 16pz: 2 uova intere, 90 g di zucchero (rigorosamente bianco), la buccia grattugiata di un limone bio, 50g di gocce al cioccolato fondente, 130 g di farina gluten-free, 1/2 cucchiaio di lievito per dolci, 130 g di burro fuso, zucchero a velo q.b..

894858_sf_032Attrezzatura: frusta elettrica, paletta per gelato e 2 stampi in silicone a conchiglia per piccole Madeleine.

Procedimento: tutto molto semplice… in una ciotola iniziate a mescolare le uova (non fredde) con lo zucchero. Unite la buccia di limone, la farina e il lievito setacciato, il burro sciolto. Mescolate benissimo con una frusta a mano o elettrica. Coprite il contenitore con pellicola e riponete in frigorifero per minimo 1 ora. Io ho lasciato l’impasto al freddo per un’ora e mezza. Accendete il forno sui 170°C. Ungete gli stampi con un pennello e 10 g di burro sciolto (che avrete prelevato e conservato da quello unito all’impasto). 29133016_1589995431116411_186048551514537984_nCon l’aiuto di 2 cucchiai o una paletta tonda per gelati, prelevate una piccola quantità di impasto freddo e lasciatelo cadere all’interno di ogni forma. Si adagerà da solo. Infornate e per 11′ in modalità statica. A cottura ultimata lasciate raffreddare bene prima di sformarle dallo stampo. Spolverate abbondantemente di zucchero a velo.

Castagnole al rum

castagnoleSono il dolce classico di Carnevale insieme alle chiacchiere, alle zeppole, agli arancini e alle frittelle. Pochi  ingredienti e tanta soddisfazione. A mio avviso sono buone anche se non è più Carnevale… ma attenzione: creano dipendenza!

INGREDIENTI:
350g di farina di manitoba, 2 uova, 75g di zucchero di canna, 75g di olio di semi di girasole, 1/2 bustina di lievito, un bicchierino da liquore di Rum, olio per friggere, zucchero a velo o zucchero semolato.

Procedimento: in un recipiente mescoliamo le uova, lo zucchero, l’olio, il lievito vanigliato, il rum, infine 350g di farina da aggiungere poco per volta e setacciata con un colino. Mescolate bene. Prima potete usare un cucchiaio poi usate le mani fino ad ottenere un’impasto compatto e lucido. Scaldate l’olio per friggere in un tegame capiente.  sequenzaCon l’impasto create delle strisce e le tagliamo a tocchetti con il coltello. (vedi foto) Con ogni tocchetto prepariamo delle palline di dimensione possibilmente uniforme. Immergete nell’olio un bastoncino di legno e se attorno si formano delle bollicine l’olio è in temperatura. Friggiamo le castagnole a gruppi di 5/6, mescolando delicatamente per cuocerle da tutti i lati. Quando le castagnole sono dorate, prelevatele con una schiumarola, depositatele su un vassoio con carta assorbente e lasciatele raffreddare. Passate a preferenza nello zucchero semolato o servitele con tantissimo zucchero a velo.

Mezzelune alla crema di nocciola

IMG_2291

Non vi viene voglia di addentarle subito… assolutamente irresistibile questa frolla al limone… con questo ripieno super invitante? Cosa aspettate a mettervi subito ad impastare? Ecco di seguito come fare!

Ingredienti: 200 g di farina di manitoba, 2 tuorli d’uovo a temperatura ambiente, 70 g di zucchero, 75 g di burro, la buccia grattugiata di un grosso limone bio, un vasetto di Nocciolata #RigoniAsiago, zucchero a velo.

Procedimento: in un recipiente rompete le uova usando solo i tuorli. (con la rimanenza potrete fare delle ottime meringhe). Unite il burro a temperatura ambiente e amalgamate a crema i due ingredienti. Unite il resto degli ingredienti e finite di impastare a mano. Riponete la palla che si andrà a formare il un foglio di pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigo per 15′. Fatto ciò stendete la frolla su una base leggermente infarinata o tra due fogli di carta forno, purche sia alta almeno 3mm. Prendete un coppapasta del diametro di 10 cm e ricavate tanti piccoli dischi che andrete a riempire con un cucchiaino di nocciolata. Richiudete a mezzaluna, sigillate con i rebbi di una forchetta e disponete su una placca rivestita di carta forno. Cuocete per circa 15′ a 170°C (dipende dal forno… è un attimo bruciarli). Sfornateli, fateli raffreddare e spolverizzateli di zucchero a velo.

Ciambella alle pere vegan

plumcakeveganUna ciambella morbida, profumata. Un dolce senza uova, pieno di frutta, che vi farà cominciare la giornata con il buonumore e con il pieno di energia. Ma anche perfetto per una una sfiziosa merenda dei bambini. L’impasto è particolarmente morbido umido grazie alla presenza dello yogurt, la freschezza del limone e il tocco della granella da a questo dolce un tocco semplice ma delizioso.

Ingredienti: 250 g di farina (glutenfree), 130 g di zucchero di canna grezzo, 1 bustina di lievito naturale (o cremor tartaro), 125 g di yogurt bianco (o gusto vaniglia) di soia, 140 g di latte di soia (o altro latte di riso, avena), 80 g di olio di semi di girasole, 2 pere abate, la scorza di un limone bio non trattato, 1 cucchiaio di acqua, 100 g di granella di mandorle, 1 cucchiaio di sciroppo d’acero.

Procedimento: in un recipiente riunite la farina, lo zucchero, il lievito. Mescolate con un cucchiaio di legno, poi versate lo yogurt di soia, il latte vegetale, la granella di mandorle (non tutta), l’olio di semi di girasole e la scorza del limone; amalgamate bene il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo. Tagliate una pera a cubetti che unirete all’impasto. Versate quindi il composto in uno stampo da ciambella leggermente unto e infarinato. Tagliate a fettine l’altra pera  e disponetele in maniera regolare sulla superficie, poi spennellatele con lo sciroppo d’acero allungato con 1 cucchiaio di acqua. Completate con la granella rimasta.  Infornate in forno statico a 180°C per 50 minuti. Sfornate, lasciate intiepidire e rimuovete dallo stampo.