Risotto con crema di piselli, ricotta di capra e basilico

risoepiselliIngredienti per 4 persone:320 g di riso Carnaroli, 250 g di piselli freschi(ma anche surgelati), 100 g di ricotta di capra, 1 scalogno, 1lt di brodo vegetale caldo, 40 g di burro (o margarina), olio extravergine di oliva, 1 cucchiaino di basilico tritato fresco, ½ bicchiere di vino bianco, 4 gherigli di noce, sale e pepe q.b, foglie di basilico per decorazione.

Procedimento: prepariamo i piselli. Affettate lo scalogno e fatelo appassire dolcemente in una casseruola con l’olio e una noce di burro. Quando sarà  trasparente unite i piselli e fateli cuocere con un paio di cucchiai di brodo caldo fino a quando saranno diventati morbidi. Salate e pepate a piacere. Tenete da parte un terzo dei piselli per la guarnizione finale. Frullate la parte restante fino a ottenere una crema che aggiusterete di sale e di pepe.

Tritate grossolanamente le noci, fatele tostare con attenzione in un tegamino, senza aggiungere niente.

Dedichiamoci al riso… Tostate il riso a secco in una casseruola per un paio di minuti, sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare. Portate a cottura unendo un mestolo di brodo vegetale caldo alla volta. A metà cottura circa dalla fine cottura aggiungete la crema di piselli in più riprese, sempre mescolando. Nel frattempo lavorate il formaggio con basilico, un filo d’olio, sale e pepe. Torniamo al riso… a fine cottura, spegnete e aggiungete il burro per mantecare. Servite con una quenelle (cucchiaio) di crema al basilico, qualche pisello che avete messo da parte, poche foglie di basilico e le noci.

Miglio vegetariano al profumo di limone

miglioprimavera

Ogni tanto prendetevi il “lusso” di cambiare… quella di oggi è una ricetta che va bene da primavera a tarda estate. Leggera, versatile, utile da trasportare per il pranzo in ufficio o per un pranzo “en plein air”… quando si potrà! Il miglio è un ottimo alimento, ricco di sali minerali, carboidrati, proteine e vitamine del gruppo A e B. Privo di glutine e facilmente digeribile, questo antico cereale minore favorisce la salute intestinale e il benessere cardiovascolare, contribuendo anche a rinforzare l’apparato osteo-articolare.

Ingredienti per 2/3 persone: 200 g di miglio, 1 carota grande, 1 zucchina,
1 cipollotto, 1 manciata di fagiolini già lessati., 4 pomodori pachino, olio evo, sale, pepe nero, 1 limone bio.

Procedimento: Lessare il miglio in acqua salata, o brodo vegetale, per circa 20 minuti (non deve cuocere troppo, altrimenti diventa pappa). Nel frattempo occupiamoci di rosolare in padella il cipollotto tagliato a rondelle, aggiungete le zucchine a cubetti piccoli, le carote tagliate con il pelapatate, i pomodori tagliati a fette e cuocetele lasciandole croccanti. In ultimo unite i fagiolini lessati e tagliati corti. Una volta cotto il miglio, scolatelo e fatelo insaporire spadellandolo con le verdure per qualche minuto in padella. Spremete il succo di mezzo limone. Completate con olio evo e pepe nero!

Risotto con asparagi, patate, basilico

risottoasparagipatate

Buongiorno, oggi vi lascio una versione in più del tanto celebrato e cucinato simbolo di milanesità: il risotto con asparagi. Nel blog ne trovate tante versioni ma questo è assolutamente da provare.

Ingredienti per 4 persone: 360 g di riso Carnaroli, 300 g di asparagi verdi (in genere li vendono a mazzi), 1 bustina di zafferano, una patata media, 1 scalogno, una manciata di mandorle, olio evo, sale, pepe, 1 litro di brodo vegetale.

Procedimento: Lavate bene gli asparagi poi lessatene in acqua salata 2/3 del peso per 15 minuti dall’inizio del bollore. Quelli crudi vanno trattati così: tenete le punte intere e i gambi tagliati a rondelle non troppo sottili (1cmdi lunghezza). In un casseruola versate 4 cucchiai di olio, 1/2 scalogno tritato fine e avviate il soffritto. Non appena l’olio sfrigola unite il riso, tostatelo e aggiungete 2 mestoli di brodo. Fate assorbire il liquido e aggiungete un nuovo mestolo. Unite subito gli asparagi crudi, la patata tagliata a dadini, lo zafferano. Nel mentre che cuoce il risotto, scolate gli asparagi e frullatene la metà. La crema che ne risulterà dovrete unirla a 5 minuti dalla fine cottura, ovvero dopo 15′ circa. Terminate la cottura del riso aggiungendo liquido solo quando il precedente si sarà assorbito. Spegnete il fuoco. Mantecate con poco olio evo. Lasciate 1 minuto a riposare e poi impiattate come nella foto con gli asparagi lessati rimasti.

NB Gli asparagi risulteranno “croccantini” ma è giusto che sia così.

Risotto agli asparagi e pistacchi

risottoasparagipistacchiLa mia passione per i risotti è infinita e qui ne trovate l’ennesima, gustosa versione. Dolce ma non troppo, semplice ma elegante, buono anzi buonissimo!

Ingredienti per 2 persone: 200 g di riso tipo Carnaroli (anche un Roma… all’occorrenza va bene), 200 g di punte d’asparagi, 50 g di pistacchi, 1 scalogno, olio evo, 1 litro di brodo vegetale, pepe nero.

Procedimento: sistemate una casseruola sul fuoco basso con poco olio, scalogno lavato e affettato finemente, gli asparagi tagliati in piccole parti tipo rondelle tenendo a parte le punte che inserirete a metà cottura. Non appena lo scalogno imbiondisce unite il riso; tostatelo dopo di che avviate la cottura con 2 mestoli di brodo vegetale caldo. Ci vorranno circa 20′ di cottura in tutto. A circa 5 minuti dalla fine inserite i pistacchi tagliati a coltello (tenetene qualcuno per la fine). Cuocete per 10′ in tutto. A cottura ultimata, impiattate il risotto e sulla sommità cospargete con pepe nero macinato fresco e con pistacchi tagliati grossolanamente. Buon appetito!

Funghi ripieni di riso

funghiripienidiriso

Oggi vi propongo una ricettina furba che da sola fa da piatto unico efa molto vacanza. Useremo una qualità di fungo grande e carnosa, molto adatta a queste preparazioni. Ecco come farli!

Ingredienti per 4 persone: 4 funghi tipo portobello grandi, 200 g di riso Carnaroli, 50 g di grana padano grattugiato, 1 uovo, rosmarino fresco, salvia, 1 cucchiaio di funghi secchi (porcini), sale, pepe, aglio, olio evo, pane grattuggiato q.b..

Procedimento: Lessate al dente il riso in acqua salata. Nel frattempo, pulite, con un panno umido, i funghi portobello da terra e residui. Passate poi alla rimozione del gambo ed aiutandovi con un cucchiaino, rimuovete delicatamente anche tutte le lamelle, che terrete da parte. Terminata questa operazione, passate alla cubettatura del gambo. Versate in una padella qualche cucchiaio di olio evo e fatevi imbiondire lo spicchio d’aglio schiacciato e tritato finemente. Unite gambi, lamelle e funghi secchi precedentemente ammollati in acqua calda; fate insaporire per 5 minuti. Unite del rosmarino tritato finemente. Tenete in caldo. Scolate il riso, trasferitelo in una ciotola e conditelo con i funghi. Unite un tuorlo d’uovo, il formaggio, regolate di sale e pepe e riempiteci i funghi. Adagiateli in una teglia foderata di carta forno e unta con un pò d’olio. Mettete del rosmarino e della salvia per profumare. Cospargete di pane grattuggiato e infornate a 180° per 20 minuti circa.

Farro in Vasocottura

farroinvasocottura

 

Una ricetta semplice che, grazie alla presenza di  un cereale ottimo come il farro e verdurine varie, diventa un ottimo piatto unico. Un mix perfetto per queste giornate  dove si desidera pranzare leggeri ma con gusto! Così ho deciso di tentare la cottura in vasetto. Ora non mi resta che lasciarvi la ricetta.

Ingredienti per 2 persone : 250 g di farro già lessato, 100 g di piselli surgelati o già lessati, una manciata olive nere piccole denocciolate, 8 pomodorini, mezza cipolla bionda, 4 cucchiai Olio Evo, qualche foglia Basilico, un cucchiaio di capperi, 1/2 peperone giallo, 1/2 cucchiaio di olio al peperoncino.

2 vasetti da 500ml

Procedimento: pelate e affettate la cipolla. Lavate i pomodorini e riduceteli a cubetti. Mettete in ciascun vasetto da 500 ml, un pò di cipolla, i piselli, 4 pomodorini, 125 grammi di farro, peperone giallo a tocchetti, un cucchiaio di olio, i capperi suddivisi in due vasetti, foglie di basilico, le olive anch’esse suddivise, un pizzico di sale e 50 ml di acqua.

 

Completate i 2 vasi e chiudete bene. Procedete con la cottura su fornello: prendete una casseruola in acciaio e un asciugamano che servirà a tamponare i movimenti dei vasetti in fase di bollitura. A partire dal bollore dell’acqua calcolate 15-17′.

Terminata la cottura, lasciate riposare la ricetta per 20 minuti. Tempo durante il quale si formerà il sottovuoto e si ultimerà la cottura. Nel frattempo cuocete gli altri vasetti.

Al termine di questo tempo servite direttamente in tavola… tra lo stupore dei vostri ospiti.

Aromatizzate con altro basilico, mescolate e servite.

Risotto allo zafferano e asparagi (ricetta filmata)

risottorafferanoaspcrema

Il riso ha origini asiatiche e fu importato in Europa dai Mori e dai Saraceni, facendo la sua comparsa in Italia attorno al XIII secolo. Troverà poi terreno ideale in Pianura Padana e nella zona del Vercellese. Il connubio riso e zafferano è nato probabilmente dal riso col zafran, un piatto già conosciuto nel Medioevo. Ma quando compare in Italia? Probabilmente nel 1700, grazie al cuoco Antonio Nebbia che ne parlerà nel suo libro Il Cuoco maceratese, del 1779.

Questo preambolo per anticiparvi la ricetta di oggi che non è sicuramente nuova ma che ho modificato negli ingredienti e consistenze. Non parlo solo degli asparagi ma soprattutto dei pregiati, preziosi pistilli di zafferano di @Zaffineria, acquistati in occasione della Fiera Live Wine. Ma la loro storia già la conoscete… vi lascio la ricetta.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di riso Carnaroli, 1 scalogno, 10 pistilli di zafferano, 1 mazzetto di asparagina, 1/2 bicchiere di vino bianco secco, 1 litro di brodo vegetale, 40 grammi di burro, 50 grammi di grana lodigiano, olio evo, sale.

Procedimento: mettere in infusione gli stimmi (circa 5 stimmi a persona se uniti a 3, altrimenti 15 pistilli separati) in pochissima acqua calda (circa un dito orizzontale) almeno 1 ora prima dell’utilizzo.

mont1Nel mentre dedichiamoci agli asparagi che dovete ben lavare, privare della parte finale del gambo (troppo dura) e privare della punta che cuoceremo insieme al riso nella parte iniziale. Lessate i gambi in acqua bollente fino a che si saranno ammorbiditi: ci vorranno almeno 15/20 minuti. tostaturaNel frattempo riducete lo scalogno a rondelle e preparate un soffritto con una punta di burro e poco olio evo. Dopo un paio di minuti inserite i riso, tostatelo bene e sfumate con il vino bianco (facoltativo). Aggiungete 2 mestoli di brodo caldo e le punte di asparago crude. Portate a cottura aggiungendo un mestolo alla volta, fino a completo assorbimento. Scolate i gambi d’asparago, frullateli in un mixer con un cucchiaio d’olio, un poco di brodo e grana grattuggiato, fino ad ottenere una crema liscia.inzaff

A due minuti dal termine della cottura del riso inserite lo zafferano (pistilli e liquidi) e spegnete mantecando con il burro restante. Servite caldo con qualche cucchiaio di crema d’asparagi per ogni commensale.

Riso Basmati con pak choi, alghe e zenzero

basmatiOggi vi propongo una ricetta ispirata alla cucina orientale. Si tratta di un primo piatto a base di riso a grana lunga (tipo basmati), saltato in padella.

Se non avete sentito parlare del pak-choi (o bok-choy o cavolo cinese), posso intanto dirvi che sembra sia stato introdotto in Europa dalle comunità asiatiche residenti ad Amsterdam. Personalmente lo uso molto spesso nelle mie ricette, grazie alla sua versatilità, digeribilità e leggerezza. Si può far saltare direttamente in tegame con olio e zenzero o anche unirlo ad un carboidrato tipo “noodles” in brodo. Nel mio caso ho voluto aggiungere un “finto” sentore di mare con un alga molto in voga ma anche molto buona, l’alga wakame, che potrete recuperare facilmente alche nella grande distribuzione, reparto oriental food. La Wakame è un alga marina che, insieme alla Laminaria, rappresenta una risorsa alimentare di primaria importanza per l’economia globale, soprattutto per le nazioni dell’Asia orientale e del Sud-est asiatico. La Wakame rappresenta la fonte più ricca di proteine, con un contenuto medio di 16,3 grammi per etto di prodotto. Davvero notevole.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di riso basmati, 2 cespi di pak choi, 50 g di anacardi, 1 manciata di alga wakame essicata, 1 radice di zenzero fresco, salsa di soia, olio evo, sale.

Procedimento: come prima cosa mettete a lessare il riso in un una casseruola a sponde alte, con poco sale e l’alga. Basteranno 8 minuti. A parte in una tegame tipo “wok” versate 2 cucchiai di olio evo, il pak choi lavato, non troppo scolato (non asciugatelo), ridotto a listarelle e un cucchiaino di radice di zenzero grattugiata. Cuocetelo per lo stesso tempo di cottura del riso. Tostate gli anacardi in un tegamino senza olio e poi tagliuzzateli a coltello. Scolate riso e alghe e versate il tutto nella wok. Aggiungete gli anacardi e 1 o 2 cucchiai di salsa di soia, assaggiate. Saltate il tutto per un minuto e servite.

Se volete aggiungere una proteina animale potete scegliere tra gamberetti e pollo.

Risotto con zucca arrosto e piselli

risotto

Un’altro risotto con la zucca… avrete pensato… eh si perchè non c’è mai fine all’amore per questo binomio magico. Quest’oggi però c’è la variante del sapore total sweet… affrontiamo questo freddo week end in dolcezza e gusto!

Ingredienti per 2 persone: 200 g di riso Carnaroli, 100 g di piselli freschi (quando siamo in stagione) o surgelati, 200 g di zucca mantovana, 50 g di burro chiarificato, aromi misti secchi (timo, maggiorana, rosmarino), brodo vegetale circa 1 litro, sale fino, 1 tazzina di latte (anche di soia).

Procedimento: in tegame anti aderente con sponde alte mettete circa metà del burro, la zucca ridotta a cubetti, sale fino (facoltativo). Fiamma medio bassa, mi raccomando. Dopo circa 5 minuti unite 2 cucchiai di brodo caldo e gli aromi misti secchi. continuate la cottura per altri 5 minuti. A questo punto unite il riso, che tosterete per 2 minuti; unite i piselli e 2 mestoli di brodo caldo. Proseguite la cottura unendo brodo dopo il completo riassorbimento del precedente e il latte. Terminate la cottura: spegnete la fiamma, unite il burro rimanente e servite dopo 1 minuto di riposo.

Frittata di riso con broccoli e scamorza

fritattadiriso

Ormai la vediamo ovunque… quindi anch’io ho fatto la mia versione e vi assicuro che come “salva-cena” funziona perfettamente. Usando il riso e le uova come base potete comporla a vostro piacere. E azzarderei una prova con i vostri bambini… quelli che non amano le verdure. Vi lascio la ricetta della mia frittata ideale! Buon appetito!!

Ingredienti per 4 persone: 200 g di riso Arborio, 150 g di broccoli già lessati, 3 uova medie biologiche, 50 g di scamorza affumicata, una manciata di olive di Gaeta denocciolate, olio evo, sale, pepe.

Procedimento: lessate il riso al dente, in acqua salata, quindi basteranno 15′. Scolatelo e trasferitelo in un recipiente. Unite i broccoli leggermente tagliati a tocchetti, le uova, la scamorza a cubetti, le olive, sale, pepe macinato a piacere e mescolate bene. Assaggiate e regolate di sale. Scaldate bene un tegame antiaderente. Versate poco olio evo. Successivamente unite tutto il composto. Cuocete a fuoco basso e con un coperchio. Ogni tanto controllate la cottura: si dovrà formare una crosticina sul fondo. Ci vorrà indicativamente un quarto d’ora… Questo è il momento di girare la frittata… senza romperla. Usate il coperchio per rovesciarla; successivamente fatela scivolare all’interno del tegame e copritela nuovamente.  Passati 5 minuti. spegnete tutto e servite ben calda, a fette.