Risotto delicato ai cavoletti e pistacchi

risocavoletti

 

Buon giorno a tutti! Vi capiterà spesso di dover improvvisare una cena con ingredienti apparentemente incompatibili l’uno con gli altri. Ed è il caso di questo risotto. Frutto di un esperimento di tarda sera e, devo dire, ben riuscito. Delicato, leggero e gustoso. Però vi devono piacere i cavoletti di Bruxelles… che fanno comunque bene alla salute!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso Carnaroli, 1 litro di brodo vegetale, 200 g di cavoletti già lessati (per 15′), 1/2 porro, una manciata di pistacchi già tostati, 150 g di raspadura (sfoglie di grana lodigiano tagliate direttamente dalla forma con un apposita lama), olio evo, 1 cucchiaio di burro, pepe nero.

Procedimento: iniziamo con il soffritto tagliando a rondelle il porro ben lavato. Mettetelo in una casseruola con poco olio e iniziate a dorare il tutto. Unite il riso, tostate fino a renderlo lucido, aggiungete due mestoli di brodo già caldo. Andate avanti così per 10 minuti. Aggiungete liquido non appena il precedente sarà assorbito. Tagliate i cavoletti a metà e uniteli al riso. R egolare di sale. Con l’aiuto di un mortai pestate grossolanamente i pistacchi ed unitene metà al riso. Terminate la cottura appena al dente e mantecate con il burro e un pò di raspadura. Servite, come nella foto, con i pistacchi rimasti e le sfoglie di grana.

Risotto con zucca, salvia e guanciale croccante

risottozuccapancettasalviaBuongiorno, oggi tanto per cambiare vi propongo un risotto che tutto è tranne dietetico. In barba alle appena passate festività e dedicato ai coraggiosi della tavola.

Un abbinamento classico di tre ingredienti straordinari per un risultato gustoso ed invitante…

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso tipo integrale (in alternativa un riso tipo Carnaroli), 300 g di zucca mantovana, 200 g di guanciale, 4 foglie di salvia fresca, 1 scalogno, 1 litro di brodo vegetale, olio evo, sale, pepe.

Procedimento: in una casseruola dai bordi alti ed antiaderente mettete un buon giro di olio evo, lo scalogno tritato, la zucca cruda ma tagliata a dadini e avviate il soffritto a fuoco medio. Un paio di minuti e aggiungete il riso che andrete a tostare finchè non sarà bello lucido. IMG-1823Unite un paio di mestoli di brodo e cominciate la cottura che terminerà più o meno in 45 minuti. Il riso integrale richiede purtroppo un tempo di cottura un pò più lungo di quelli normali. Aggiungete brodo soltanto quando si sarà assorbito il liquido e così fino alla fine. guanciale1A metà cottura prendete un tegamino antiaderente e scottateci il guanciale tagliato a dadini e senza nessun tipo di condimento aggiunto. Non appena sarà bello croccantino… spegnete la fiamma. A cottura ultimata, spegnete la fiamma, unite le foglie di salvia spezzettate a mano (non a coltello), mescolate e servite con il guanciale croccante e se vi piace… pepe nero macinato.

 

Gran cous cous vegetariano

couscous

Buongiorno! Oggi un primo piatto super fresco e senza peccato. D’origine nordafricana, il cous cous è ormai parte della nostra cucina, ottimo per primi piatti dal gusto esotico o per piatti unici profumati e freschi. Realizzato con un impasto di acqua e cereali diventa base perfetta per una grande varietà di ricette gustose. Se poi avete ospiti vegetariani non potete sbagliare. Come vuole la tradizione siciliana si può preparare con l’aggiunta di pesce, ma è squisito anche con la carne bianca. La mia proposta di oggi è vegetariana. Preparatene anche da consumare in ufficio, da portare in spiaggia, ad un picnic… insomma… perfetto per qualsiasi occasione.

Ingredienti per 2 persone: 125g di Cous cous (senza glutine), 1 zucchina grande, 100 g di olive taggiasche senza nocciolo, 1 cetriolo carosello, 200 g di pomodori Camone ben sodi, 100 g di feta light, olio evo, 3 peperoni dolci piccoli, 10 foglie di basilico, sale, pepe.

Procedimento: cuocete il cous cous secondo le indicazioni riportate sulla confezione. Dopo di che scolatelo e sgranatelo bene con l’aiuto di una forchetta e 1/2 cucchiaio di olio. Mettete in frigorifero. Nel frattempo… tagliate a dadini piccoli la feta, i cetrioli, i pomodori, i peperoni; tagliate a metà le olive. Spezzate il basilico con le mani. Mettete tutti gli ingredienti in un’ampia insalatiera, aggiungete il cous cous, 2 cucchiai di olio,sale, pepe a piacere. Mescolate energicamente. Servite fresco non freddo.

Risotto in rosso con fonduta di Asiago

risorossoasiago

Il risotto alla barbabietola rossa con Asiago è un primo piatto originale ed equilibrato nei sapori e nelle consistenze. Il retrogusto dolciastro è contrastato dalla morbidezza della fonduta che conferiscono al piatto freschezza e personalità. Il risultato? Un successo garantito!

Ingredienti per 4 persone: 300 g di riso carnaroli, 2 barbabietole rosse precotte, 1 litro di acqua salata calda o brodo vegetale, 200 g di formaggio morbido tipo Asiago, 1 noce di burro, 1,2 bicchiere di latte, 1 cipolla di Tropea piccola, olio evo q.b., 1/2 bicchiere di vino bianco, prezzemolo q.b., sale e pepe nero q.b.

Procedimento: sciacquate e asciugate bene le barbabietole, quindi tagliatela a cubetti e mettetela in una casseruola con poco olio. Aggiustate di sale e di pepe. Cuocete per circa 15-20 minuti, finché non sarà più morbida. Toglietene metà e frullatela. In una casseruola, fate soffriggere la cipolla affettata finemente con l’olio. Appena inizierà a dorarsi, versate il riso e fatelo tostare per qualche minuto. Versate il vino bianco e fatelo sfumare. Abbassate la fiamma e cuocete il risotto aggiungendo acqua o brodo poco alla volta. Unite la barbabietola a cubetti e insieme anche quella frullata; mescolate bene e continuate a cuocere finché il riso non sarà cotto ma al dente. Negli ultimi minuti di cottura preparate la fonduta sciogliendo il formaggio ridotto in pezzetti con il latte, il burro e pepe nero. Impiattate un mestolo abbondante di risotto, quindi raccogliete un cucchiaio di fonduta e disponetela in cima al piatto. Aggiungete prezzemolo fresco tritato e ancora pepe nero.

 

Riso Venere con pak choi e tofu

risovenere+pacchoi

Il pak choi ha numerose proprietà benefiche… è ricco di sali minerali, come calcio e potassio, di proteine, di fibre e di vitamine (in particolare la A, la C, la B2 e la K); dovrebbe essere consumato in particolare da chi soffre di anemia, perché favorisce la produzione di globuli rossi. E’ ricco di proprietà salutari, con un contenuto di calorie davvero basso (19 kcal ogni 100 gr). Ma come si cucina? La tradizione orientale prevede l’utilizzo di questo vegetale a foglia larga in tantissime ricette, dalle zuppe alle insalate, e fondamentale risulta il metodo di cottura: per usufruire di tutte le sue proprietà è necessario cuocerlo poco o gustarlo crudo. Si tratta di un ortaggio della famiglia delle crucifere, come i broccoli, i cavoli e la rucola. Il pak choi ha delle foglie molto croccanti, il suo sapore è molto delicato: somiglia ad un incrocio tra bietola e costa ed ha un profumo molto gradevole. La mia proposta è giustamente di atmosfera orientale. Spero vi possa piacere!

Ingredienti: 350 g di riso Venere integrale, 1 spicchio di aglio, 1 peperoncino rosso piccante, 600 g di pak choi, 200 g di tofu, 2 cucchiai di salsa di soia, 50 g di pinoli, sale, olio evo q.b.

pakchoi

Procedimento: lessate il riso in abbondante acqua salata. Questa operazione la potete fare anche qualche ora prima. In un largo tegame anti-aderente, mettete un pò d’olio evo, lo spicchio d’aglio intero ma leggermente schiacciato, i pinoli, il peperoncino e avviate il soffritto. Dopo pochi secondi unite il pak choi e spadellate  afuoco dolce fino a che si sarà leggermente intenerito quindi… dopo circa 5 minuti. Unite il tofu tagliato a dadini e la salsa di soia. Cuocete per 3/4 minuti poi unite il riso. Regolate di sale poi servite in ciotole.

 

 

Risotto, asparagi, gorgonzola e pistacchi

Oggi vi propongo risotto con pochissimi ingredienti, morbido, cremoso, mantecato non con un gorgonzola leggermente piccante, arricchito da una granella di pistacchi di Bronte. Un risotto avvolgente e pieno di contrasti che solo provandolo potrete apprezzare.

risottoasparagizola

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso Carnaroli, 350 g di asparagi verdi (freschi o surgelati), 150 g di Gorgonzola leggermente piccante, una manciata abbondante di pistacchi già sgusciati, 1 patata, 1 carota, 1/2 porro, burro q.b., sale, pepe, 1 litro di brodo fatto con l’acqua degli asparagi lessati.

ingredrisotto

Procedimento: in una casseruola mettete a bollire un litro di acqua poco salata e lessatevi gli asparagi, con una patata e una carota. Scolateli al dente. Tagliate la cima per la lunghezza di 3 cm e riducete il resto del gambo a rondelle. Prendete un’altra casseruola, antiaderente, e preparate il soffritto con il porro a rondelle fini, un cucchiaio di abbondante di burro. Fiamma moderata e non appena prende colore versate il riso per la tostatura. Mescolate sempre. Unite dunque un bel mestolo di brodo e metà dei gambi degli asparagi. Il resto frullatelo in un mixer e aggiungetelo subito. Aggiungete sempre un mestolo alla volta. Regolate di sale e di pepe. Nel frattempo avrete pestato i pistacchi in un piccolo mortaio. Portate a 2 minuti dalla cottura (quindi leggermente al dente). Unite le cime degli asparagi (non tutte… qualcuna vi servirà per impiattare). Spegnete la fiamma e fuori dal fuoco mantecate con pezzetti di Gorgonzola. Impiattate, guarnite con la granella di pistacchi e un paio di cime di asparago.

Risotto con robiola di capra e zucca

Buongiorno!Oggi prepariamo insieme un primo piatto semplice ma allo stesso tempo delizioso ed elegante. Pochi ingredienti, tanto gusto!

risorobiolazucca

Ingredienti per 4 persone: 500 g di zucca mantovana (ma se non la trovate va bene anche quella rossa), 350 g di riso semi-integrale, 300 g di robiola di capra, un bel mazzo di prezzemolo fresco, 50 g di burro, 1 scalogno, sale, pepe nero, 1 litro di brodo vegetale.

Procedimento: come prima cosa bisogna cuocere la zucca. Potete seguire tre metodi: a vapore, lessata in poca acqua oppure al forno. Quest’ultimo è il metodo migliore. In ogni caso, riducete la zucca a tocchetti, privatela della buccia (che potrete riciclare per delle chips).Cuocetela per 20 minuti.In una casseruola preparate lo scalogno tritato, il burro e cominciate a preparare il soffritto. Non appena lo scalogno diventerà traslucido, unite il riso. Tostate e aggiungete 2 mestoli di brodo. Continuate così fino a metà cottura. È il momento di unire la zucca. Continuate a mescolare. Tritate il prezzemolo già lavato a coltello. A cottura ultimata unite la robiola, mescolate per 1 minuto, spegnete la fiamma e aggiungete il prezzemolo.
Farete un figurone!
Buona giornata!

Polenta integrale al tartufo con porcini e gorgonzola

Ecco uno dei miei piatti, cosidetti “unici” che amo da sempre… un cibo antico arricchito da un’olio al tartufo nero intenso e persistente, funghi porcini e un cremoso Gorgonzola dolce DOP.
Che dire? Ecco la ricetta!

polentaintegrale1

Ingredienti per 4 persone: 200 g di farina di mais integrale, olio al tartufo, 200 g di porcini (anche surgelati andranno bene), 300 g di Gorgonzola DOP, sale.
Procedimento: in una casseruola cuocete la polenta in un litro di acqua salata non appena raggiunge il bollore. Mescolate continuamente. A metà cottura unite i funghi. Nel frattempo A cottura completata (se non è istantanea ci vorrà almeno un’ora), sistematela in una pirofila.Fate un primo strato basso di polenta, disponete pezzetti di gorgonzola e un filo di olio al tartufo; ricoprite di polenta e ricominciate fino alla fine degli ingredienti.

polenta2

Risotto alla zucca, salvia e capperi essicati

risozucca2

Solitamente il risotto alla zucca si associa alla zona del Mantovano o al Veneto. Nel caso di questa ricetta ho fatto incontrare il nord della zucca con il sud dei capperi… dolcezza contro salinità. I capperi non sono ovviamente li a caso, bensì essicati in forno, su consiglio di una grandissima e stimata foodblogger siciliana, Ada Parisi del blog Siciliani Creativi. Questo procedimento esalta meravigliosamente il piatto per gusto e consistenza. Ho preferito ridurli a coltello più che polverizzarli…
In ogni caso gli ingredienti per una buona riuscita della ricetta devono essere di prima qualità: riso Carnaroli o Vialone Nano; brodo vegetale fatto in casa;vino bianco in bottiglia per sfumare;burro per il soffritto e non l’olio; cipolla bionda o scalogno; zucca qualità Mantovana; salvia fresca e non secca.
Ed ecco la ricetta per un risotto perfetto!
proc

 

 

Ingredienti per 4 persone: 300 g di riso Carnaroli, 300 g di zucca mantovana, 1 litro di brodo vegetale, 70 g di burro, 50ml di vino bianco secco, qualche foglia di salvia, 1 scalogno, 30-40 grammi Parmigiano Reggiano 24 mesi grattugiato, capperi di Pantelleria (una manciata), sale, pepe.
Procedimento: tritate finemente lo scalogno; tagliate a dadini piccoli la zucca e qualche fogliolina di salvia a striscioline. Disponete i capperi in una piccola teglia rivestita di carta forno e fateli essicare in forno a 130°C per circa 10′. Non appena al tocco di una forchetta saranno ben asciugati, tirateli fuori dal forno. Munitevi di una casseruola antiaderente a sponde alte. Riunite 40 g di burro al quale unitere la cipolla. Versate il riso e tostate qualche minuto.Sfumate con il vino e lasciate evaporare la parte alcoolica. A questo punto unite la zucca e due mestoli di brodo tenuto in caldo. Mescolate spesso.Regolate di sale e pepe. Giunti a cottura spegnete il fuoco. Mantecare il risotto con i restanti 30 grammi di burro, tagliato a dadini, e poi con il Parmigiano Reggiano grattugiato. Unite la salvia e lasciate riposare 2 minuti. Nel frattempo tagliate finemente a coltello i capperi.
Impiattate come nella foto, pronti a ricevere i complimenti.

risozucca1

 

Risotto con pere, toma piemontese, nocciole IGP e riduzione al Barolo

Oggi torno a proporvi un primo piatto che è più un esperimento… pensato in auto tornando a casa. Dopo tanta Sicilia pensavo di celebrare il Piemonte con un risotto che ne raccoglie i colori ed i profumi. Richiede un procedimento leggermente impegnativo anche perchè vi occupa almeno 4 fornelli. Ma sono sicura che il gusto vale l’impegno profuso per cucinarlo.

risottopiemonte1

Ingredienti per 4 persone: 360 g di riso Carnaroli, 200 g di Toma Piemontese, 150 g di pere Abate già pulite, 70 g di nocciole IGP del Piemonte, bicchiere di vino rosso tipo Barolo, 1 litro di brodo vegetale leggero (fatto con carote, patata, cipolla bionda), 1 scalogno, olio evo.

Procedimento: Scaldate il brodo a fiamma bassa senza farlo bollire. In un tegamino piccolo tostate le nocciole leggermente “pestate” nel mortaio. In un pentolino versate il vino e fatelo “ridurre” a fiamma media senza farlo troppo schiumare. Dovrà diventare scuro e ridursi meno della metà,quasi a somigliare ad una glassa.In un tegame antiaderente a sponde alte mettete a scaldare 4/5 cucchiai di olio evo,lo scalogno tritato fine e la pera a cubetti. Fate colorire il soffritto per un paio di minuti poi aggiungete subito il riso. Lasciatelo tostare altri 2 minuti poi cominciate ad aggiungere un mestolo di brodo. Sempre uno per volta, mai tutto insieme. Visto che il riso cuoce mediamente tra i 14 e i 18 minuti, a metà cottura unite una piccola parte di nocciole.Salate a piacere. Terminate la cottura e unite il formaggio ridotto a cubetti. Mantecate sempre a fiamma SPENTA. Impiattate come nella foto, ovvero con qualche nocciola tostata e una “riga” di riduzione di vino.
Vi assicuro… un successo garantito.