Risotto agli asparagi e blu di capra

riso1

 

 

Il risotto con gli asparagi: chi non lo ama? In linea di massima più o meno tutti … ma questa volta ho aggiunto un ingrediente in più che ha davvero completato ed arricchito una ricetta già nota e apparentemente risolta.

In occasione di una fiera appena visitata, il SANA RESTART di Bologna, manifestazione dedicata al Biologico in ogni sua forma possibile, ho acquistato 5 tipologie di formaggi di capra biologici. Strepitosi a dir poco. Il Caseificio Paje di Giaveno – Torino mi ha deliziato con ben 8 tipi di prodotti.

La scelta è andata su un primosale alla rucola, su una toma, su una robiola al pepe nero, su una caciottina e ovviamente su un blu di capra che ho deciso di mettere in questa ricetta. Provate a realizzarlo anche voi e sappiatemi dire!

Ingredienti per 2 persone: 160 g di riso, 100 g di asparagi, 70 g di blu di capra (in alternativa uno zola erborinato), 1 scalogno medio/piccolo), 4 cucchiai di olio evo, 500 ml di brodo vegetale, q.b di sale, 50 ml di vino bianco fermo.

Procedimento: pulite gli asparagi e tagliateli a pezzetti della lunghezza di 1 cm circa. Una volta puliti e tagliati gli asparagi, procedete con la preparazione del risotto. Tritate finemente lo scalogno e trasferitelo in una pentola capiente insieme all’olio evo. Accendete il fuoco a fiamma moderata e lasciate stufare imbiondire lo scalogno. Lasciate soffriggere il tutto quindi unite il riso e fatelo tostare per un paio di minuti. Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare la parte alcolica. Aggiungete adesso gli asparagi tagliati a pezzetti, mescolate con cura e fate cuocere a fiamma vivace per 1-2′. Aggiungete 3-4 mestoli di brodo vegetale bollente fino a coprire tutto il riso, mescolate con cura e lasciate cuocere a fiamma moderata mescolando di tanto in tanto. Quando il riso è al dente e il brodo è stato quasi del tutto assorbito, unite una parte di formaggio a pezzetti e mescolate energicamente. Non appena si sarà sciolto completamente e il risotto è diventato cremoso, togliete dal fuoco e servite con il restante formaggio.

Falafel alla mia maniera

falafel

Ed ecco la seconda ricetta tratta dal libro di Maria Antonietta MontellaCuochi a prescindere“. Per il mio blog non li avevo mai provati con questa ricetta che si è rivelata veloce e davvero gustosa. Un piatto della più tradizionale cucina internazionale ma che abbiamo fatto un pò nostra. E in più, non è fritta, quindi la leggerezza ci guadagna.

Ingredienti per 4 persone: 1 kg di ceci cotti, un cucchiaio abbondante di curcuma (o curry) e pepe nero, 5 grammi di aglio secco o anche uno spicchio medio privato del germe interno, 1 uovo, 1/2 bicchiere di formaggio grattuggiato, 50g di pane grattugiato, sale q.b.

20200907_191026Procedimento: nel bicchiere del mixer inserire i ceci cotti che avrete passato sotto l’acqua corrente per eliminare residui salati; unite l’aglio, un pizzico di sale, le spezie, l’uovo, il formaggio, il pepe macinato e date una bella frullata. Regolate di sale e controllate che tutti i ceci si siano ben sminuzzati. Preparate una teglia rivestita di carta forno. 20200907_191107Niente olio o altri condimenti; create delle piccole sfere (quanto un pomodorino) con le mani umide e passatele nel pane grattugiato. Posatele in ordine nella teglia. Fate così fino alla fine del composto. Infornate attorno ai 180/200°C e cuocete per 15′. Fate seguire 3 minuti in funzione grill per dorarle.

Potete servirle con una salsa a base di yogurt e aglio, yogurt e zenzero… sul libro trovate altri suggerimenti di accompagnamento!

Spaghetti al frullato

spaghetti al frullato

Ecco la prima delle due ricette presenti nel libro Cuochi a Prescindere cucinato e scritto da Maria Antonietta Montella, della quale vi scrivo su milanoalquadro.com. Questa in particolare mi ha colpita per semplicità, profumi e facilità di esecuzione. Si tratta di uno spaghetto estivo e a basso contenuto calorico. A mio parere… lo mangerei tutto l’anno! Il risultato va ben oltre un normale spaghetto al pomodoro. Direi… un’esperienza mistica!

Ingredienti per 4 persone: 320 g di spaghetti, 12 pomodori perini, 2 spicchi di aglio fresco privato del germe interno (per molti indigesto) o in alternativa la punta di un cucchiaio di aglio fresco, 12 foglie di basilico fresco, 8 cucchiai di olio, sale q.b., la punta di un cucchiaio di zucchero.

20200905_193838Procedimento: mettete a bollire una pentola di acqua con una presa di sale; nel frattempo preparate la salsa. Lavate e pelate i pomodori. Privateli di semi, acqua e filamenti. Metteteli in un frullatore (in alternativa il bicchierone del mixer ad immersione) insieme all’aglio, sale, basilico, zucchero e olio. Dovrà risultare una salsa soffice e morbida. Appena 20200905_193940pronta la pasta, scolatela in una zuppiera, unite la salsa e condite con passione. Potete servirla così in purezza, ma anche con una spolverata di formaggio grattugiato, oppure con ricotta salata a scaglie o ancora con una manciata di capperi. Liberate la fantasia!

Per la stagione meno calda e per non privarvi di tale golosità, scaldate semplicemente la salsa.

 

Mezze maniche e pesto di zucchine

mezzemanichezucchine

Ed eccomi di nuovo qui a proporvi un buon primo piatto e per tutte le stagioni. Il formato di pasta delle mezze maniche #Rummo è assolutamente perfetto ad accogliere questo fantastico condimento! Freschezza e leggerezza in un solo boccone. Potrete gustarla anche come pasta fredda.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di pasta formato mezzemaniche (#Rummo è la mia scelta di oggi), 2 zucchine verdi medie, foglie di basilico, una manciata di pinoli (tostati), olio evo, succo e buccia di limone, pepe nero, grana padano grattugiato 50 g, una punta d’aglio, sale, 150 g di ricotta fresca di capra.

Procedimento: mettete a bollire abbondante acqua calda e salata. Nel mentre lavate e riducete a tocchetti le zucchine; ponetele nel bicchiere del mixer insieme all’aglio (privato del germe interno), il basilico, il formaggio, poco sale, i pinoli, una tazza da caffè di olio, il succo di 1/2 limone, un pò di buccia grattugiata. Frullate tutto. Assaggiate e regolate i sapori in base al vostro gusto. Lessate la pasta al dente; conditela con la vostra salsa e per ogni piatto aggiungete uno o due cucchiai di ricotta fresca. Un giro d’olio crudo e pepe nero completeranno il vostro piatto.

Cordon bleu di melanzane

cordonbleudimelanzane

Io amo le melanzane e le mangio ogni singolo giorno dell’anno. Ma così non le avevo mai cucinate. Oggi ve le propongo in questa versione (con alternativa vegan) e spero vi possano piacere.

Ingredienti per 2 persone: 2 melanzane tonde grandi, 200 g di fette sottili di scamorza affumicata (per i vegani esistono fette adeguate a questa scelta alimentare), una tazza passata di pomodoro bella solida non acquosa, foglie di basilico, rosmarino e salvia, 1 limone, latte normale o vegetale, pangrattato (anche senza glutine) sale, pepe, olio evo e di semi q.b.

Procedimento: lavate e ricavate delle fette alte 5 mm. Non levate la buccia. Create delle coppie più identiche di larghezza. Sulla metà delle melanzane che userete come base mettete un buon cucchiaio di salsa, una fogliolina di basilico, una fetta di formaggio e sigillate. Fate così fino alla fine. A parte preparatevi il pangrattato in un piatto e del latte, salato e pepato a piacere, in un altro. Passate il panino di melanzana prima nel latte e poi nel pane grattuggiato. Fate ben aderire e mettete in una teglia rivestita di carta forno con agli aromi e qualche fettima di limone. Un filo d’olio e via in forno a 170° per 25 ‘. Girate ogni 5/7 minuti. Gli ultimi 5 attivate la funzione “grill” per dare un pò di colore e croccantezza.

Nulla toglie, però, che possiate cuocerle in padella con olio di semi. Verrano ugualmente golose.

Spaghetti con cime di rapa e datterini gialli

Spaghi, cime, dattgiallo accighine

Oggi per voi un primo piatto di tutto rispetto: una ricetta molto leggera che si adatta un pò a tutte le stagioni: non vi resta che provarla… anche con una linguina o una pasta tipo le caserecce.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di spaghetti Rummo (la mia è gluten free), 200 g di cime di rapa (già scottate), circa 150 g di pomodori datterini gialli, 1 spicchio d’aglio, 4 acciughine sott’olio, sale, pepe nero, sale grosso, olio evo.

Procedimento: mettete a scaldare l’acqua sul fuoco con una presina di sale grosso. Nel frattempo in un tegame, mettete 4 cucchiai di olio d’oliva, l’aglio, le acciughe, i datterini tagliati in 4 parti e cuoceteli a fuoco medio  girandoli spesso. Passati 5 minuti unite le cime di rapa, salate e pepate. Cuocete la pasta al dente. Fatto ciò, scolatela (ma non troppo) e trasferitela nel tegame delle verdure, unite pepe nero, spadellate ed insaporite per un minuto.

Servite e godetevi questa meraviglia.

Tagliatelle di saraceno in verde

tagliatelleinverde

Ecco la ricetta di queste super apprezzate tagliatelle: non ci sono latticini, non c’è glutine, ma tanto gusto e leggerezza. Vegan e glutenfree!

E comunque… è la ricetta dei pizzoccheri valtellinesi…

Ingredienti per 4 persone: 400 g di farina di saraceno, 100 g di farina 00 (glutenfree), 200 g di asparagi freschi, 100 g di piselli freschi (o anche surgelati), 3 cipollotti freschi, 3 foglie di salvia, 3 cucchiai di margarina vegetale, sale, pepe, olio evo.

Procedimento: mescolare le due farine formando sul piano la classica fontana. Aggiungere nel buco sulla cima poca acqua fresca (inizialmente 1/2 bicchiere alla volta) e lavorate piano per circa 5 minuti. Impastate fino a che la massa non è appiccicosa ma liscia. Con il matterello tirate la sfoglia (tonda o rettangolare che sia) fino a uno spessore di 2-3 mm. Ripiegatela su se stessa fino ad ottenere un rettangolo: ricavate le tagliatelle tagliandole con uno spessore di 1 cm. Fatto ciò, srotolate le matassine, infarinatele leggermente e lasciate asciugare il tempo di preparare il condimento.

Lavate gli asparagi, tagliateli a tocchetti di 3-4 cm e sbollentateli in acqua leggermente salata per 10′, mettendoli poi da parte. Nella stessa acqua lessate anche i piselli per lo stesso tempo. Tenete quest’acqua. Fatto questo prendete un bel tegame ampio e antiaderente: versate la margarina e un cucchiaino d’olio. Unite il cipollotto (anche un pò della parte verde) tagliato a listarelle e cominciate a imbiondirlo. Passati un paio di minuti unire asparagi, la salvia e piselli. Insaporite per 5 minuti mantenendo un bel sughetto di fondo. Se serve aggiungere un filo d’acqua delle verdure. Mettete a bollire l’acqua per la pasta. Riunite le tagliatelle in piccoli gruppi in modo da facilitare lo spostamento nella pentola.

Lessateli per circa 10′ poi scolateli e spostateli nel tegame delle verdure con un paio di cucchiai di acqua delle verdure. Servite calde dopo averle brevemente spadellate. Tenete conto che queste tagliatelle rimangono comunque belle cicciotte al morso, è normale. Potete condirle con anche altre tipologie di condimento: vegetariano, onnivoro, vegan…

Buon appetito!!

 

Biscotti alle mandorle

biscottimandoleEcco per voi una ricetta molto semplice… che risolve il problema ho finito i biscotti  per la colazione di ogni giorno, o anche per il tè delle cinque.

Ingredienti: 125 g di farina OO +125 g di farina di farro integrale, 90 g di zucchero di canna e un pò per la copertura, 50 g di burro molto morbido (oppure margarina), 1 uovo intero, 25 g di latte (quello che preferite), 4 g di lievito per dolci, una manciata di mandorle con la buccia, zucchero a velo (facoltativo).

Eventuali ingredienti aggiuntivi per arricchire di gusto: frutti rossi disidratati, gocce di cioccolato, uvetta… quello che preferite. La base va bene per tutti gli ingredienti aggiuntivi.

Procedimento: in una ciotola impastate le due farine setacciate, zucchero, lievito, uovo, burro (o margarina), latte, in modo da ottenere, in pochi minuti un bell’impasto sodo. Infarinate leggermente il piano di lavoro e ricavate due filoncini di impasto.  Trasferiteli su una placca o in una teglia foderata. Spolverizzateli con zucchero di canna. Cuocete in forno già caldo al 180° per 15′-20’.

A cottura ultimata lasciate raffreddare e successivamente tagliate i filoncini con taglio inclinato (tipo cantucci) e conservateli in un vaso di vetro sigillato; si conserveranno per molti giorni.

Risotto con crema di piselli, ricotta di capra e basilico

risoepiselliIngredienti per 4 persone:320 g di riso Carnaroli, 250 g di piselli freschi(ma anche surgelati), 100 g di ricotta di capra, 1 scalogno, 1lt di brodo vegetale caldo, 40 g di burro (o margarina), olio extravergine di oliva, 1 cucchiaino di basilico tritato fresco, ½ bicchiere di vino bianco, 4 gherigli di noce, sale e pepe q.b, foglie di basilico per decorazione.

Procedimento: prepariamo i piselli. Affettate lo scalogno e fatelo appassire dolcemente in una casseruola con l’olio e una noce di burro. Quando sarà  trasparente unite i piselli e fateli cuocere con un paio di cucchiai di brodo caldo fino a quando saranno diventati morbidi. Salate e pepate a piacere. Tenete da parte un terzo dei piselli per la guarnizione finale. Frullate la parte restante fino a ottenere una crema che aggiusterete di sale e di pepe.

Tritate grossolanamente le noci, fatele tostare con attenzione in un tegamino, senza aggiungere niente.

Dedichiamoci al riso… Tostate il riso a secco in una casseruola per un paio di minuti, sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare. Portate a cottura unendo un mestolo di brodo vegetale caldo alla volta. A metà cottura circa dalla fine cottura aggiungete la crema di piselli in più riprese, sempre mescolando. Nel frattempo lavorate il formaggio con basilico, un filo d’olio, sale e pepe. Torniamo al riso… a fine cottura, spegnete e aggiungete il burro per mantecare. Servite con una quenelle (cucchiaio) di crema al basilico, qualche pisello che avete messo da parte, poche foglie di basilico e le noci.

Gnocchi in rosa su fonduta di gorgonzola

gnocchirosa

Se, come me, vi piacciono gli gnocchi in ogni variante e declinazione, non potete non cimentarvi a preparare i deliziosi gnocchi di barbabietola. Questi gnocchi hanno un gusto dolce e molto delicato, che si abbina a condimenti cremosi e stuzzicanti. Genuini e nutrienti, la loro vivacità porta sulla tavola una ventata di allegria: non tarderete ad apprezzare il loro gusto delicato, esaltato dal condimento in contrasto salato di un ottimo zola o di un semplice di burro e salvia. Mettetevi in gioco e provate questo stupendo primo piatto: facile e veloce!

Ingredienti per 4 porzioni:  200 g barbabietole rosse precotte, 320 g di farina 00 (anche di farro, o integrale, o manitoba),50 g di parmigiano grattugiato 1 uovo medio, un pizzico di sale, due cucchiai di prezzemolo fresco tritato.

Per la fonduta: 100 g di zola, una tazzina di latte.

20200423_124548Procedimento: frullate le barbabietole (nel bicchiere del mixer ad immersione è preferibile) fino a ottenere un composto omogeneo. Versate tutto all’interno di una ciotola e unite un uovo, il parmigiano grattugiato e un pizzico di sale. Mescolate con una forchetta all’inizio. Incorporate la farina setacciata, infilate un paio di guanti usa e getta per proteggervi dal colore, lavorate l’impasto energicamente e suddividetelo in porzioni piccole. Create dei filoncini spessi 2 cm e tagliateli a tocchetti con un coltello a lama liscia. Potete anche “passarli” su una grattuggia per dare una trama particolare… Mano a mano che gli gnocchi sono pronti, adagiateli sopra un canovaccio infarinato in attesa di essere cotti. Portate a ebollizione abbondante acqua salata e cuoceteli per alcuni minuti fin quando non torneranno a galla. Nel mentre, sciogliete lo zola in un tegamino antiaderente con il latte a bassa fiamma.

Una volta pronti, scolateli con una schiumarola e conditeli con la fonduta e completate con prezzemolo fresco.

Serviteli su un letto di fonduta di formaggio a vostro piacere (anche un latteria), arricchiti con pancetta a cubetti rosolata, oppure su una crema di verdure verdi a contrasto.