Ratatouille di zucchine

ratatouille

Oggi vi lascio la mia personale versione della Ratatouille, un contorno francese dal sapore ricco, corposo, mediterraneo, ma così buono da considerarlo semplicemente ….. un contorno! A base di verdure, questo piatto ha un gusto molto particolare, simile alla caponata siciliana. Una ricetta semplice ma che dà sempre molta soddisfazione.

Ingredienti per 4 persone: 4 zucchine medie,  1 scalogno, 10 pomodori (ciliegino o pachino), 100 g di olive nere infornate, un cucchiaio di capperi di Pantelleria, un cucchiaio di origano, 4/5 foglie di basilico sale, pepe, 1 spicchio d’aglio, olio evo qb.

Procedimento: pulite le verdure e lavatele accuratamente. Tritate lo scalogno. Scaldate in tegame antiaderente dell’olio extravergine d’oliva e fatevi appassire lo scalogno. Non appena si sarà ammorbidito e leggermente lucidato, aggiungetele zucchine ridotte a cubettini, aggiungete in tegame anche i pomodorini tagliati a metà, le foglie di basilico, le olive, i capperi dissalati, l’origano e lo spicchio d’aglio tritato finemente (privandolo del germe interno). Lasciate stufare per 20′ il tutto coprendo la padella con un coperchio. Salate e pepate a piacere. Potete gustarla così, in purra o accompagnata da un’ottima mozzarella di bufala, un primosale fresco…

In un contenitore ermetico si conserva 3 giorni in frigo e se vi avanza… conditeci la pasta!

Spaghetti al pesto di rucola e pomodori secchi

spaghirucola

Questo pesto, uno dei miei preferiti per contrasto e consistenze, incontra spesso i favori dei miei ospiti. Si presta molto anche ad essere servito caldo ma è perfetto per pasta fredda e ascoltate ascoltate… crostini di pane, bufala e pesto, come condimento per il roast beef (per gli onnivori) o per un’insalatona estiva e colorata. Provatelo e non lo abbandonerete più.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di spaghetti Rummo (senza glutine), 120 g di rucola, 2 falde di pomodori secchi sott’olio, 50 gr di parmigiano reggiano grattugiato, 50 gr di olio extra vergine di oliva, 1 pizzico di sale, 50 gr di pinoli, 30 di mandorle, 1 spicchio di aglio (facoltativo).

procedimento: Cuociamo la pasta in una pentola con abbondante acqua e sale. Laviamo la rucola e priviamola dei gambi un pò più duri.
A questo punto la pesiamo e poi la laviamo e l’asciughiamo tamponandola con un panno carta. Grattugiamo il formaggio quindi in un frullatore mettiamo la rucola, i pomodori tagliati fini fini, poi i pinoli e le mandorle. Frulliamo per pochissimi minuti ed aggiungiamo il formaggio, il pizzico di sale e lo spicchio di aglio, privato del germe interno.
Ancora un giro di frullatore e poi inseriamo l’olio a filo.

Non appena la pasta risulta al dente la passiamo in una padella con all’interno un filo di olio caldo. Conservate una tazzina di acqua di cottura.
Versiamo il pesto preparato precedentemente e con un cucchiaio amalgamiamo bene il tutto.
Prima di portare in tavola ultimiamo i piatti con qualche pezzo di mandorla e pinolo sminuzzato e foglie di rucola.

Il pesto si conserva in un contenitore chiuso ermeticamente in frigo per un paio di giorni.

Crocchette di verdure miste

crocchette

Ed ecco una classica ricetta che potremmo anche catalogare svuota frigo ma anche… facciamo mangiare verdure ai bambini… ma anche pranzo veloce per ufficio o pic nic… in qualunque modo le chiameremo…. ci piaceranno e le potremo variare a seconda del contenuto del nostro frigorifero.

Ingredienti: 2 patate grandi, 100 g di piselli già lessati, 100 g di carote già lessate, 50 g di scalogno, 50 g di spinaci novelli, 2 cucchiai di parmigiano, 1 uovo, pangrattato q.b., sale, pepe, olio evo, olio di semi.

Procedimento: lessate subito le patate in acqua bollente con al buccia. Se volete accellerare i tempi e avete il microonde, tagliatele a cubetti (senza buccia), mettetele in una ciotola di vetro piena d’acqua con un pizzico di sale e cuocete per 6 minuti a potenza medio alta (sui 650/700W). Trasferitele in una zuppiera, schiacciatele con una forchetta; unite i piselli e le carote già lessati e ridotti a cubettini, l’uovo, gli spinaci tagliati finemente a coltello, lo scalogno tritato, il formaggio, sale e pepe. Impastare bene con le mani… formate delle sfere che schiaccerete sulle sommità e passatele nel pangrattato. A questo punto potete o friggerle in olio ben caldo di semi o passarle in forno per 20′ a 180°C.

Peperonata piccante

peperonatapicc

 

La peperonata è un piatto vegetariano che amo molto, un contorno per tutte le stagioni… da preparare in estate ma anche in inverno, perché i peperoni oramai si trovano in commercio tutto l’anno. Per questo, la peperonata è possibile consumarla anche fuori stagione! Io, addirittura ci imbottisco il panino!

 peperoni rossi,  peperoni gialli,  cipolle,  pomodori pachino, olive verdi denocciolate, 

Procedimento: lavate i peperoni rossi e gialli, eliminate il picciolo interno, i semi e i filamenti, poi tagliali a falde. Lavate i pomodori e riduceteli a pezzetti. Sbucciate lo scalogno, affettatelo in modo sottile e rosolatelo in un’ampio tegame con un filo di olio extravergine di oliva fino a farlo appassire. Salate, aggiungete i peperoni, l’aceto balsamico e proseguite la cottura a fuoco vivo per circa 10 minuti, mescolando spesso e lasciando evaporare. A questo punto unisci anche i pezzetti di pomodoro, le olive, i capperi dissalati e regola di sale e pepe. Abbassa la fiamma e lascia sbollire per 20 minuti mescolando di tanto in tanto. Togli dal fuoco e, se ti piace, completa la tua peperonata con una spolverata di prezzemolo e qualche stelo di erba cipollina. Servila calda o tiepida come contorno oppure fredda su crostini di pane casereccio tostato in forno.

 

Rollè di frittata, salmone e crescenza

rollè

Ed eccoci alle porte di un fine settimana che si preannuncia veramente soleggiato: per l’occasione vi propongo un goloso rollè di frittata che potrete gustare appena cotto, ma anche ad un pic-nic, al mare, al fiume, insomma… portatelo con voi magari già affettato e non vi deluderà.

Ingredienti: 200 g di spinaci novelli freschi; 2 uova, 1 tazza di latte, 2 cucchiai di grana padano, 200 g di salmone affumicato, 125 g di crescenza, sale, pepe, olio evo.

Procedimento: in un tegamino antiaderente mettete 1 cucchiaio di olio evo, gli spinacini lavati e non troppo scolati, poco sale e fateli “appassire” per un paio di minuti. A parte in una ciotola battete le uova con il formaggio, sale, pepe, formaggio. Tagliate gli spinacini a coltello e uniteli alle uova. Incorporate bene. In un altro tegame più grande, ma sempre antiaderente, versate 1 cucchaio di olio, scaldatelo e versate all’interno il composto. Cuocete a fuoco medio, con coperchio per circa 4 minuti. Controllate la cottura fino ad ottenere una leggera crosticina e che la parte superiore si sia rassodata. Arriva il momento di girare la frittata senza romperla quindi fate così: girate il coperchio, fatevi scivolare sopra la frittata e con “scatto sicuro” giratelo nel tegame. Potete farlo anche con un piatto da portata.

Finite di cuocere poi lasciate raffreddare. A questo punto farcite il vostro rollè con uno strato omogeneo di salmone e uno strato di formaggio senza però arrivare ai bordi. Fate questo poggiando la frittata su un foglio di pellicola che vi aiuterà poi ad avvolgere il tutto ed eventualmente metterlo a riposare e prendere la forma. Servitelo, come già vi dicevo, tiepido, a temperatura ambiente e tagliato a fette larghe.

Feta alla Greca

fetaalla greca

Ne ho sentito parlare ma l’idea ancora non mi attirava… la feta al forno?! Che idea stramba. Invece mi sono ricreduta al 100% e voglio convincere voi lettori del fatto che è davvero buonissima, molto estiva e gustosa. Ecco la ricetta!

Ingredienti per 2 persone: 1 confezione di Feta da 200g, 300 ml di passata di pomodoro tradizionale Mutti (la mia preferita), 1 melanzana media, 1 cipollotto, 2 cucchiai di origano, 2 di prezzemolo tritato, 4 falde di pomodori secchi, 1 cucchiaio di capperi dissalati, sale fino, olio evo, olive nere.

Procedimento: tutto molto semplice… in una pirofila o teglia di medie dimensioni (25×25) versate la passata di pomodoro sul fondo, unite un giro d’olio e mescolate con un cucchiaio. Ponete al centro la feta. Tagliate le melanzane a cubetti di 1 cm e distribuitela tutta intorno. Aggiungete poco sale, il cipollotto tagliato a julienne, i capperi, le olive, i pomodori secchi tagliati a striscioline… il tutto in ordine sparso e anche sopra la feta. Spolverizzate di origano, un altro giro d’olio. Infornate a 150° per 40′.

 

Blinis, yogurt greco, salmone e erba cipollina

blinis

I blinis sono delle deliziose crespelle salate di origine russa, piccole e piuttosto morbide e gonfie, venivano originariamente preparate alla fine dell’inverno… quindi ideali per questo tempo di temperature ballerine!
Ingredienti: farina 00 80 g, uova 1, lievito istantaneo per preparazioni salate 8 g, latte 100 ml, panna fresca liquida 50 ml, sale fino 1 pizzico, 2 cucchiai di noci tritate, 2 falde di pomodori secchi sottolio.
PER GUARNIRE Yogurt greco  100 g, ciuffi di erba cipollina, pomodori secchi 1 falda, salmone affumicato scozzese 200 g
Procedimento: per preparare i blinis procediamo con la preparazione dell’impasto di base. Separate il tuorlo dall’albume e sbattete il tuorlo in una terrina, aggiungete il latte e la panna a filo mescolando bene per evitare la formazione di grumi. Aggiungete la farina e il lievito setacciati, continuando a mescolare. Lasciate riposare l’impasto per un’oretta circa. Aggiungete poi all’impasto l’albume montato a neve con un pizzico di sale, facendo attenzione a non sgonfiarlo.
Scaldate e ungete con poco burro un tegamino antiaderente, quando sarà ben calda versatevi un mestolo di impasto che si gonfierà formando una crespella di diametro di circa 7 cm. Quando il fondo si sarà rassodato girate il blini aiutandovi con una spatola; fate dorare anche l’altra parte. Continuate così fino a terminare tutto il composto.
Iniziate a preparare la guarnizione per i blinis: in una ciotolina mescolare lo yogurth con l’erba cipollina, le noci tritate, i pomodori secchi tagliati finemente; salate. Create delle “roselline” con il salmone.
Spalmate la crema sui blinis; adagiate le roselline di salmone; guarnite con uno stelo di erba cipollina e noci.

Gnocchi di patate e carote con salsa ai broccoli

gnocchidicarote e broccoliIngredienti per 4 persone: 1 kg di patate a pasta bianca (non novelle), 250/300 g di farina bianca 00, 1 carota piccola, 1 uovo intero, sale, 300 g di broccoli romaneschi,un cucchiaio di prezzemolo tritato, aglio, olio evo, pepe nero.

Procedimento: lavate accuratamente e lessate le patate e la carota con la buccia ben lavate e strofinate. Non appena saranno pronte, schiacciatele con l’apposito strumento (la buccia rimarrà all’interno e voi non vi scotterete le mani). Unite una presa di sale, 250 g di  farina e cominciate ad impastare. Non appena gli ingredienti si sanno amalgamati, aggiungete anche l’uovo. Tornate a impastare con le mani. Su un piano leggermente infarinato, dividete il composto in tanti filoni dello spessore di due cm ciascuno che taglierete con un coltello a distanza regolare di circa 3 cm. Potete lessarli così oppure potete passarli sui rebbi di una forchetta, oppure farli “scivolare” sui denti di una grattugia per dare una trama più irregolare ma tipica dello gnocco.

Prima della cottura lasciateli riposare per almeno 15′. Passiamo al condimento: sbollentate i broccoli per 10′ a partire dal bollore. Scolateli e trasferiteli in  un tegame con uno spicchio di aglio, poco olio e sale fino. Insaporiteli per 5′ poi unite il prezzemolo tritato; eliminate l’aglio, frullate il tutto poco prima di scolare gli gnocchi non appena saliranno a galla. Condite gli gnocchi con la salsa di broccoletti oppure impiattate come nella foto ovvero mettendo un mestolo sul fondo, un giro d’olio e una macinata di pepe nero!

Pennette in salsa di spinaci novelli e ricotta forte

penne, spinaci, ric forte

Oggi vi propongo un primo piatto frutto di una prova prodotto “spontanea”… quindi comprato e mai omaggiato. Si tratta di una pennetta prodotta con farina di lenticchie rosse a marchio @Barilla. Fermo restando che sono sempre fedele ad alcune marche, devo dire che la tenuta in cottura non mi ha delusa. A cottura ultimata il profumo c’era, il colore anche. Ho scelto un condimento dolce/salato per esaltarne il gusto. Provatela anche voi!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di penne Barilla alle lenticchie rosse, 3 manciate di spinacino novello fresco, 4 cucchiaini di ricotta forte @Tiberino1888 (in alternativa ricotta salata romana), 8 foglie di basilico, olio evo, sale, 1/2 spicchio d’aglio.

Procedimento: mettete a bollire abbondante acqua per la pasta. Nel frattempo, dopo aver lavato e scolato la verdura, fatela appassire in tegame con il basilico spezzettato a mano, una punta d’aglio, poco sale, pepe. Non appena il volume si riduce, spegnete il tutto, prelevate 1/3 della quantità e frullatela in un mixer. Scolate la pasta (tenete un mestolo di acqua) al dente e versatela nel tegame degli spinaci. Unite subito la salsa frullata, poca acqua di cottura e 2 cucchiai di ricotta forte. Mescolate il tutto mantenendo una fiamma bassa. Servite completando con fiocchetti di ricotta e pepe nero.

Spaghetti con puntarelle e pomodori secchi

spaghettipuntarelle

Finalmente sono arrivate le mie amatissime puntarelle, un ortaggio poco conosciuto al Nord, ma di grandissima fama nel Centro e Sud Italia, in particolare nella tradizione gastronomica romana, di cui sono uno dei piatti simbolo e altro non sono che i germogli della catalogna. Solitamente vengono consumate crude condite con le acciughe, aglio e olio evo di buona qualità. Oggi le “castighiamo” in un primo piatto super gustoso, facile e veloce da eseguire.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di spaghetti, 4 falde di pomodori secchi, 4 foglie di basilico fresco, 250 g di puntarelle, pepe nero, 1 spicchio d’aglio.

Procedimento: mettete a bollire abbondante acqua salata per la pasta. Nel mentre dopo aver lavato bene le puntarelle, tagliatele a strisce per il lungo. Disponetele in un tegame antiaderente con 1 spicchio d’aglio, olio evo, spolverata di pepe nero e basilico ben lavato, sminuzzato a mano. Avviate la fiamma e lasciate cuocere per una decina di minuti. Si devo ammorbidire ma non sfaldare completamente. Regolate di gusto. Unite subito anche i pomodori secchi tagliate a striscioline fini. Lessate la pasta al dente. Con un mixer date una frullata ad una piccola parte di puntarelle, qualcosa tipo il 10%. Mescolate, unite 1/2 mestolo di acqua di cottura. Tenete in caldo. Scolare la pasta, versarla poi nel tegame e spadellate velocemente per 30″.

Servite ben caldi e con una ulteriore spolverata di pepe nero.