Ricette “stellate e dieta “smart”

IMG_0768

Oggi vi parlo di due libri che ho acquistato da poco:

“È nato prima l’uovo o la farina” dello Chef Carlo Cracco

Dalle uova al limone, dai ceci ai pomodori, lo chef Cracco ci racconta 11 ingredienti, ne illustra le caratteristiche, la storia e gli usi moderni e… qualche aneddoto di gioventù. E per ognuno di questi preziosi ingredienti troviamo nuove ricette da replicare. In un libro piacevolissimo da leggere, 60 nuove ricette per scoprire la ricchezza e i segreti degli ingredienti più semplici che, ben descritti e preparati con le indicazioni di Carlo, possono dare vita a piatti indimenticabili.

“Le ricette Smart Food” di Eliana Liotta

In questo libro si illustra come cucinare e mangiare gli Smartfood, i cibi intelligenti capaci di frenare i geni dell’invecchiamento, combattere il sovrappeso e prevenire i mali del secolo: cancro, patologie metaboliche, cardiovascolari e neuro-degenerative. Smartfood è la prima dieta in Europa ad avere ricevuto l’approvazione nientemeno dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano, dove opera la co-autrice Lucilla Titta, nutrizionista. La cosa interessante e a mio avviso rassicurante è che anche le ricette di questo libro vantano l’approvazione dell’Istituto IEO, perché rispondono a precisi requisiti… una lettura che fa del bene e ci fa del bene.

Alla prossima recensione! Buona lettura!

 

 

 

Gran cous cous vegetariano

couscous

Buongiorno! Oggi un primo piatto super fresco e senza peccato. D’origine nordafricana, il cous cous è ormai parte della nostra cucina, ottimo per primi piatti dal gusto esotico o per piatti unici profumati e freschi. Realizzato con un impasto di acqua e cereali diventa base perfetta per una grande varietà di ricette gustose. Se poi avete ospiti vegetariani non potete sbagliare. Come vuole la tradizione siciliana si può preparare con l’aggiunta di pesce, ma è squisito anche con la carne bianca. La mia proposta di oggi è vegetariana. Preparatene anche da consumare in ufficio, da portare in spiaggia, ad un picnic… insomma… perfetto per qualsiasi occasione.

Ingredienti per 2 persone: 125g di Cous cous (senza glutine), 1 zucchina grande, 100 g di olive taggiasche senza nocciolo, 1 cetriolo carosello, 200 g di pomodori Camone ben sodi, 100 g di feta light, olio evo, 3 peperoni dolci piccoli, 10 foglie di basilico, sale, pepe.

Procedimento: cuocete il cous cous secondo le indicazioni riportate sulla confezione. Dopo di che scolatelo e sgranatelo bene con l’aiuto di una forchetta e 1/2 cucchiaio di olio. Mettete in frigorifero. Nel frattempo… tagliate a dadini piccoli la feta, i cetrioli, i pomodori, i peperoni; tagliate a metà le olive. Spezzate il basilico con le mani. Mettete tutti gli ingredienti in un’ampia insalatiera, aggiungete il cous cous, 2 cucchiai di olio,sale, pepe a piacere. Mescolate energicamente. Servite fresco non freddo.

Muffin al limone

tortineI muffin al limone sono semplici, deliziosi e tanto profumati. In alternativa potete aromatizzarli all’arancia e gocce di cioccolato.
Ingredienti: 1 bustina di lievito vanigliato, 2 cucchiai di zucchero a velo, 100 g di zucchero, 400 g di farina di manitoba, 2 limoni, 80 ml di olio di semi di girasole,100 ml di panna, 1 uovo intero, 1 tuorlo, 100 g di yogurt greco
Procedimento: mescolate lo yogurt con l’uovo, il tuorlo, la scorza grattugiata e il succo dei limoni, l’olio, lo zucchero e la panna, quindi unite la farina setacciata (poca alla volta) con il lievito. Versate il composto in 2 stampi da muffin, riempiendoli per due terzi e cuoceteli in forno preriscaldato e statico a circa 180° per 20 minuti circa. Estraete i muffins dal forno, fateli raffreddare e spolverizzateli di zucchero a velo.

Risotto al pesto di asparagi e basilico

risoaparagiburrata

Oggi torniamo ad aprire la settimana con un risotto green in tutti i sensi. Con dell’ottima asparagina, basilico dell’orto, mandorle, noci, pinoli, semi di girasole si può mettere a tavola un’ottimo primo piatto gustoso e bilanciato.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso Carnaroli, 300 g di asparagina, un mazzetto di basilico fresco, olio evo q.b., un misto di noci, mandorle, pinoli, semi di girasole pari a 100g, scalogno, sale, 1 litro di brodo vegetale, stracciatella di bufala q.b..

Procedimento: lessate gli asparagi puliti per 10′ a partire dal bollore. Scolarli e metterli da parte. Scaldate il brodo. In una casseruola fate un soffritto di scalogno, olio evo. Versate il riso e tostatelo finchè non diventa lucido. Unite due mestoli di brodo e iniziate la cottura. In un bicchierone per mixer riunite 3/4 di asparagi, il basilico lavato, i semi e la frutta secca, olio evo, due pizzichi di sale e riducete tutto in una crema. Se risultasse un pò compatta, aggiungete un paio di cucchiai di brodo. Quando il riso sarà a metà cottura (più o meno dopo 10′) aggiungete la crema di asparagi. La fiamma deve essere abbassata per far si che non si attacchi tutto alla pentola. Finite la cottura del risotto (sempre aggiungendo poco brodo alla volta). Assaggiate sempre e regolate di sale. Impiattate come nella foto con l’aiuto di un ring d’alluminio, guarnendo con due punte d’asparago, foglia di basilico e un cucchiaio di stracciatella freschissima.

 

Ciambella yogurt e arancia

ciambaaperta

Una ciambella profumata e morbidissima per la colazione di tutti i giorni… e se fa caldo e non volete usare il forno potete usare il fornetto Versilia del quale vi ho già parlato in diverse occasioni.

Ingredienti: 4 uova, 1 arancia non trattata, 330 g di farina, un pizzico di sale, 2 cucchiaini di lievito per dolci, 1 bustina di vaniglina, 100 g di zucchero, 170 g di olio di semi di girasole, burro qb, 1 vasetto di yogurt intero (o agli agrumi).

Procedimento: rompete le uova in una ciotola capiente, aggiungete lo zucchero e montate il tutto con le fruste fino ad avere un composto gonfio e omogeneo. Unite l’olio poco per volta, poi continuate a lavorare il composto fino a quando è perfettamente amalgamato. Aggiungete la farina setacciata, il succo e la scorza d’arancia, la vaniglina, lo yogurt, un pizzico di sale e infine il lievito setacciato. Prendete uno stampo a forma di ciambella, imburrato e infarinato, versateci il composto, cospargete di pinoli e poi infornate il tutto a 180° per circa 50 minuti.

ciambayogoara

 

Polpo e patate su crema di finocchi

polpofin1

Oggi torniamo ai fornelli con un piatto unico di pesce. Mare e terra in un connubio profumato, leggero e gustoso. Un classico modificato, alleggerito. Per la cottura del polpo: la bollitura è uno stato poco controllabile, mentre una cottura lunga rende il polpo gommoso e fibroso perché porta allo scioglimento della carne (mentre le fibre rimangono immutate). Per essere tenero e mantenere la pelle intatta, il polpo deve essere cotto in una pentola con molta acqua. Non appena trascorsi dieci minuti dall’ebollizione, basterà spegnere il fuoco lasciando a mollo il polpo e chiudendo con un coperchio. Il tempo di raffreddamento dell’acqua sarà esattamente il tempo necessario al polpo per arrivare a cottura perfetta.

Ingredienti per 4 persone: un polpo di circa 1 kg e mezzo lessato in precedenza, 400 g di patate lessate, 200 g di olive nere denocciolate, un mazzetto di prezzemolo, 3 cucchiai di curcuma, 600 g di finocchi, sale, pepe, olio evo, aglio.

Procedimento: lessate i finocchi, ridotti a fette, in acqua leggermente salata. Tagliate il polpo in tocchetti. In un tegame mettete poco olio, l’aglio vestito ma leggermente pressato con un coltello, il polpo, le patate ridotte anch’esse a tocchetti, le olive. Salate e pepate. Insaporite per 10′. A parte frullate i finocchi (non troppo scolati) con la curcuma, sale, pepe e un filo d’olio. Servite questa crema come base per il vostro polpo completando con prezzemolo tritato fresco.

 

 

Spaghetti in crema di ricotta, timo e limone

spaghiricottatimolimone

Tre soli ingredienti. Tre prelibatezze. Un piatto fresco e a suo modo leggero e raffinato. Oggi va in scena la delicatezza. Una volta provati non li abbandonerete più.

Ingredienti: 350 g di spaghetti, 300 g di ricotta di capra, rametti di timo fresco, 2 limoni non trattati, sale.

Procedimento: come prima cosa mettete a scaldare l’acqua per la pasta, leggermente salata. A parte, in una ciotola lavorate la ricotta con un pizzico di sale, la buccia grattugiata di due limoni, foglioline di timo (meno quelle per la decorazione finale). Assaggiate e aggiustate di sapore. Se non si sentisse troppo il gusto del limone aggiungete pochi cucchiai del suo succo. Prelevate un bicchiere di acqua di cottura. Scolate al dente e incorporate la salsa. Unite poca acqua, necessaria a rendere fluido il tutto. Servite subito completando con rametti di timo freschi.

Trecce al pesto aromatico, pomodori e zucchine

treccearomatiche

Oggi, sento di confermare l’amore per il pesto. In ogni sua forma, con qualsiasi ingrediente, purché sia freschissimo, fatto al momento e non acquistato… se poi gli ingredienti vengono dal tuo orticello, meglio ancora! Ecco la mia proposta di oggi: fresca e gustosa.

Ingredienti: 350g di pasta tipo treccione o fusilloni (meglio se trafilate al bronzo), 200g di pomodori di Pachino non troppo maturi, 1 zucchina media chiara, uno spicchio di aglio, un mazzetto consistente di erbe fresche e miste tra: menta, prezzemolo, timo, maggiorana, origano, basilico, olio evo, 50 g di pinoli, sale e pepe q.b.

fase1

Procedimento: lavate bene tutte le erbe, staccate le foglie dai rametti più duri e mettete tutto in un mixer con olio, pinoli, poco aglio (se gradito), un pizzico di sale. Fate partire le lame ma a scatti per non scaldarle troppo. fase2Deve comunque risultare un pò grossolano e non cremoso. Se risulta un pò asciutto unite olio evo.

Regolate di sale e pepe. Lessate la pasta. Nel frattempo affettate sottilmente le zucchine e fatele cuocere in tegame antiaderente con poco olio in modo che si colorino un pò. A parte tagliate in spicchi i pomodori, scolandone l’acqua e i semini con un colino. Scolate la pasta e conditela con la salsa, nel caso unite poca acqua di cottura. Unite 3/4 di pomodori e mescolate bene a fiamma spenta. Impiattate e completate con le chips di zucchina e pomodori. Un giro di olio crudo non guasterà.

Un suggerimento: la salsa potete anche congelarla e usarla successivamente per la vostra pasta fresca dell’estate o per delle torte salate.

 

Pasta al forno pesto e pomodoro

pastaalfornopestopom

Di ricette con cannelloni ce ne sono tantissimi: ma questi, con ripieno di  ricotta di capra, pomodori freschi datterini e pesto al basilico, li ho trovati davvero leggeri. Si possono usare i cannelloni di pasta secca ma io consiglio vivamente la sfoglia all’uovo fresca che si può trovare nei banchi frigo del supermercato, più facili e sbrigative da usare e comunque ottime. Se poi sapete fare la sfoglia… Top!!!

Ingredienti per 4 persone: 250 g di sfoglie fresche all’uovo per lasagne, 500 g di ricotta di capra, 2 tuorli, 400 di pomodori datterini, 100 g di grana grattugiato, 1 pizzico di noce moscata, 50 grammi di burro, pesto al basilico già pronto (magari fatto da voi), olio evo, sale e pepe quanto basta.

Procedimento: preparate la salsa di pomodoro. In una casseruola mettete i pomodori tagliati a metà, 4 cucchiai di olio, e il sale. Fate cuocere a fuoco basso per quindici minuti, mescolando spesso. Prendete le sfoglie e tagliatele ciascuna a metà nel senso della larghezza, ottenendo da ciascuna due rettangoli. In una ciotola mescolate la ricotta, le uova, la noce moscata, 70 grammi di grana e un pizzico di pepe, lavorando bene il composto con una forchetta. Aggiustate di sale solo dopo avere assaggiato l’impasto. Ponete nella parte inferiore (quella più vicina a voi) di ogni rettangolo di pasta una cucchiaiata di ripieno e arrotolate fino a formare un rotolo. Preriscaldare il forno statico a 170° gradi. Ungete il fondo di un’ampia teglia con qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro e qualche fiocchetto di burro; disponete, uno accanto all’altro, i cannelloni (se possibile in un solo strato, se sono troppi usare due teglie), ricoprite generosamente con la salsa di pomodoro, il pesto al basilico, spolverare di grana e aggiungete i rimanenti fiocchetti di burro.

Coprite la teglia con la carta d’alluminio e infornare per 15 minuti, poi rimuovere la carta e, a forno ventilato, gratinarli per cinque minuti.

Una sciccheria!!!

Spaghetti con datterini, tonno ed erbe fini

spaghipomomagg

Dal vaso alla tavola… per questo primo piatto ho usato le erbe che coltivo in giardino. Sono subito pronte, fresche e molto profumate. E in più danno una svolta di sapore a un primo piatto abbastanza normale e facile da realizzare.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di spaghetti, 300 g di filetto di tonno, due latte di pomodori datterini Mutti (ve li suggerisco caldamente), scalogno, sale, pepe e un mazzetto di erbe fini tipo maggiorana, timo e origano freschi, olio evo q.b.

Procedimento: mettete subito a scaldare acqua salata per la pasta. In un largo tegame mettete dell’olio, lo scalogno ridotto a fettine e i pomodori che schiaccerete con un cucchiaio di legno mentre cuociono. Salate e pepate a piacere. Dopo 5 minuti unite il tonno fresco tagliato a striscioline. Cuocete altri 5 minuti. Nel frattempo lessate la pasta al dente e tritate parte delle erbe. Scolatela (conservando acqua di cottura) e trasferitela nel tegame. Unite le erbe e spadellate. Non fate asciugare troppo il sughetto. Servite subito e completate con foglioline e rametti di timo e maggiorana.