Gnocchi di patate e carote con salsa ai broccoli

gnocchidicarote e broccoliIngredienti per 4 persone: 1 kg di patate a pasta bianca (non novelle), 250/300 g di farina bianca 00, 1 carota piccola, 1 uovo intero, sale, 300 g di broccoli romaneschi,un cucchiaio di prezzemolo tritato, aglio, olio evo, pepe nero.

Procedimento: lavate accuratamente e lessate le patate e la carota con la buccia ben lavate e strofinate. Non appena saranno pronte, schiacciatele con l’apposito strumento (la buccia rimarrà all’interno e voi non vi scotterete le mani). Unite una presa di sale, 250 g di  farina e cominciate ad impastare. Non appena gli ingredienti si sanno amalgamati, aggiungete anche l’uovo. Tornate a impastare con le mani. Su un piano leggermente infarinato, dividete il composto in tanti filoni dello spessore di due cm ciascuno che taglierete con un coltello a distanza regolare di circa 3 cm. Potete lessarli così oppure potete passarli sui rebbi di una forchetta, oppure farli “scivolare” sui denti di una grattugia per dare una trama più irregolare ma tipica dello gnocco.

Prima della cottura lasciateli riposare per almeno 15′. Passiamo al condimento: sbollentate i broccoli per 10′ a partire dal bollore. Scolateli e trasferiteli in  un tegame con uno spicchio di aglio, poco olio e sale fino. Insaporiteli per 5′ poi unite il prezzemolo tritato; eliminate l’aglio, frullate il tutto poco prima di scolare gli gnocchi non appena saliranno a galla. Condite gli gnocchi con la salsa di broccoletti oppure impiattate come nella foto ovvero mettendo un mestolo sul fondo, un giro d’olio e una macinata di pepe nero!

Spaghettini del Golfo

spaghettinigolfo

Oggi vi lascio una ricetta veloce e facile, e di sicuro successo. I profumi, i colori e gli aromi vi ricorderanno la costiera amalfitana, le temperature dolci della primavera.

Ingredienti per 4 persone: 500 gr di spaghettini, 3 pomodori di Pachino, 1 falda di pomodoro secco, 150 gr di olive di Gaeta (meglio se denocciolate), 30 gr di capperi sotto sale, 1/2 cucchiaio di prezzemolo, 1/2 spicchio d’aglio, 1 punta di peperoncino, 1/2 cucchiaio di paprika (dolce o piccante), sale, pepe nero, olio e.v.o.

Procedimento: mettete a scaldare abbondante acqua salata. Nel frattempo denocciolate le olive, lavate i capperi dal sale e tritateli finemente con l’aglio e il peperoncino, meglio se con il mixer. Unite poi poco olio, il pomodoro secco e fresco, la paprika, poco sale e amalgamate bene. Lasciate riposare. Scolate la pasta e unitela al suo sugo. Completate con le olive, pepe nero e un filo d’olio a crudo.

Pennette, salsa di ricotta, scamorza e pistacchi

pennepistacchi

Oggi per voi un primo piatto super elegante ma semplicissimo da preparare, gustoso e cremoso. Si prepara in poco tempo e vi assicuro che è davvero incredibile. La salsa di pistacchi è una ricetta semplicissima da preparare:  in Sicilia si consuma mescolato a un pò di ricotta ma in questo caso ho voluto aggiungere una punta di affumicato dato dalla scamorza! Vi è venuta fame vero? Dai, procuratevi gli ingredienti e correte a prepararlo subito!

Ingredienti per 4 persone: 360 g penne , 150 g di pistacchi (già tostati in padella), 150 g ricotta vaccina, 100 g di scamorza affumicata, olio evo, sale, pepe (facoltativo).

Procedimento: fate bollire abbondante acqua leggermente salata e mettete a cuocere la pasta. In una casseruola mettete 2 cucchiai di olio, la ricotta, qualche pezzetto di scamorza affumicata (non tutta), sale, pepe e i pistacchi tritati (non tutti) con un cutter ma non polverizzati. Fate sciogliere a fuoco bassissimo.

Scolate la pasta direttamente nella casseruola con il pesto di pistacchi e la ricotta e mescolate in modo che si condisca perfettamente tutta.

Servite la pasta pesto di pistacchi e ricotta subito, se volete con un po’ di granella di pistacchi  e scamorza come decorazione.

Risotto al gorgonzola, pere e melograno

risottoperegorgoOggi vi propongo uno dei miei risotti preferiti. È un primo piatto di sicuro impatto, di innegabile gusto e profumo. Lo amerete da subito ve lo garantisco!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso Carnaroli, 70 g di zola Igor leggermente erborinato, 2 pere Kaiser a metà maturazione, 1 melograno intero o una vaschetta da circa 100 g di semi di melograno, 1/2 porro, olio evo, 1 litro di brodo vegetale.

Procedimento: in una casseruola soffriggete 3 cucchiai di olio evo con tutto il porro tritato finemente. Unite il riso, fatelo ben tostare. Tagliate a tocchetti di un cm le pere e unitele al riso. Procedete così alla cottura del riso, aggiungendo ogni tanto poco brodo caldo. Regolate di sale. A metà cottura unite metà del melograno. Al punto di cottura desiderato, spegnete la fiamma, mantecate con il gorgonzola e unite i frutti della melagrana. Completate con un filo di olio a crudo.

Ziti al pomodoro con rucola e ricotta di capra

 

zitiA volte la semplicità paga l’occhio e appaga il gusto… tre ingredienti che insieme danno vita alla magia di un primo piatto semplice ma davvero gustoso. Una passata di pomodoro casalinga, una rucola acquistata al mercato di quartiere, una ricotta freschissima e soffice. Ma soprattutto un formato di pasta che fa subito gridare al miracolo!

Ingredienti per 2 persone: 200 g di ziti, un mazzetto di rucola, 300 ml di passata di pomodoro casalinga o di ottima qualità (tipo #Mutti), 100 g di ricotta di capra freschissima, 1 spicchio d’aglio, olio evo, sale fino, pepe nero.

Procedimento: mettete a scaldare abbondante acqua salata. A parte, in un largo tegame, mettete a scaldare 3 cucchiai di olio evo, aglio e passata di pomodoro. Regolate di sale. Lavate bene la rucola; riunite le foglie a mazzetto. Scolate la pasta al dente, trasferitela nel tegame e amalgamate bene gli ingredienti per un paio di minuti. Spegnete la fiamma e aggiungete la rucola rotta con le mani. Servite con fiocchetti di rucola, pepe nero a pioggia e un giretto d’olio evo a crudo.

Mezze maniche piccanti con ceci, pomodori e piselli

mezzepennececi

@CucinaCre-attiva

Oggi vi propongo un primo piatto semplice ma super gustoso che mi sono portata in ufficio. Una pasta @Rummo senza glutine, spettacolare e di grande tenuta in cottura; un sughetto a base di verdura e legumi e per completare… peperoncino piccante per esaltare tutti i sapori.

Ingredienti per 2 persone: 180 g di pasta tipo mezze maniche, 150 g di ceci già lessati, 150 g di pomodori tipo Pachino, 100 g di piselli (surgelati), olio al peperoncino, peperoncino fresco, aglio, origano.

Procedimento: in una casseruola scaldate l’acqua per la pasta con poco sale. A parte, in un tegame antiaderente, mettete uno spicchio d’aglio intero, un cucchiaio di olio piccante, i ceci scolati e passati sotto l’acqua corrente. Cominciate ad insaporire a fuoco lento. Dopo 4/5 minuti unite piselli e pomodori. Se il tutto risultasse un pò asciutto unite poca acqua di cottura della pasta. Regolate di sale e aggiungete origano secco… una presina. Buttate la pasta e cuocetela al dente. Prima di scolare tenete del liquido di cottura. Versate la pasta nel condimento ed insaporite per un paio di minuti… gli elementi faranno amicizia ed il risultato sarà… esplosivo!

Fusilli all’ortolana infuocata

ortolana2

Ci sono dei giorni in cui ti accorgi di aver esagerato con l’acquisto delle verdure e a quel punto l’unica soluzione è un coloratissimo condimento primaverile ma… piccante! Per dare sprint al tutto anche l’aggiunta di qualche acciughina…
Ecco la ricetta!

Ingredienti per 4 persone: 350g di fusilli forati (La Molisana), 2 zucchine medie, 300 g di pomodori di pachino, 1 cipolla di Tropea, 50 g di pinoli, 50 g di prezzemolo fresco, 4 acciughe sott’olio, 1 peperoncino piccante (anche secco… in questo caso 2/3 basteranno), 1 spicchio di aglio, sale, pepe nero, olio evo q.b..

Procedimento: come primo passo mettete a scaldare abbondante acqua salata. A parte, in un largo tegame anti-aderente, mettete a scaldare aglio, olio e cipolla tagliata a velo. Successivamente unite le zucchine ridotte a fiammifero (preferibilmente la parte verde) e i pomodori tagliati a spicchi. Spadellate energicamente per 10 minuti. Salate e pepate. Unite le acciughe e il peperoncino ridotto in piccoli pezzetti. A parte, nel frattempo, tostate i pinoli senza bruciarli. Tritate il prezzemolo.
Scolate la pasta al dente, trasferitela nel tegame e finite di cuocerla unendo anche il prezzemolo. Assaggiate e servite finendo il piatto con i pinoli tostati.

Penne integrali con tonno e arance

Oggi vi propongo una pasta con tonno all’arancia davvero deliziosa, particolarmente profumata ed appetitosa. La dolcezza dell’agrume si sposa delicatamente con l’intensità del tonno, conferendo al primo piatto un sapore originale, in grado di accontentare anche i palati più sopraffini. E per completare… spinacini novelli. Lo trovo anche molto elegante da servire ben impiattato con l’aiuto di un ring in metallo…

penne tonoarancia1

Ingredienti per 4 persone: 350 g di penne rigate integrali, 1 arancia non trattata, 50 g di burro, 50 g di farina 00, sale, pepe nero, 200 g di tonno in scatola al naturale, 50 g di spinaci novelli.

Procedimento: come primo passo mettete a scaldare l’acqua per la pasta. Appena bolle salatela.
Nel frattempo prendete l’arancia e grattugiatene tutta la buccia, ma non la parte bianca, e tenete da parte. Spremete il succo dell’arancia e filtratelo. In un tegame di medie dimensioni sciogliete il burro a fiamma molto bassa; appena sciolto unite la farina e incorporatela con un frustino piccolo. Subito dopo unite il succo d’arancia ed il tonno. Mescolate sempre. Salate e pepate. Aggiungete alla fine dei 5 minuti totali di cottura gli spinacini tagliati a striscioline. Spegnete subito. Scolate la pasta al dente e (conservando una tazza d’acqua) trasferitela nel tegame del condimento. Mescolate, assaggiate sempre, poi servite.

pennetonnoarancia

Risotto, asparagi, gorgonzola e pistacchi

Oggi vi propongo risotto con pochissimi ingredienti, morbido, cremoso, mantecato non con un gorgonzola leggermente piccante, arricchito da una granella di pistacchi di Bronte. Un risotto avvolgente e pieno di contrasti che solo provandolo potrete apprezzare.

risottoasparagizola

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso Carnaroli, 350 g di asparagi verdi (freschi o surgelati), 150 g di Gorgonzola leggermente piccante, una manciata abbondante di pistacchi già sgusciati, 1 patata, 1 carota, 1/2 porro, burro q.b., sale, pepe, 1 litro di brodo fatto con l’acqua degli asparagi lessati.

ingredrisotto

Procedimento: in una casseruola mettete a bollire un litro di acqua poco salata e lessatevi gli asparagi, con una patata e una carota. Scolateli al dente. Tagliate la cima per la lunghezza di 3 cm e riducete il resto del gambo a rondelle. Prendete un’altra casseruola, antiaderente, e preparate il soffritto con il porro a rondelle fini, un cucchiaio di abbondante di burro. Fiamma moderata e non appena prende colore versate il riso per la tostatura. Mescolate sempre. Unite dunque un bel mestolo di brodo e metà dei gambi degli asparagi. Il resto frullatelo in un mixer e aggiungetelo subito. Aggiungete sempre un mestolo alla volta. Regolate di sale e di pepe. Nel frattempo avrete pestato i pistacchi in un piccolo mortaio. Portate a 2 minuti dalla cottura (quindi leggermente al dente). Unite le cime degli asparagi (non tutte… qualcuna vi servirà per impiattare). Spegnete la fiamma e fuori dal fuoco mantecate con pezzetti di Gorgonzola. Impiattate, guarnite con la granella di pistacchi e un paio di cime di asparago.

Orecchiette di grano arso con fagioli, patate e cacioricotta

orecchiette1

Oggi vi propongo un primo piatto che onora la cucina pugliese, che amo tantissimo. Per questo piatto ho scelto delle orecchiette di grano arso. Vi chiederete cos’hanno di diverso da quelle di semola? Beh, ecco un pò di storia. Tempo fa, quando il grano veniva raccolto a mano, le stoppie venivano bruciate e i chicchi caduti a terra si bruciacchiavano. Dopo la macinatura, con la farina ricavata si confezionavano focacce e vari tipi di pasta. Era il “grano arso”.Il “grano arso” moderno è semplicemente tostato al punto giusto per ottenere quel tipico sentore di affumicato.L’area d’origine di questa pasta è probabilmente il Foggiano (considerato da sempre il “granaio d’Italia”). I formati sono i tipici pugliesi, per lo più “strascinati”, “orecchiette e “fusilli”.

orecchiette2

Ingredienti per 4 persone: 300 g di orecchiette, 300 g di fagiolini lessati, 100 g di patate lessate, 1 spicchio d’aglio, origano, cacioricotta pugliese a mezza stagionatura, sale, pepe, olio evo.

Procedimento: mettere a bollire abbondante acqua calda e salata. In un tegame mettete a scaldare un pò di olio e uno spicchio di aglio. Non appena si dorerà unite i fagiolini per farli insaporire un’po. Aggiungete anche l’origano, il sale e il pepe. Dopo cinque minuti unite le patate ridotte a cubetti. Lasciate passare altri 2 minuti, unite 1/2 tazzina di acqua di cottura poi spegnete. Lessate le orecchiette per il tempo necessario, circa 10′, scolatele e spadellatele a fuoco basso nel tegame della verdura. Servitele caldissime con una super spolverata di origano e cacioricotta grattugiato.