Pasta al forno pesto e pomodoro

pastaalfornopestopom

Di ricette con cannelloni ce ne sono tantissimi: ma questi, con ripieno di  ricotta di capra, pomodori freschi datterini e pesto al basilico, li ho trovati davvero leggeri. Si possono usare i cannelloni di pasta secca ma io consiglio vivamente la sfoglia all’uovo fresca che si può trovare nei banchi frigo del supermercato, più facili e sbrigative da usare e comunque ottime. Se poi sapete fare la sfoglia… Top!!!

Ingredienti per 4 persone: 250 g di sfoglie fresche all’uovo per lasagne, 500 g di ricotta di capra, 2 tuorli, 400 di pomodori datterini, 100 g di grana grattugiato, 1 pizzico di noce moscata, 50 grammi di burro, pesto al basilico già pronto (magari fatto da voi), olio evo, sale e pepe quanto basta.

Procedimento: preparate la salsa di pomodoro. In una casseruola mettete i pomodori tagliati a metà, 4 cucchiai di olio, e il sale. Fate cuocere a fuoco basso per quindici minuti, mescolando spesso. Prendete le sfoglie e tagliatele ciascuna a metà nel senso della larghezza, ottenendo da ciascuna due rettangoli. In una ciotola mescolate la ricotta, le uova, la noce moscata, 70 grammi di grana e un pizzico di pepe, lavorando bene il composto con una forchetta. Aggiustate di sale solo dopo avere assaggiato l’impasto. Ponete nella parte inferiore (quella più vicina a voi) di ogni rettangolo di pasta una cucchiaiata di ripieno e arrotolate fino a formare un rotolo. Preriscaldare il forno statico a 170° gradi. Ungete il fondo di un’ampia teglia con qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro e qualche fiocchetto di burro; disponete, uno accanto all’altro, i cannelloni (se possibile in un solo strato, se sono troppi usare due teglie), ricoprite generosamente con la salsa di pomodoro, il pesto al basilico, spolverare di grana e aggiungete i rimanenti fiocchetti di burro.

Coprite la teglia con la carta d’alluminio e infornare per 15 minuti, poi rimuovere la carta e, a forno ventilato, gratinarli per cinque minuti.

Una sciccheria!!!

Spaghetti con datterini, tonno ed erbe fini

spaghipomomagg

Dal vaso alla tavola… per questo primo piatto ho usato le erbe che coltivo in giardino. Sono subito pronte, fresche e molto profumate. E in più danno una svolta di sapore a un primo piatto abbastanza normale e facile da realizzare.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di spaghetti, 300 g di filetto di tonno, due latte di pomodori datterini Mutti (ve li suggerisco caldamente), scalogno, sale, pepe e un mazzetto di erbe fini tipo maggiorana, timo e origano freschi, olio evo q.b.

Procedimento: mettete subito a scaldare acqua salata per la pasta. In un largo tegame mettete dell’olio, lo scalogno ridotto a fettine e i pomodori che schiaccerete con un cucchiaio di legno mentre cuociono. Salate e pepate a piacere. Dopo 5 minuti unite il tonno fresco tagliato a striscioline. Cuocete altri 5 minuti. Nel frattempo lessate la pasta al dente e tritate parte delle erbe. Scolatela (conservando acqua di cottura) e trasferitela nel tegame. Unite le erbe e spadellate. Non fate asciugare troppo il sughetto. Servite subito e completate con foglioline e rametti di timo e maggiorana.

Cellentani risottati con polpo, asparagi e puntarelle

cellentani2

Oggi vi propongo un primo piatto, tipicamente chiamato orto-mare. In questo caso usiamo del polpo fresco, dell’asparagina e delle puntarelle fresche. Risottiamo in tegame senza lessare la pasta; tutto a crudo e con il solo ausilio di un brodo vegetale leggero. Curiosi? Vi lascio ingredienti, pochi, e un procedimento semplice semplice.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di pasta corta tipo cellentani, 300 g di polpo già lessato in anticipo, 200 g di asparagina, 200 g di puntarelle, 1 cucchiaino di colatura di alici (facoltativa), 1 litro di brodo vegetale fatto con patata, cipolla, sedano, parti legnose dell’asparago e delle puntarelle, aglio, olio evo, sale, pepe.

Procedimento: scaldate il brodo come prima cosa. In un apentola tipo Wok o in una casseruola antiaderente mettete a scaldare uno spicchio d’aglio e olio evo. Aggiungete la parte verde delle puntarelle e gli asparagi, ridotti a pezzetti di 2 cm di lunghezza. Insaporite con sale e pepe per 2 minuti poi aggiungete un mestolo di brodo e la pasta. Dovrete continuare a girare e man mano che si ritira la parte liquida aggiungete brodo. Regolate di gusto. Nel momento in cui la pasta sarà cotta (al dente e non scotta), il sughetto non asciutto ma cremoso, unite la colatura e mescolate bene. Servite subito.

 

Merluzzo su vellutata di asparagi bianchi e cime di rapa

merluzzo asparagi2

Oggi vi propongo un secondo piatto di pesce molto particolare. Tre ingredienti base, poche calorie ma un gusto inconfondibile. Di ritorno da un viaggio ho acquistato meravigliosi asparagi bianchi. Così, oltre ad un semplice uso con le uovo ho provato ad usarli come base per un piatto di pesce che risultasse bilanciato. Ed ecco che la sapidità del pesce si è sposata con la dolcezza dell’asparago bianco. Provateli così e ve ne innamorerete!

Ingredienti per 4 persone: 4 filettoni di merluzzo dal peso individuale di circa 200 g, 500 g di asparagi bianchi freschi, 1 patata media, 1 cucchiaio di panna vegetale, un mazzetto di cimette di rapa (circa 200 g), olio al tartufo, una noce di burro, aglio, sale, pepe, olio evo.

Procedimento: dedichiamoci come prima cosa alla lessatura degli asparagi. Se potete, lessate gli asparagi ben lavati e legati a mazzo, in una casseruola a fondo stretto e alta, in piedi con le teste rivolte in alto e in acqua appena salata per 20′. Lessate anche la patata. A parte in un’altra casseruola lessate brevemente le cime di rapa. Cinque minuti basteranno. In un piccolo tegame mettete uno spicchio di aglio, poco olio e insaporiteci le cime di rapa. Dopo 5 minuti mettete da parte, in caldo. In un altro tegame mettete olio, burro, aglio e i filetti di merluzzo. Scottateli per circa 10′. Riunite gli asparagi nel bicchiere di un mixer con la patata lessata, un goccio di olio, condite con sale, pepe e frullate fino ad ottenere una crema vellutata e non troppo solida. Nel caso diluite leggermente con acqua di cottura degli asparagi. Impiattate come nella foto dimostrativa ovvero un mestolo di crema sulla base, adagiate i filetti di pesce, un giro di olio al tartufo, qualche foglia di cima di rapa.

Buon appetito!

merluzzoasparagi1

Penne asparagi, champignon e salsa al prezzemolo

penne2

Qualcuno sostiene che siano stati gli antichi Romani – altri dicono i Greci – a dare il nome all’asparago. A distanza di secoli è riuscito a diffondersi in ogni continente, conquistando le cucine italiane così come i campi peruviani e anche alcuni piatti tradizionali tedeschi. Povero di sodio e ricco in altri sali minerali (calcio, fosforo, magnesio, potassio), l’asparago vanta anche riconosciute proprietà diuretiche e depurative.
L’apporto nutritivo si completa con il buon contenuto di vitamine C e B9. Oggi vi lascio una ricetta facile facile, all’occorrenza senza glutine nel lattosio, leggera ma di gusto!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di penne senza glutine #Barilla, 200 g di funghi champignon (già affettati possibilmente), 200 g di asparagi verdi (quelli lunghi e fini sarebbero l’ideale), un mazzetto di prezzemolo, 1 limone, olio evo, 1/2 carota, 1 spicchio di aglio, sale e pepe qb.

Procedimento: prima cosa da fare… lessate gli asparagi in una casseruola dal fondo stretto ma i bordi alti, legati a mazzo con spago da cucina. Lasciateli cosi per 15/20 minuti. Le punte non devono scuocere.  Scaldate l’acqua della pasta. A parte, in un tegame scaldiamo poco olio, aglio, un pò di carota grattugiata e i funghi. Salate e pepate e cuocete così per lo stesso tempo degli asparagi. Nel caso aggiungete un goccio di acqua di cottura delle penne. In un mixer riunite un mazzettino lavato di prezzemolo, 2 cucchiai di olio, una puntina di aglio. Frullate velocemente e salate solo alla fine. Scolate la pasta al dente e ripassatela con la salsa al prezzemolo, i funghi e gli asparagi. Buon appetito!

penneasparagifunghi

Tagliatelle al ragù di carote e ceci

tagliatellececicarote

Oggi vi propongo un ragù vegetariano, assolutamente gustoso, avvolgente, ricco di sapore, glutenfree. Assolutamente speciale in quanto preparato da mia figlia quindi di maggior valore. E poi… buon sangue non mente!

Ingredienti per persone: 200 g di tagliatelle fresche o secche (come preferite… noi usiamo senza glutine Barilla), un vasetto di ceci già lessati (circa 200 g), 100 g di carote, 4 cucchiai di concentrato di pomodoro, grana padano grattugiato, olio evo, sale, pepe, rosmarino q.b.

Procedimento: mettete a scaldare l’acqua per la pasta. In un tegame mettete dell’olio e i ceci scolati. Lasciate insaporire per qualche minuto. Spegnete un attimo la fiamma. Prelevatene metà e frullateli nel mixer. Rimetteteli nel tegame, unendo le carote, il pomodoro e qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta. Fiamma dolce mi raccomando… il sugo deve sempre risultare ben fluido, non liquido, non asciutto. Salate e pepate a piacere. Cuocete per 15′. Lessate le tagliatelle al dente e, dopo averle scolate leggermente, trasferitele nel tegame della salsa. Insaporite per due minuti a fiamma dolce. Servite calde, senza esitazione, con entusiasmo e tanto grana grattugiato. A piacere ancora pepe nero.

Ziti alla Norma

Norma
La pasta alla Norma è una ricetta originaria della città di Catania, nel cui dialetto è detta “pasta ca’ Norma”.
Sembrerebbe che a dare il nome alla ricetta sia stato il commediografo siciliano Nino Martoglio il quale, davanti ad un piatto di pasta così condito, avrebbe esclamato “È una Norma!”, ad indicarne la suprema bontà, paragonandola alla celebre opera di Vincenzo Bellini. In questa occasione ve la propongo con una pasta che amo, gli ziti spezzati, che sono meravigliosi come tenuta di cottura e resa in sapore. Di seguito trovate la ricetta perchè, già lo so, che la foto vi ha fatto venire fame!

Ingredienti per 4 persone: 500 g di pomodori pelati, 400 g di pasta lunga tipo ziti (io ho usato quelli di marca Garofalo), 200 g di ricotta salata, 2 melanzane medie, 2 spicchi d’aglio, 10 foglie di basilico, olio evo, sale, pepe nero q.b.

Procedimento: Lavate le melanzane, tagliatele a fette di 4 mm di spessore in senso verticale. Ponetele in un colapasta cospargendole, strato per strato, di sale grosso, poi copritele con un piatto e ponete al di sopra di esse un peso: lasciatele spurgare per almeno mezz’ora. Mentre aspettate dedicatevi alla preparazione della salsa di pomodoro: in un tegame fate dorare l’aglio in un paio di cucchiai d’olio. Aggiungete quindi i pomodori pelati e fate cuocere a fuoco dolce per circa 20′. Salate e pepate. Una volta spento il fuoco, aggiungete metà delle foglie di basilico fresco. Sciacquate le melanzane sotto l’acqua corrente, poi asciugatele per bene con un canovaccio pulito e quindi friggetele in olio di oliva ben caldo ma non bollente, fino a dorarle. Trasferite le melanzane su carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso. Mettete a lessare la pasta in abbondante acqua salata.  Nel frattempo riducete in scaglie la ricotta salata. Mentre la pasta cuoce, tagliate a listerelle le melanzane fritte; trasferitele in un tegame con qualche cucchiaio di sugo di pomodoro. Quando la pasta sarà al dente, scolatela ed unitela al condimento; spadellate un minuto e poi servite la pasta ricoprendola con il restante sugo di pomodoro, qualche fetta di melanzana e della ricotta salata grattugiata. Completate con restanti foglie di basilico fresco.

Risotto in rosso con fonduta di Asiago

risorossoasiago

Il risotto alla barbabietola rossa con Asiago è un primo piatto originale ed equilibrato nei sapori e nelle consistenze. Il retrogusto dolciastro è contrastato dalla morbidezza della fonduta che conferiscono al piatto freschezza e personalità. Il risultato? Un successo garantito!

Ingredienti per 4 persone: 300 g di riso carnaroli, 2 barbabietole rosse precotte, 1 litro di acqua salata calda o brodo vegetale, 200 g di formaggio morbido tipo Asiago, 1 noce di burro, 1,2 bicchiere di latte, 1 cipolla di Tropea piccola, olio evo q.b., 1/2 bicchiere di vino bianco, prezzemolo q.b., sale e pepe nero q.b.

Procedimento: sciacquate e asciugate bene le barbabietole, quindi tagliatela a cubetti e mettetela in una casseruola con poco olio. Aggiustate di sale e di pepe. Cuocete per circa 15-20 minuti, finché non sarà più morbida. Toglietene metà e frullatela. In una casseruola, fate soffriggere la cipolla affettata finemente con l’olio. Appena inizierà a dorarsi, versate il riso e fatelo tostare per qualche minuto. Versate il vino bianco e fatelo sfumare. Abbassate la fiamma e cuocete il risotto aggiungendo acqua o brodo poco alla volta. Unite la barbabietola a cubetti e insieme anche quella frullata; mescolate bene e continuate a cuocere finché il riso non sarà cotto ma al dente. Negli ultimi minuti di cottura preparate la fonduta sciogliendo il formaggio ridotto in pezzetti con il latte, il burro e pepe nero. Impiattate un mestolo abbondante di risotto, quindi raccogliete un cucchiaio di fonduta e disponetela in cima al piatto. Aggiungete prezzemolo fresco tritato e ancora pepe nero.

 

Funghi portobello ripieni

portobelloripieno

I funghi Portobello appartengono alla stessa famiglia degli Champignon, sono però più grandi e dunque adatti ad essere serviti ripieni. La farcia che vi propongo è vegetariana e piuttosto originale: ho sostituito la basica patata lessa con il topinambur che rende il tutto più digeribile e leggero. Facilissimi da realizzare, potrete gustarli come piatto unico o gustarli in abbinamento ad un piatto di carne semplice.

Ingredienti per 4 persone: 4 teste grandi di funghi tipo portobello, 4 topinambur medi, 100 g di grana grattugiato, 50 g di pane grattugiato, un mazzetto di prezzemolo fresco, sale, pepe nero, olio evo, uno spicchio piccolo di aglio, besciamella di soia 100 ml, 1 uovo intero.

finghistep1Procedimento: lessate i topinambur lavati e sbucciati per 20′ dal bollore. Come secondo passo passo riunite in una ciotola il grana, poco pangrattato, l’uovo, l’aglio ed il prezzemolo tritato; mescolate bene il tutto. Unite i topinambur schiacciati con la forchetta. A parte svuotate leggermente i funghi (preventivamente lavati ed asciugati) e tritateli in un mixer. Uniteli agli ingredienti. Regolate di sale e pepe. Ungete una teglia con dell’olio evo o foderate con carta forno. Ungete anche le cappelle spennellandole con poco olio extravergine, salate e pepate. Disponete le cappelle nella teglia con la parte interna verso l’alto.

step2

Distribuitene il ripieno all’interno e conditele con un filo d’olio evo, besciamella e pan grattato sulla superficie. Infornate a 170°C per circa 15′ minuti. Al termine di questo tempo passate in modalità grill per dare una leggera gratinatura alla superficie.

Pennette con mazzancolle e crema di ceci

pennececigamberi

La mia proposta di oggi è un primo piatto che ha la peculiarità di piatto unico. Pasta, pesce e legumi: un connubio leggero, gustoso e bilanciato. Da provare subito e cucinato nella wok dove si raccoglieranno tutti i sapori in un armonico paradiso per il palato.
Buon appetito!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di penne rigate integrali (io ho usato De Cecco perchè di grande tenuta e struttura), 400 g di mazzancolle sgusciate (fresche o surgelate), 200 g di ceci già lessati, 1 cucchiaio abbondante di curry masala, olio evo, sale, pepe nero, aglio, prezzemolo tritato fresco.

workpenne

Procedimento: mettete a bollire l’acqua per la pasta con una manciatina di sale. A parte in una pentola tipo Wok o in un tegame antiaderente a sponde alte, mettete poco olio, uno spicchio d’aglio e i ceci. Fate insaporire per 5 minuti; salate e pepate. Unite 1/2 bicchiere di acqua calda e cuocete per altri 5 minuti. raccogliete un mestolo di ceci e pressateli fino a renderli in crema (usate un passa verdura, oppure uno schiacciapatate, oppure un mixxer ad immersione. Rimettete nella wok. Unite anche il pesce, il curry e cuocete per 5/6 minuti. Scolate la pasta al dente e (conservando un pò d’acqua) versatela nel tegame del condimento. Terminate la cottura. Unite prezzemolo e servite calde.