Spaghetti al pesto di rucola e pomodori secchi

spaghirucola

Questo pesto, uno dei miei preferiti per contrasto e consistenze, incontra spesso i favori dei miei ospiti. Si presta molto anche ad essere servito caldo ma è perfetto per pasta fredda e ascoltate ascoltate… crostini di pane, bufala e pesto, come condimento per il roast beef (per gli onnivori) o per un’insalatona estiva e colorata. Provatelo e non lo abbandonerete più.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di spaghetti Rummo (senza glutine), 120 g di rucola, 2 falde di pomodori secchi sott’olio, 50 gr di parmigiano reggiano grattugiato, 50 gr di olio extra vergine di oliva, 1 pizzico di sale, 50 gr di pinoli, 30 di mandorle, 1 spicchio di aglio (facoltativo).

procedimento: Cuociamo la pasta in una pentola con abbondante acqua e sale. Laviamo la rucola e priviamola dei gambi un pò più duri.
A questo punto la pesiamo e poi la laviamo e l’asciughiamo tamponandola con un panno carta. Grattugiamo il formaggio quindi in un frullatore mettiamo la rucola, i pomodori tagliati fini fini, poi i pinoli e le mandorle. Frulliamo per pochissimi minuti ed aggiungiamo il formaggio, il pizzico di sale e lo spicchio di aglio, privato del germe interno.
Ancora un giro di frullatore e poi inseriamo l’olio a filo.

Non appena la pasta risulta al dente la passiamo in una padella con all’interno un filo di olio caldo. Conservate una tazzina di acqua di cottura.
Versiamo il pesto preparato precedentemente e con un cucchiaio amalgamiamo bene il tutto.
Prima di portare in tavola ultimiamo i piatti con qualche pezzo di mandorla e pinolo sminuzzato e foglie di rucola.

Il pesto si conserva in un contenitore chiuso ermeticamente in frigo per un paio di giorni.

Pennette, salsa di ricotta, scamorza e pistacchi

pennepistacchi

Oggi per voi un primo piatto super elegante ma semplicissimo da preparare, gustoso e cremoso. Si prepara in poco tempo e vi assicuro che è davvero incredibile. La salsa di pistacchi è una ricetta semplicissima da preparare:  in Sicilia si consuma mescolato a un pò di ricotta ma in questo caso ho voluto aggiungere una punta di affumicato dato dalla scamorza! Vi è venuta fame vero? Dai, procuratevi gli ingredienti e correte a prepararlo subito!

Ingredienti per 4 persone: 360 g penne , 150 g di pistacchi (già tostati in padella), 150 g ricotta vaccina, 100 g di scamorza affumicata, olio evo, sale, pepe (facoltativo).

Procedimento: fate bollire abbondante acqua leggermente salata e mettete a cuocere la pasta. In una casseruola mettete 2 cucchiai di olio, la ricotta, qualche pezzetto di scamorza affumicata (non tutta), sale, pepe e i pistacchi tritati (non tutti) con un cutter ma non polverizzati. Fate sciogliere a fuoco bassissimo.

Scolate la pasta direttamente nella casseruola con il pesto di pistacchi e la ricotta e mescolate in modo che si condisca perfettamente tutta.

Servite la pasta pesto di pistacchi e ricotta subito, se volete con un po’ di granella di pistacchi  e scamorza come decorazione.

Fettine dorate e fritte

fettinedorate

Trovatemi qualcuno a quale non piacciono le fettine impanate e fritte? Amo parere, non esiste… (vegani e vegetariani esclusi). Stiamo parlando di una parente stretta della cotoletta milanese, di quella siciliana.

Ma questa è la mia… e ve la regalo!

Ingredienti per 2 persone: 400 g di petto di pollo in fettine, una manciata di pan grattato, una manciata di farina fioretto, 3 cucchiai di grana padano grattugiato, un cucchiaio di rosmarino fresco tritato finissimo, 2 uova piccole, sale fino, pepe nero, limone bio.

20190205_190102Procedimento: in un piatto fondo battete le uova con poco sale e pepe nero macinato. A parte in un altro piatto radunate gli ingredienti per la panatura: pan grattato, il formaggio, farina gialla, gli aromi, poco sale e pepe. Mescolate con le mani… Passate le fettine prima nell’uovo e poi nella panure.

Nel caso vogliate friggerle… preparate un bel tegame e abbondante burro chiarificato per una cottura tradizionale e sana.

Nel caso non vogliate friggere… preparate intanto una teglia rivestita di carta forno. Adagiatevi dentro le fettine e passatele in forno a 180° per circa 20/25 minuti (controllate bene già a 20′). Servitele caldissime con una bella misticanza.

Spaghetti con broccoli, capperi, pomodori secchi

spaghibrocc

Oggi è Sant’Ambrogio e per i milanesi è senz’altro grande occasione per entrare nel mood dello shopping natalizio. E allora… facciamoci due spaghi leggeri e gustosi e usciamo a divertirci. Ma nel frattempo vi lasco la ricetta così non perdete tempo!

Ingredienti per due persone: 200 g di spaghetti, 150 g di broccoletti sbollentati, 3 falde di pomodoro secco, 1 cucchiaio di capperi di Pantelleria, un cucchiaio di mandorle in scaglie, olio evo, aglio, sale e pepe.

Procedimento: mettete a bollire l’acqua per la pasta con una presa di sale grosso. Nel mentre, in un tegame antiaderente, versate 3/4 cucchiaio di olio, uno spicchio di aglio vestito ma pressato con il palmo della mano, i broccoletti leggermente sminuzzati a mano, le mandorle, i pomodori secchi tagliati a julienne (striscioline). Avviate tutto a freddo e spadellate per il tempo di cottura degli spaghetti. Salate e pepate a piacere. Gli ultimi due minuti serviranno ad aggiungere i capperi dissalati. Scolate velocemente la pasta conservando acqua di cottura per la fluidità del piatto finale.

Farfalle in salsa di zucchine, basilico e pomodori secchi

farfzucchCapita spesso che ognuno di noi abbia pochissimo tempo per cucinare e alla fine rimedia sempre con soluzioni pratiche, veloci ma poco gratificanti… in questo caso il tempo impiegato per questa ricetta è quello di cottura della pasta, ovvero circa 20’… provatela!

Ingredienti per 2 persone: 200 g di farfalle integrali (o pasta corta a vostro piacere), 1 zucchina verde scura, 2 falde di pomodoro secco di Pachino (tagliate aa striscioline), una manciata di foglie di basilico fresco, 3 cucchiai di pinoli, 1/2 spicchio di aglio, 3 cucchiai di pecorino romano, sale, olio evo q.b.

Procedimento: mettete a bollire l’acqua per la pasta con una presa di sale grosso. Lavate le zucchine, togliete cima e fondo e tagliatele a tocchetti. Inseritele nel bicchiere del mixer. Unite il resto degli ingredienti e poco olio per cominciare. Cuocete la pasta. Frullate a scatti per non surriscaldare le lame e bruciare il basilico. Assaggiate la salsa, regolate di sapore, emulsionate ulteriormente con poco olio e un cucchiaio di acqua di cottura della pasta per rendere fluido il condimento. Frullate nuovamente per pochi secondi e tenete da parte. Scolate le farfalle al dente e conditele con la salsa ed eventualmente olio a crudo.

 

Cucina del Sud: dalla libreria alla cucina.

books

Nuovo appuntamento con i consigli editoriali. Oggi vi propongo due volumi della collana In cucina con Slow Food: Ricette di Puglia e Ricette di Sicilia.
I volumi, come è ovvio, raccontano la cucina casalinga pugliese e quella siciliana che amo particolarmente e alla quale mi ispiro spesso.
La prima è una cucina che fa ampio uso di pasta fresca (orecchiette&Co.), verdure, erbe spontanee e olio di oliva. E ancora… proteine vegetali come legumi, seguiti da pesci e carni ovine, equine, suine.
Una cucina schietta, con sapori decisi e riconoscibili, facilmente adattabile alle diete vegetariane.
La seconda contiene una vasta scelta di ricette appartenenti ad una delle cucine più ricche del Mediterraneo, praticata ogni giorno dalle famiglie di tutta l’isola. C’è proprio tutto: dai prodotti di friggitoria ai panini imbottiti di frattaglie; dall’insalata di arance alle sarde, dai timballi ai golosissimi cannoli…

Le ricette sono ben spiegate e corredate da belle fotografie… quindi ve li consiglio entrambi caldamente!

Insalata siciliana

735952Ingredienti per un’insalata: 2 finocchi tondi, 2 arance tarocco, 200 g di olive nere, 1 cipolla media di Tropea, limone, olio, pepe.
Procedimento: lavate e pulite bene i finocchi e tagliateli a fette sottilissime,  conservando i ciuffetti alla sommità. Se non avete dimestichezza con i coltelli, aiutatevi con una mandolina. Sbucciate e tagliate a vivo (cioè senza la “pellicina”) le arance riducendole a piccoli spicchi. Scolate le olive dal loro liquido ma non risciacquatele. Lavate e tagliate finemente anche la cipolla.
Riunite tutto in una zuppiera e condite con olio, limone e pepe a volontà.

Le arance sono i frutti protagonisti dell’inverno. In Sicilia si consumano da sempre durante i pranzi, come un classico delle tavole invernali. Un mix di sapori che è in grado di far cambiare idea anche ai palati più difficili.
Ovviamente, inutile dirlo, fondamentale la bontà delle materie prime.

Pennette ai due pomodori e formaggio di Capra

pennepomprovolaIngredienti per 2 persone: 160 g di penne Barilla (Nuova Ricetta), 200 g di pomodori datterini maturi, 3 falde di pomodori secchi, 50 g di ricotta dura di capra oppure, come me, di primosale di capra Siciliano, un cucchiaio di capperi dissalati, un cucchiaio di origano fresco, 1 spicchio di aglio, 1 cipolla piccola di Tropea, olio Evo, sale, pepe.
Procedimento: mettete a scaldare abbondante acqua salata per lessare la pasta. Nel frattempo prepariamo il condimento: affettate finemente la cipolla, e a pezzetti i due tipi di pomodori; versate il tutto in un tegame a base larga con 4 cucchiai di olio. Dopo 2 minuti unite capperi e origano. Lasciate cuocere in tutto per 10′. Se si asciuga troppo il sugo aggiungete 2 cucchiai di acqua calda di cottura. Buttate la pasta che cuocerete al dente. Scolatela ed unitela al sugo per amalgamare i sapori. Servite caldissima con una pioggia di formaggio grattugiato a scaglie.

Tagliatelle di farro alle melanzane

tagliatellefarroallemelanzaneIngredienti per 4 persone: 250 g di tagliatelle di farro o integrali secche, una buona quantità di ragù di melanzane (del quale trovate la ricetta alla sezione Sughi&Salse del sito), sale per la pasta.
Procedimento: tutto molto semplice se avete già preparato il vostro condimento. Lessate al dente la pasta in acqua salata e dopo scolata, conditela abbondantemente. Se lo desiderate non guasterebbe una bella spolverata di pecorino!