Guacamole toast

guacamole toastVisto e considerato che il caldone non molla, eccomi qui con una proposta “snack” per la spiaggia, per una gita o da portare in ufficio se ancora non siete partiti…

Ingredienti per 2 persone: salsa guacamole (il link alla ricetta lo trovate qui), pane in cassetta integrale o multicereale, una manciata di spinacino novello, 1 pomodoro cuore di bue, una manciata di pistacchi senza guscio.

Procedimento: dapprima preparate la guacamole seguendo la mia ricetta originale e che potete fare anche il giorno prima. Tostate 4 fette di pane sulla griglia. A parte lavate lo spinacino e tenetelo da parte. Tagliate a fette sottili il pomodoro, scolatelo dell’acqua di vegetazione ed appoggiate anch’esso sulla piastra per dargli un sentore di arrostito. Fatto questo, preparate il vostro toast multistrato tagliando in due parti il pane (escludendo la crosta). Spalmate il primo strato di salsa, poggiatevi sopra una fetta di pomodoro, due o tre pistacchi leggermente pestati e due figlie di spinacino. Coprite con il pane e ricominciate. Creerete così un paio di strati che fermerete con un bastoncino di legno. Per due persone preparatene 4.

 

Riso Thai/Mex

 

risothaiQuesto riso è frutto di uno dei miei soliti esperimenti domenicali, ma che tutto sommato si è rivelato davvero buono. Come anticipa il nome della ricetta si tratta di un mix orientale e messicano. Il riso rosso mi è stato regalato ed arriva da molto lontano: Bali. Profumato e delicato con un sentore di affumicato. È praticamente un piatto unico… ma potete accompagnarlo ad un’insalatina. Vi lascio ingredienti e ricetta. Giocatevela nelle prime cene di inizio estate, sul terrazzo, in veranda…

Ingredienti per 2 persone: 200 g di riso rosso, 1 avocado maturo, 1 cipollina di Tropea, 2 pomodori ciliegini, 2 carciofi, 2 lime bio, 6 code di mazzancolla fresca (non surgelate), granella di pistacchio, sale, pepe bianco, olio evo.

Attrezzatura: coppa pasta rotondo o quadrato (circa 10cm di diametro o di lato)

Procedimento: come prima mossa lessate il riso in acqua leggermente salata. Il mio riso era integrale e  ha richiesto ben 40 minuti ed era ancora un pò al dente. Nel frattempo pulite l’avocado: praticate un’incisione sulla lunghezza, girando attorno al frutto e dividetelo a metà. Staccate la noce interna e, con l’aiuto di un cucchiaio prelevate la polpa e mettetela in una ciotola. Spremete il succo di un lime e unitelo subito all’avocado per non farlo ossidare.

Aggiungete la cipolla rossa tritata finemente, i pomodori tagliati nella stessa misura, salate e pepate. Mescolate bene e lasciate da parte. Avete fatto una specie di guacamole semplificata. Controllate la cottura del riso. Ora prendete le mazzancolle, privatele del carapace e togliete il filetto nero (l’intestino). Potete lasciare anche solo la coda. Lavatele bene. Passate ai carciofi: privateli delle spine e della “barbetta bianca”. Tagliateli sottili come per fare un carpaccio. Lavateli. Prendete un tegame antiaderente, versate 2 cucchiai di olio e mettete all’interno carciofi e pesce insieme. Spremete il secondo lime e aggiungetelo, unitamente a sale e pepe. Cuocete per una decina di minuti a fuoco basso.

Assemblate il piatto ispirandovi alla foto: prendete il vostro bel coppa pasta, poggiatelo al centro del piatto, inserite qualche  cucchiaio di riso e pressate leggermente. Ora prendete la crema di avocado e fate il secondo strato. Passate ai carciofi e poggiateli sulla crema di avocado. Chiudete la torre con 3 mazzancolle a testa, la granella di pistacchi e un giro d’olio evo. Farete un figurone con un impegno non troppo pesante e circa 45 minuti di tempo.

Note: per non fare annerire i carciofi mentre li pulite, lasciateli a mollo in una bacinella con  acqua e limone.

TORTILLAS DI MAIS VEGETARIANE

tortillasMa vogliamo parlare della tavola di Frida?  Non tutti sanno che Guadalupe Rivera, figlia di Diego, condivise con Frida la quotidianità della cucina: nel suo libro Frida’s Fiestas, Recipes and Reminiscences of life with Frida Kahlo, scritto con la giornalista Marie Pierre Colle, ci racconta curiosità inedite della vita dell’artista anche ai fornelli. Oltre alle opere riconosciute come capolavori, in occasione della mostra milanese ho potuto apprezzare il simbolismo contenuto in alcune nature morte: da qui l’ispirazione che mi ha portato a lasciarvi un ricetta tipica messicana con tanto di “stoviglie” a tema!

Ingredienti per 4 persone – Per le tortillas: 150 g di farina tipo Manitoba, 120 g di farina di mais tipo “fioretto”, 150 ml circa di acqua, 1/2 cucchiaio di sale fino, 1 cucchiaio di olio evo. Per il ripieno: 1 zucchina media, 3 peperoni dolci, 4 pomodori datterini gialli e rossi, 1/2 porro, 4 peperoni dolci, 1 scalogno, 1 cucchiaio di cumino, 1 cucchiaio di paprika forte.

Procedimento: in un recipiente a sponde alte mescolate le due farine, e il sale; versate poco a poco l’acqua e l’olio. Impastate fino ad ottenere un’impasto liscio ed omogeneo. Se poi dovesse risultare un pò appiccicoso aggiungete una presa di farina. Lasciate riposare per 30′, nel frattempo dedicatevi al ripieno. In un tegame antiaderente mettete un filo d’olio, e tutte le verdure ridotte a cubettini. Avviate la cottura a fiamma bassa. Aggiungete 1/2 bicchiere d’acqua e le due spezie. Aggiustate di sale e cuocete pe 15′. A parte scaldate un tegame antiaderente del diametro di circa 20 cm. Dividete l’impasto in circa 8 parti; fate delle sfere, infarinate una base in legno e con un mattarello stendete le palline come a formare dei dischi sottili. Sistemate il primo disco dentro il tegame ma senza alcun condimento. Cuocete per un paio di minuti per parte. Disporre su un piatto di portata e tenete coperte le tortillas con un asciugamano da cucina. Fate così per tutte le palline. Servite le tortillas su un piatto da portata, aperte o da gustare piegate in due tipo portafoglio. Accompagnatele  una salsa piccante a base di pomodoro e peperoni oppure ad una guacamole!

Ciotola, vassoio, tovaglietta #MaisonduMonde

Guacamole

guacamoleIngredienti: 2 avocado a mezza maturazione, il succo di un lime e un cucchiaino della sua scorza, 1 cipolla rossa di Tropea, 200 g di pomodori nettarini, olio evo, sale, pepe, tabasco.
Procedimento: iniziamo con l’aprire l’avocado praticando un taglio longitudinale. Estraete la noce e con un cucchiaio estraete la polpa che metterete in un bicchiere per mixer. Unire i pomodori lavati e tagliati a metà; la cipolla di tropea tagliata grossolanamente, 2/3 cucchiai di olio, uno di tabasco, il lime, sale e pepe. Frullate il tutto per pochi secondi. Assaggiate e regolate di sale.

Potete servire questa meraviglia accompagnata da nachos, anche come condimento di pasta fresca; o con gallette di pane guttiatu e un freschissimo mojito!