Tortino di polenta ai carciofi e funghi porcini

polenta

La polenta è un piatto di montagna ricco e nutriente, adatto anche per chi sceglie un regime alimentare vegetariano, e che può essere servito come piatto unico. A mio avviso la polenta è parte integrante, fondamentale della cultura gastronomica dell’Italia Settentrionale, e proprio per questo viene usata come ingrediente per realizzare diverse specialità: la vediamo spesso protagonista abbinata a sughi ricchi di salumi o piccola cacciagione; come nido fumante di formaggi e burro; “pasticciata con ragù di pomodoro o di carne. Per questa ricetta potete utilizzare qualsiasi tipo di funghi, preferite sempre porcini  italiani (mi raccomando) se in stagione… altrimenti sostituiteli con funghi secchi da far rinvenire in abbondante acqua.  I carciofi se possibile, preferiteli freschi. La polenta può essere più o meno morbida, ma nel nostro caso dovendo scegliere di servire la polenta con i funghi in cocotte mono-porzione, vi consiglio di avere una polenta più soda. In mancanza di tempo ma attanagliati dalla fame, potete scegliere una polenta istantanea che richiede un tempo di cottura molto più breve.

Cosa vi servere: 4 cocotte mono-porzione con coperchio, 1 paiolo in rame (se lo avete), un cucchiaio di legno.

Ingredienti per 4 persone: 125 g di farina di mais di buona qualità, 500 ml di acqua, 2 manciate di funghi porcini secchi, 4 cuori di carciofo, un rametto di rosmarino, 100 g di grana a scaglie, 1 spicchio d’aglio, sale, pepe, olio evo.

Procedimento: in una casseruola a sponde alte bella capiente, portate ad ebollizione l’acqua, dopo di che salatela e versate la farina di mais a pioggia, mescolando. Cuocete la polenta a fuoco basso per circa 40 minuti mescolando spesso e con vigore. Nel frattempo ammollate i funghi in abbondante acqua calda fino a che non si saranno ammorbiditi. a questo punto scolateli. Lavate bene i carciofi, tagliateli in 8 spicchietti e togliete la “barba interna”. Passateli in tegame con un filo d’olio, aglio vestito ma leggermente schiacciato con il palmo della mano, un rametto di rosmarino, sale e pepe a gusto. Unite i funghi secchi e spadellate tutto insieme. Una volta pronta disponete la polenta sul fondo di ogni cocotte procedendo così: 1 – strato di polenta; 2 – strato di funghi e carciofi con scaglie di grana; 3 -copertura con polenta; 4 – finitura del piatto con funghi e carciofi.

Tenete in caldo in forno se necessario.

Polenta con bitto e radicchio

polenta

Ecco un mio tipico pranzo della domenica, quando fuori è freddo, quando hai bisogno di cibo per la mente… non vi dico altro se non di provarla perchè ci vuole davvero poco.

Ingredienti per due persone: 400 g circa di polenta di Valsugana (istantanea), 1 cespo di radicchio tardivo di Treviso, 150 g di bitto, 1 spicchio d’aglio, burro, pepe nero.

Procedimento: visto che la polenta istantanea porta via al massimo 10 minuti iniziamo con il lavare bene il radicchio. Mettetelo in un tegame antiaderente senza asciugarlo con una noce grande di burro, lo spicchio d’aglio e una macinata di pepe nero. Lasciate appassire per al massimo 2 muniti e poi spegnete. Tagliate a scaglie il formaggio e riponetelo in una ciotola. Procuratevi due cocotte di media misura e  imburrate la base. preparate la polenta seguendo le facili indicazioni: 1 bicchiere di polenta + 2 bicchieri di acqua, un pizzico di sale. Tenetela morbida. Versate un cucchiaio di polenta calda sul fondo del recipiente, poi adagiate 2 foglie di radicchio, scaglie di formaggio e di nuovo così fino alla fine degli ingredienti.

Infornate a 170° per 10′ e servite caldissima con un buon bicchiere di vino rosso. Buon appetito!

SE volete servirlo in formato mignon tipo finger food usate le cocotte piccole come nella foto!

Polenta con cavolo nero e fagioli

polentatoscanaLe temperature sono davvero rigide quindi… combattiamole con questa ricetta di origine toscana, e che mi è stata regalata al volo da una cara amica. Vi consiglio di provarla: scalda il cuore e riempie la pancia.

 

 cavolo nero, 300 g di farina di mais tipo fioretto, 200 g di fagioli bianchi (o borlotti ancora meglio) già lessati, 1 scalogno, 1 spicchio di aglio, pepe nero, olio evo, un litro di brodo vegetale (o anche l’acqua del cavolo nero).

 

Procedimento: pulite e lavate il cavolo, poi dividetelo in 2 o 3 parti e lessatelo in acqua calda e salata per circa 20 minuti. Dopo averlo lessato, scolatelo, strizzatelo e tagliatelo. Togliete le parti più dure della costa se necessario. Tagliate a velo lo scalogno e mettetelo a soffriggere in un tegame con 3 cucchiai di olio e l’aglio. Dopo aver insaporito il soffritto, elimina l’aglio, unisci il cavolo nero e i fagioli lessati. Lascia cuocere a fuoco vivace per 3 o 4 minuti. Regolate di sale. A questo punto aggiungete 4 mestoli di brodo e la farina di mais. Se fosse una farina pre-cotta cuocerà in circa 15′. In caso diverso ci vorranno almeno 45′. La cosa importante è che il risultato deve essere di consistenza fluida, all’onda. Quindi man mano che cuocete, se si asciuga troppo, aggiungete un mestolo. Assaggiate spesso; regolate di sale. Servite ben calda con un giro d’olio e una macinata di pepe.

Polenta integrale al tartufo con porcini e gorgonzola

Ecco uno dei miei piatti, cosidetti “unici” che amo da sempre… un cibo antico arricchito da un’olio al tartufo nero intenso e persistente, funghi porcini e un cremoso Gorgonzola dolce DOP.
Che dire? Ecco la ricetta!

polentaintegrale1

Ingredienti per 4 persone: 200 g di farina di mais integrale, olio al tartufo, 200 g di porcini (anche surgelati andranno bene), 300 g di Gorgonzola DOP, sale.
Procedimento: in una casseruola cuocete la polenta in un litro di acqua salata non appena raggiunge il bollore. Mescolate continuamente. A metà cottura unite i funghi. Nel frattempo A cottura completata (se non è istantanea ci vorrà almeno un’ora), sistematela in una pirofila.Fate un primo strato basso di polenta, disponete pezzetti di gorgonzola e un filo di olio al tartufo; ricoprite di polenta e ricominciate fino alla fine degli ingredienti.

polenta2