Crostata vegan con crema al limone

crostatveganIn questi giorni avevo provato almeno tre frolle diverse ma questa, finally, è risultata la migliore come sapore e consistenza. È una crostata vegan ma può essere comoda averla in archivio per tutte quelle volte che in dispensa mancano uova e burro oppure avete un ospite con intolleranze o scelte alimentari differenti dalle vostre. Nel mio caso ho fatto un riempimento con crema al limone e zenzero (sempre vegan) e mele Golden. Provatela anche voi.

Teglia da 22cm di diametro.

Per la frolla: 250 g di farina 00 (io ho usato una farina gluten-free), 80 g di zucchero di canna fine, 60 g di acqua fredda, 60 g di olio di girasole bio, 1 cucchiaino di lievito per dolci, la scorza di limone non trattato.

Per la crema:  350 g di latte di soia, 20 g di amido di mais, 60 g di zucchero di canna, 20 g di olio di semi di girasole, scorza di ½ limone non trattato, 1 pezzetto di zenzero fresco (3 cucchiai di succo), 1 mela Golden.

Procedimento: come prima cosa sciogliete lo zucchero di canna nell’acqua fredda. Aggiungete l’olio e la farina, la scorza del limone, quindi mescolate bene, fino a creare un impasto bello liscio che farete riposare per circa un’ora in frigorifero.

Per la crema fate così: grattugiate lo zenzero fresco, raccogliete la polpa e strizzatela con una mano in modo da ricavarne il succo; raccoglieretela in una ciotola.  In un pentolino andate a stemperare l’amido di maiscon un goccio di latte di soia; una volta sciolto completamente unite il resto del latte, lo zucchero, l’olio, i 3 cucchiai di succo di zenzero e la scorza di limone grattugiata. Portate a bollore; continuate a mescolare in modo che il fondo non attacchi. Ci vorranno 5 minuti. Una volta arrivata a bollore spegnete la fiamma.

Riprendete la frolla. Procurate due fogli di carta forno: sistematevi all’interno l’impasto e stendete la frolla con un mattarello o anche, con una bottiglia di vetro. Tenete un diametro appena superiore alla vostra teglia rovesciata. Lo spessore deve essere di circa 5/7 mm. Togliete il foglio superiore e posizionate l’impasto all’interno della teglia. Rifilate i bordi di carta eccedente con una forbice. Con la pasta avanzata sistemate eventuali irregolarità del bordo. Bucate il fondo con i rebbi di una forchetta. Versate all’interno la crema e livellatela. Lavate la mela e tagliatela a fette sottili circa 4 mm (prelevate l torsolo, ovviamente). Sistemate a raggiera ben spaziata. Infornate a 170° statico per 30′ circa. Non fate seccare troppo la frolla. Lasciate stare 5 minuti a forno spento a fine cottura. Potete servirla tiepida (che consiglio) o anche fredda.

NB: La crema è perfetta da usare anche per altri dolci come faccio io: per esempio torte allo yogurt di soia, torte paradiso vegan da farcire, o come dessert servita in coppa con biscotti vegan se preferite.

 

Pomodori confit al forno

pomodoriconfit

I pomodori confit sono semplicemente dei pomodori caramellati, cotti a lungo in forno conditi con erbe aromatiche e zucchero.
Il termine confit deriva dal francese e vuol dire “preservato-conservato”.
Effettivamente questo tipo di cottura dolce permette di mantenere inalterati tutti i sapori e i profumi.
Si tratta di una ricetta davvero molto semplice ma soprattutto versatile. Una volta cotti si mantengono in frigorifero, ben chiusi, per alcuni giorni; in alternativa potrete metterli sottolio in un contenitore ermetico e sterilizzato. Usateli per i vostri crostoni, bruschette, per i primi di pasta o di riso (freddi o caldi), crepe, cannelloni, per arricchire involtini e frittate. Insomma… mai più senza!

Procedimento: tagliate 250 gr di pomodori ciliegini a metà e disponeteli su una teglia rivestita con carta forno con il taglio rivolto verso l’alto (vedete la foto). Non sarà assolutamente necessario eliminare i semini. Condite con un filo di olio EVO buono, un cucchiaio di zucchero di canna, l’erba aromatica che preferite tra maggiorana, origano o timo, 2 spicchi di aglio, sale e pepe nero.
Cuocete in forno a 140° per circa due ore se i pomodori sono grandicelli, per un’ora e mezza se sono piccoli.

Far-frittata alle zucchine

farfrittata

Oggi un classico della cucina #vegan ma anche per chi non può assumere glutine o lattosio… o entrambi come me! Un secondo piatto “fusion” tra la celebre farinata ligure e una frittata. Ecco gli ingredienti e il procedimento da provare subito.

Ingredienti per 4 persone: 150 g di farina di ceci, 350 g di acqua, 20 g di olio extravergine di oliva, 2 zucchine grandi o 3 medie, 1/2 spicchio d’aglio, 1 porro, 1 cucchiaio di origano, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, ½ cucchiaino di sale, 5 pomodori secchi sott’olio, pepe nero.

Procedimento: lavate bene le zucchine, eliminate le estremità e poi tagliatele a rondelle sottili. Sbucciate il mezzo spicchio d’aglio e fatelo soffriggere in un tegame antiaderente con un goccio di olio, poi aggiungete le zucchine, 1/2 porro a rondelle (la parte verdina) e fatele saltare per 10′ aggiungendo un pizzico di sale, pepe e origano.

In una ciotola ampia, riunite la farina di ceci con l’acqua, mescolando con una frusta per non creare eventuali grumi. Aggiungete il sale, l’olio evo e, se avete tempo, fate riposare il tutto in frigorifero per almeno un’ora. Fatto questo, unite le zucchine, i pomodori, mescolate bene, versate il tutto in una teglia antiaderente di 18 x 30 cm e cuocete in forno statico a 180°C per circa 25′. In alternativa cuocete in tegame creando delle piccole frittate mono-porzione. Servite calda o tiepida.

 

INSALATA DI CASTAGNE E CAVOLETTI

insalatadimarronie cavolettiStasera vi lascio questa prima ricetta di tante a carattere natalizio: un contorno speciale che ricorda l’autunno e in più …una proposta gluten-free, lactose-free e anche vegan.

Ingredienti per 4 persone: 250 g di castagne o marroni, 80 g di nocciole sbucciate, 350 g di cavolini di Bruxelles, 50 g di margarina, sale, pepe,  paprika.

Procedimento: incidere la buccia delle castagne, trasferire in una teglia o sulla placca del forno precedentemente foderata. Arrostire a 180°C per 20 minuti, muovendole ogni tanto.

Non appena cotte, togliere dal forno e sbucciare. Lavare bene i cavoli di Bruxelles, eliminando la base e le foglie secche. Lessare in acqua già a bollore, salata, per 5/6’.

Scolare e dividere alcuni cavoletti a metà. 

In un tegame antiaderente tostate le nocciole appena pestate grossolanamente. Nello stesso tegame sciogliere la margarina e aggiungere alle nocciole le castagne, i cavoletti, la paprika (se vi piace), sale e pepe a piacere.

Questa ricetta, e non solo, la trovate anche a questo link:

https://issuu.com/enjoyfoodmagazine/…/enjoyfoodmagazine-n.14

Parmigiana Vegan

parmvegan

Oggi rendo felici molti amici vegani e molti amici intolleranti al lattosio… e mettiamoci anche i celiaci… la parmigiana sta bene su tutto! Ed oggi ve la propongo anche così! Comunque saporita, sempre gradita!

mozzarisellaIngredienti per 2 persone: 2 melanzane viola lunghe, 300 ml di passata di pomodoro (io uso sempre #Mutti), basilico fresco, vegparmigiano (una busta), 1 confezione di mozzarisella, sale, pepe, aglio, olio evo.

Procedimento: scaldiamo una piastra antiaderente in ghisa o acciaio. Lavate bene e tagliate a fette sottili le melanzane per il verso della lunghezza: uno spessore di 1/2 cm basterà. Grigliatele da entrambe le parti. Nel frattempo in una piccola casseruola scaldate la passata di pomodoro con poco olio evo e uno spicchio d’aglio. Regolate di sale e pepe. Unite foglie di basilico fresco.

Orecchiette con carciofi in salsa allo zafferano

20190113_125331Sono giorni freddi, grigi, ma il sole ve lo porto io oggi con questo piatto dai colori e dal gusto davvero vivace. Un’orecchietta gustosa che si fa abbracciare e conquistare dalla salsa allo zafferano! Non sembrerebbe ma… questo è a tutti gli effetti un primo piatto vegetariano, ma anche vegan.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di orecchiette (le mie sono gluten free di Farabella), 1/2 bicchiere di panna vegetale, 1 bustina di zafferano, 200 g di carciofi già puliti, 2 cucchiai di prezzemolo già lavato e tritato, 1 spicchio d’aglio, sale, pepe nero, olio evo.

Procedimento: mettete a scaldare acqua salata per la pasta. Nel frattempo in un ampio tegame antiaderente scaldate poco olio, lo spicchio d’aglio ed i carciofi ridotti a spicchi sottili. Cuocete fin tanto che si saranno ammorbiditi: ci vorranno 15/20’… il tempo di cuocere le orecchiette. In un pentolino diluite lo zafferano nella panna e tenetelo in caldo. Scolate le orecchiette, spostatele nel tegame dei carciofi al quale avrete aggiunto anche la salsa ed il prezzemolo. Mantecate bene a fuoco basso. Servite con una spolverata di pepe nero a piacere.