Orecchiette con cima di rapa e bottarga

orecchiettebottarga

Un tris vincente, tre soli ingredienti per un primo piatto che profuma di mare, di bella stagione, di sole. Un formato di pasta “accogliente” e carnoso come solo l’orecchietta pugliese sa essere. Una cima di rapa freschissima e tenera… non vi dico altro ma vi lascio la ricetta.

Ingredienti per due persone: 200 g di orecchiette, 200 g di cime di rapa (solo le cimette e non i gambi), 1 cucchiaio abbondante di bottarga di muggine in polvere, 1 spicchio d’aglio, sale grosso per la pasta, sale fino, olio evo.

Procedimento: pulite bene le cime di rapa sotto l’acqua selezionando solo le cimette e le foglie più tenere. Mettete a bollire una casseruola dove scotterete la verdura per 5/6 minuti. Nel frattempo scaldate l’acqua per la pasta con una presa di sale. L’acqua delle cime di rapa può essere tranquillamente usata per lessare la pasta: verrà ancor più saporita. Scolatele e trasferitele in un tegame con un pò d’olio, aglio e 1/2 cucchiaio di bottarga. Insaporite per 5/6 minuti. Non fatele asciugare troppo. Scolate le orecchiette al dente e trasferitele nel tegame. Amalgamate bene, unite 2 cucchiai di acqua di cottura delle cime e completate con la bottarga rimasta.

Linguine alle verdure e ricotta

linguineraguvegericotta

Buon giorno e bentrovati cari followers! Torniamo a “spadellare” in allegria con un primo che ci trasporta in Puglia… Profumato, gustoso, accattivante e completo per un pranzo in leggerezza. Gli ingredienti? Pochi ma buonissimi!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di linguine “glutenfree”, 300 g di pomodori di Pachino, una melanzana tonda e piccola, 200 g di olive di Gaeta, 1 zucchina media, 400 g di ricotta freschissima (la mia arrivava direttamente dal Salento), aglio, olio evo, pepe nero, sale q.b.

Procedimento: mentre scaldate l’acqua per la pasta lavate ed asciugate bene le verdure; riducetele a cubetti della stessa misura e riuniteli in un tegame antiaderente con poco olio, uno spicchio d’aglio e le olive scolate. Avviate la cottura a fuoco medio per 5 minuti e poi abbassatela e proseguite cosi per 15′. Salate a piacere. Lessate le linguine al dente. Sul fondo di ogni piatto disponete uguale quantità di ricotta. Spadellate la pasta nel tegame del ragù vegetale unendo poca acqua di cottura e una spolverata di pepe nero. Impiattate come nell’immagine al centro del piatto e gustate questa meraviglia.

Orecchiette di grano arso con fagioli, patate e cacioricotta

orecchiette1

Oggi vi propongo un primo piatto che onora la cucina pugliese, che amo tantissimo. Per questo piatto ho scelto delle orecchiette di grano arso. Vi chiederete cos’hanno di diverso da quelle di semola? Beh, ecco un pò di storia. Tempo fa, quando il grano veniva raccolto a mano, le stoppie venivano bruciate e i chicchi caduti a terra si bruciacchiavano. Dopo la macinatura, con la farina ricavata si confezionavano focacce e vari tipi di pasta. Era il “grano arso”.Il “grano arso” moderno è semplicemente tostato al punto giusto per ottenere quel tipico sentore di affumicato.L’area d’origine di questa pasta è probabilmente il Foggiano (considerato da sempre il “granaio d’Italia”). I formati sono i tipici pugliesi, per lo più “strascinati”, “orecchiette e “fusilli”.

orecchiette2

Ingredienti per 4 persone: 300 g di orecchiette, 300 g di fagiolini lessati, 100 g di patate lessate, 1 spicchio d’aglio, origano, cacioricotta pugliese a mezza stagionatura, sale, pepe, olio evo.

Procedimento: mettere a bollire abbondante acqua calda e salata. In un tegame mettete a scaldare un pò di olio e uno spicchio di aglio. Non appena si dorerà unite i fagiolini per farli insaporire un’po. Aggiungete anche l’origano, il sale e il pepe. Dopo cinque minuti unite le patate ridotte a cubetti. Lasciate passare altri 2 minuti, unite 1/2 tazzina di acqua di cottura poi spegnete. Lessate le orecchiette per il tempo necessario, circa 10′, scolatele e spadellatele a fuoco basso nel tegame della verdura. Servitele caldissime con una super spolverata di origano e cacioricotta grattugiato.