Linguine alla sorrentina

linguinesorrentina

Questo è il tipico primo piatto che quando non sai cosa cucinare… non sbagli mai. Che sia pranzo, cena, ospiti inaspettati, bambini a pranzo… rimane sempre e comunque un classico, della cucina napoletana, senza tempo. Oggi lo rendiamo “moderno” con una cottura differente. A voi la prova d’assaggio. E… il sapore fragrante del pomodoro Mutti e di un pachino fresco verranno esaltati dalla speciale mantecatura.

Ingredienti per 4 persone: 400 g di linguine, 500 ml di passata di pomodoro verace Mutti, una manciata di pomodori di Pachino freschi, qualche foglia di basilico, un cucchiaio di origano secco, sale, pepe, mozzarella di bufala in bocconcini, 1 spicchio d’aglio, olio evo.

Procedimento: in un tegame a sponde alte e molto largo di diametro mettete uno spicchio d’aglio, 4 cucchiai di olio evo, la passata di pomodoro e poi accendete il fuoco. Non appena il sughetto inizia a sobbollire, regolate di sale e di pepe; unite le linguine e mezzo bicchiere di acqua calda. La fiamma deve essere dolce anche se non al minimo. A metà cottura della linguina, dopo circa 4 minuti, unite i pomodori tagliati in 4 parti e il basilico spezzato con le mani. Aggiungete anche l’origano. Il sughetto a un certo punto comincerà a tirare. Io preferisco che il sugo rimanga un pochino fluido, scivoloso. Terminate la cottura. Servite subito con mozzarella di bufala spezzata con le mani e adagiata sulla pasta.

Fusilli risottati con cime, olive nere e acciughe

fusillioliveecimeLegù è fatta solo con farina di legumi in proporzione variabile tra ceci, fagioli bianchi e piselli gialli decorticati. Abitualmente uso, nella mia alimentazione, pasta di legumi. Ma devo dire che anche questa marca mi ha ampiamente soddisfatto in gusto, consistenza e resa in cottura. Ho voluto provarla con un condimento molto “sud-mood” ed il risultato è stato davvero soddisfacente. E in più è gluten-free…

Ingredienti per 2 persone: 200 g di pasta corta a base di farina di legumi, 200 g di cime di rapa, 100 g di olive nere di Gaeta, 4 filetti di acciughe del Mar Cantabrico, 1 spicchio di aglio, olio evo, sale, pepe.

Procedimento: in una casseruola antiaderente o in una wok (preferibile) mettete 4 cucchiai di olio evo e soffriggeteci uno spicchio di aglio e 2 filetti di acciuga. Procedete così, a fiamma bassa per 2 minuti poi unite le cime di rapa mondate, lavate e poco scolate. Regolate di sale e lasciatele insaporire per 5 minuti. A questo punto unite le olive leggermente passate sotto l’acqua corrente e la pasta che cuocerà in 3 minuti. Aggiungete 1/2 bicchiere di acqua tiepida e lasciate tirare il liquido, mescolando di frequente. Unite gli altri 2 filetti di acciuga. Terminate la cottura e servite subito!