Spaghetti aglio, olio, peperoncino e friggitelli

aglio olio friggi

Ci sono diverse ricette che sono straordinarie all’origine ma che mi diverto a modificare, ad aggiungere un ingrediente. La classica aglio, olio, peperoncino è una delle cose più buone in assoluto ma… provate ad immaginare come sarebbe con dei peperoni friggitelli e pane grattato? Un capolavoro… a mio dire… ma voi? Non avete voglia di provarla? Ecco ingredienti e procedimento.

Ingredienti per 2 persone: 350 g di spaghetti glutenfree al grano saraceno (o come preferite), 6 peperoni friggitelli, 1 peperoncino verde piccante, una tazzina di pane grattato, 2 spicchi di aglio, olio evo q.b, sale grosso.

Procedimento: mettete a bollire l’acqua per la pasta, leggermente salata. Nel frattempo lavate i peperoni, tagliateli a striscioline e privateli dei semi interni. Predisponete un tegame antiaderente, versate dell’olio, l’aglio, i peperoni, peperoncino piccante (una punta) e cuoceteli a fuoco medio per circa 12/15 minuti, regolando di sale fino. Lessate gli spaghetti al dente. Non appena i peperoni sono pronti… tenete in caldo e uniteli agli spaghetti con il pane grattato e un mestolino di acqua di cottura. Unite un filo d’olio e potete andare a tavola!

Farinata genovese agli aromi

 

farinatagenoveseUna leggenda racconta che sia nata nel 1284, quando Genova sconfisse Pisa nella battaglia della Meloria. I vascelli genovesi, chiamati galee e cariche di vogatori prigionieri, si trovarono coinvolte in una tempesta. Nella concitazione alcuni barili d’olio e sacchi di ceci si rovesciarono, inzuppandosi di acqua salata. Poiché le provviste erano scarse e non c’era possibilità di scelta, venne recuperato il possibile e ai marinai vennero date scodelle di una purea informe di ceci e olio. Alcuni marinai la rifiutarono… lasciandola al sole; l’impasto si asciugò trasformandosi in una specie di frittella bassa. Il giorno dopo, divorati dai morsi della fame, i marinai mangiarono il preparato scoprendone con sorpresa la prelibatezza. Rientrati a terra i genovesi pensarono di migliorare la scoperta improvvisata, cuocendo la purea in forno. Il risultato piacque e, per scherno agli sconfitti, venne chiamato “l’oro di Pisa”. ©WIKIPEDIA

Ma torniamo ai giorni nostri: questa è la mia versione: cotta in forno, con tanti aromi, profumatissima. Da mangiare in purezza, accompagnata a salumi, formaggi… A mio avviso rientra tra i migliori street food nazionali… che ovviamente vi consiglio di provare subito.

Ingredienti per 4 persone: 150 g di farina di ceci, olio evo, sale, pepe Q.B., un trito di aromi misti tipo rosmarino, origano, rimo.

Procedimento: versate in una ciotola a sponde alte 150 g di farina di ceci e aggiungi, poco alla volta, 450 ml di acqua fredda mescolando con una  frusta per evitare il formarsi dei grumi. Aggiungete 1 cucchiaio di olio extravergine, unite il trito di aromi, regolate di sale, mescolate e fate riposare  per  almeno 2 ore coperto da pellicola. Trascorso il tempo necessario, versate l’impasto in una teglia di 28 cm di diametro unta d’olio e cuocete in forno già caldo a 200°C per circa 15′. Sfornate e servite bella calda spolverizzata di pepe macinato al momento.

Aglio, olio, peperoncino, capperi e zucchine

aglio-olio capperi

Vi sarà certamente capitato… un desiderio improvviso di spaghetti aglio, olio, peperoncino… alle ore più strane del giorno e della notte? Sono sicura di essere in buona compagnia. Ed è per questo che stasera, sabato, vi farò un pò felici… questa è la mia versione di oggi.

Ingredienti per due persone: 200 g di spaghetti di ottima qualità, 1 zucchina piccola, 1 cucchiaio di capperi piccoli di Salina, 2 cucchiai di prezzemolo, 2 spicchi di aglio, peperoncino piccante secco, olio evo, sale grosso.

Procedimento: nonostante siamo sulle basi della cucina, lascio le indicazioni per i “dilettanti allo sbaraglio”. Mettete a bollire abbondante acqua salata (poco). Nel frattempo, preparate un tegame antiaderente piccolo per le zucchine e uno grande per il condimento. Per le zucchine: lavatele, tagliate capo e coda e riducetele a rondelle. Friggetele velocemente in poco olio evo. Per il condimento: versate una rispettosa quantità di olio (circa una tazza da caffè piena), unite l’aglio sbucciato ma intero, i capperi dissalati sotto l’acqua corrente, molto peperoncino secco (anche fresco se preferite). Accendete il fuoco che deve essere medio e non deve bruciare l’aglio ma profumarlo. Basteranno 3/4 minuti. Scolate la pasta e versatela nel tegame grande. unite anche le zucchine; spadellate uniformemente e servite subito con una spolverata di prezzemolo fresco.