Gnocchi di barbabietola ai frutti di mare

gnocchiaifruttidimare

Un piatto scenografico e molto estivo che vi propongo per il fine settimana che sta arrivando. Direi che l’unica fase impegnativa è lo gnocco… per il resto vale il risultato.

Ingredienti per 4 persone: 1 kg di patate a pasta bianca (non novelle), 250/300 g di farina bianca 00, 1 barbabietola piccola, 1 uovo intero, sale, 300 g di gamberi, 300 g di vongole con guscio, 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, 100 g di piselli già lessati, un cucchiaio di prezzemolo tritato, aglio, olio evo, pepe nero.

Strumenti: una base in legno per impastare o un grosso tagliere

Procedimento: pulite bene i gamberi (privateli dell’intestino, il filetto nero) e mettete a spurgare le vongole con acqua e sale grosso ( il tempo utile sarebbe di circa 2 ore, dove cambierete l’acqua spesso).

Lavate accuratamente e lessate le patate con la buccia ben lavate e strofinate. Nel frattempo frullate la barbabietola in un mixer: trasferitela in un colino posizionato su di una ciotola dove raccoglierete il liquido rosso. Premete con un cucchiaio per favorire la fuoriuscita del succo. Non appena saranno pronte le patate, schiacciatele con l’apposito strumento (la buccia rimarrà all’interno e voi non vi scotterete le mani). Unite una presa di sale, 250 g di  farina, poco succo di barbabietola (una tazza da caffè) e cominciate ad impastare. Non appena gli ingredienti si sanno amalgamati, aggiungete anche l’uovo. Valutate personalmente il colore dell’impasto. Più o meno forte… A vostro piacimento.

Tornate a impastare con le mani. Su un piano leggermente infarinato, dividete il composto in tanti filoni dello spessore di due cm ciascuno che taglierete con un coltello a distanza regolare di circa 3 cm. Potete lessarli così oppure potete passarli sui rebbi di una forchetta, oppure farli “scivolare” sui denti di una grattugia per dare una trama più irregolare ma tipica dello gnocco. Lasciare riposare così. Nel frattempo, in un largo tegame antiaderente preparate il sughetto di accompagnamento: olio evo (qualche cucchiaio), uno spicchio d’aglio, le vongole. Coprite con un coperchio fino a che non si saranno aperte. A questo punto, unite i piselli, i gamberi, il concentrato e il prezzemolo. Cuocete altri 5 minuti, regolando di sale e pepe.

Lessate gli gnocchi in acqua bollente e salata. Nel momento in cui vengono a galla, scolateli e trasferiteli direttamente nel tegame del pesce. Insaporite per un minuto e poi completate con spolverata di pepe.

Frittata in torretta con asparagi e fave

fritattaPic-nic, pranzo in ufficio, prima gita la mare o montagna… calda o fredda… la frittata è buona sempre sempre! Se poi è arricchita di primizie e colore ancora meglio! Se poi la gustate nel weekend con la persona del cuore… Top!

Ingredienti per due persone: 4 uova grandi bio, 100g di grana grattugiato, 50 g di porro, 150 g di asparagi e 150 g di fave freschi, 5 pomodori pizzuttelli, 2 cucchiai di prezzemolo tritato, sale, pepe, olio evo.

IMG_3105Procedimento: in acqua già a bollore lessate asparagi e fave per 10′. Scolateli e metteteli da parte, una volta tagliati a “cubetti”. In un recipiente battete le uova con il formaggio, il prezzemolo, il sale e il pepe. Unite i pomodori tagliati piccolini e il resto delle verdure verdi (100 g di entrambe), porri compresi tagliati a rondelle. In un tegame anti-aderente scaldate poco IMG_3106olio e cuocete un paio di frittate (dividete il composto). Con l’aiuto di un coppa pasta, ricavate dei dischi che “impilerete” alternando le verdure rimaste.

Fermate tutto con un bastoncino di legno e il gioco è fatto!

Risotto ai frutti di mare… in rosso!

risofrutti1Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso Carnaroli, 400 g di pesce misto tra gamberetti, seppioline, calamari, vongole, cozze, salmone, merluzzo, capesante, 1 litro di brodo vegetale, olio Evo, 1 scalogno, 1 spicchio di aglio, prezzemolo qb, 2 cucchiai di triplo concentrato di pomodoro Mutti, 1/2 bicchiere di vino bianco secco.
Procedimento: tagliate lo scalogno a sottili rondelle e fatene un soffritto con uno spicchio di aglio (che toglierete, con poco olio. Unite il riso, tostatelo qualche minuto; sfumate con il vino bianco. Lasciate evaporare bene poi cominciate la cottura aggiungendo brodo vegetale caldo. Ci vorranno circa 20′ totali. Unite il pesce lasciando per ultime le capesante e la salsa di pomodoro. Aggiungete un mestolo ogni qualvolta si riassorbe il brodo e mescolate sempre. La fiamma non dovrà mai essere troppo vivace. Nel frattempo tagliate a coltello il prezzemolo, precedentemente mondato e lavato. Finite di cuocere, unite le capesante gli ultimi 3 minuti e servite con una spolverata di prezzemolo se lo gradite.