Risotto ai carciofi, salsa ai funghi porcini e olio al tartufo

risocarciofiIngredienti per 4 persone: 320 g di riso Carnaroli, 2 carciofi con le spine grandi, 200 g funghi porcini (anche surgelati quando non è stagione), 2 cucchiaini di olio al tartufo, aglio, pepe nero, sale, 1/2 scalogno, 1 litro di brodo vegetale o acqua calda, olio evo, 1/2 limone.

Procedimento: pulite i carciofi privandoli delle spine e della tipica “barbetta” che trovate all’interno. Tagliateli a spicchi sottili e lasciateli in acqua e limone per non farli annerire. In una wok o in una casseruola capiente preparate il soffritto per il risotto fatto con lo scalogno, 1/4 di spicchio d’aglio e poco olio d’oliva. Avviate la fiamma; quando il soffritto si imbiondisce, versate il riso e tostatelo fino a che non sarà lucido. Unite i carciofi e metà dei funghi scongelati; aggiungete due mestoli di brodo e cominciate a cuocere il riso. Sistemate di sale. Continuate così fino alla cottura finale. In una piccola casseruola mettete un cucchiaio di olio, poco aglio e il resto dei funghi che cuocerete per 5 minuti. Regolate di sale. Frullateli con un mixer ad immersione e aggiungete l’olio al tartufo. A 2 minuti dalla cottura finale del riso unite questa salsa. Spegnete… una spolverizzata di pepe nero e il piatto è servito!

Casarecce con ragù in verde

casarecce inverde

Buongiorno! Eccomi di nuovo pronta per una nuova proposta: oggi si parla di energia verde a 360°. Mi sono cimentata in un esperimento per valutare se questi ortaggi potessero funzionare insieme. Fave, asparagi, carciofi… tutto rigorosamente fresco… un tocco di rosso dato dai pomodori ciliegini secchi, la croccantezza del pistacchio… beh… vi sorprenderà come questi tre sapori arrivano al palato ben distinti. Vi consiglio di provarli in questo periodo che siamo ancora in stagione.

Strumenti: un piccolo mixer elettrico.

Ingredienti per 2 persone: 200 g di casarecce ai ceci @felicia gluten-free, 100 g di fave fresche, 5 asparagi verdi, 2 carciofi, 50 g di granella di pistacchi, 4 falde di pomodori ciliegini secchi, aglio, olio evo, sale, pepe.

Procedimento: mettete a bollire l’acqua per la pasta con poco sale. A parte mettete a bollire altra acqua in una casseruola di piccole dimensioni che vi servirà per scottare le verdure che avrete già lavato. Gli asparagi vanno tagliati a rondelle (tenendo da parte le cime), i carciofi tagliati a spicchietti privandoli della “barbetta”. Scottate le tre verdure tutte insieme per 5 minuti poi scolatele. In un tegame antiaderente mettete un pò d’olio, lo spicchio d’aglio. Saltate tutte le verdure per circa 10′. Prelevatene 2/3 (escludendo l’aglio) e frullatele in un mixer con un pò d’olio, due cucchiai di acqua di cottura della pasta, i pomodori secchi tagliati a strisce, un cucchiaio di pistacchi,  sale e pepe. Trasferite il composto nel tegame antiaderente. Scolate la pasta al dente e unitela al ragù con poca acqua di cottura per rendere il tutto più fluido. Amalgamate bene tutti gli ingredienti e servite con granella di pistacchi.

Riso Thai/Mex

 

risothaiQuesto riso è frutto di uno dei miei soliti esperimenti domenicali, ma che tutto sommato si è rivelato davvero buono. Come anticipa il nome della ricetta si tratta di un mix orientale e messicano. Il riso rosso mi è stato regalato ed arriva da molto lontano: Bali. Profumato e delicato con un sentore di affumicato. È praticamente un piatto unico… ma potete accompagnarlo ad un’insalatina. Vi lascio ingredienti e ricetta. Giocatevela nelle prime cene di inizio estate, sul terrazzo, in veranda…

Ingredienti per 2 persone: 200 g di riso rosso, 1 avocado maturo, 1 cipollina di Tropea, 2 pomodori ciliegini, 2 carciofi, 2 lime bio, 6 code di mazzancolla fresca (non surgelate), granella di pistacchio, sale, pepe bianco, olio evo.

Attrezzatura: coppa pasta rotondo o quadrato (circa 10cm di diametro o di lato)

Procedimento: come prima mossa lessate il riso in acqua leggermente salata. Il mio riso era integrale e  ha richiesto ben 40 minuti ed era ancora un pò al dente. Nel frattempo pulite l’avocado: praticate un’incisione sulla lunghezza, girando attorno al frutto e dividetelo a metà. Staccate la noce interna e, con l’aiuto di un cucchiaio prelevate la polpa e mettetela in una ciotola. Spremete il succo di un lime e unitelo subito all’avocado per non farlo ossidare.

Aggiungete la cipolla rossa tritata finemente, i pomodori tagliati nella stessa misura, salate e pepate. Mescolate bene e lasciate da parte. Avete fatto una specie di guacamole semplificata. Controllate la cottura del riso. Ora prendete le mazzancolle, privatele del carapace e togliete il filetto nero (l’intestino). Potete lasciare anche solo la coda. Lavatele bene. Passate ai carciofi: privateli delle spine e della “barbetta bianca”. Tagliateli sottili come per fare un carpaccio. Lavateli. Prendete un tegame antiaderente, versate 2 cucchiai di olio e mettete all’interno carciofi e pesce insieme. Spremete il secondo lime e aggiungetelo, unitamente a sale e pepe. Cuocete per una decina di minuti a fuoco basso.

Assemblate il piatto ispirandovi alla foto: prendete il vostro bel coppa pasta, poggiatelo al centro del piatto, inserite qualche  cucchiaio di riso e pressate leggermente. Ora prendete la crema di avocado e fate il secondo strato. Passate ai carciofi e poggiateli sulla crema di avocado. Chiudete la torre con 3 mazzancolle a testa, la granella di pistacchi e un giro d’olio evo. Farete un figurone con un impegno non troppo pesante e circa 45 minuti di tempo.

Note: per non fare annerire i carciofi mentre li pulite, lasciateli a mollo in una bacinella con  acqua e limone.

Carciofi sott’olio

Ingredienti per 350 g di conserva: 1 kg di carciofi, 5 limoni, 6 dl di vino bianco secco, 4 dl di aceto bianco, olio EVO, origano.
Procedimento: spremete il succo di tutti i limoni e filtratelo. Mondate i carciofi, mantenendo il gambo mna accorciandolo. Tagliateli in 4 spicchi, privateli della barbetta interna e delle eventuali spine. Man mano che li pulite, immergeteli in una ciotola con acqua fredda e limone così non anneriranno. In una casseruola capiente mettete l’aceto e il vino, portate ad ebollizione, aggiungete i carciofi e dopo circa 8 minuti (devono essere al dente) scolateli, disponeteli su un setaccio, copriteli e lasciateli raffreddare. Riunite i carciofi in un vaso sterilizzato per conserve, unite l’origano (se vi piace), versatevi all’interno l’olio fino a completa copertura. Lasciateli riposare. Durante questo tempo l’olio verrà assorbito quindi dovrete rabboccare nuovamente. Quando il livello sarà stabile, chiudete ermeticamente e lasciate il vaso in luogo fresco e poco illuminato. Consumateli dopo una settimana circa e teneteli in frigo dopo averli aperti.