Cardoncelli all’aceto balsamico

funghi

È ormai riconosciuto vanto della tradizione agroalimentare delle Murge, il fungo Cardoncello è una vera squisitezza. Oggi è ancora una specialità unica che, non a caso, si è guadagnata le attenzioni dei più grandi chef del panorama mondiale. Ottimo trifolato, fritto, oppure gratinato, grazie alla sua consistenza che rimane soda e compatta anche con la cottura, il Cardoncello si rivela un ingrediente prezioso per la preparazione di risotti, minestre e primi piatti, senza dimenticare che risulta delizioso anche gustato alla piastra o crudo, servito in carpaccio. Oggi ve lo propongo così:

Ingredienti per 2 persone: 4/5 funghi cardoncelli grandi, 1 mazzetto di prezzemolo fresco, 1 cucchiaino di semi di sesamo, 1 di semi di lino, 1 di noci tritate, olio evo e aceto balsamico q.b., sale, pepe.

Procedimento per la pulitura: con l’aiuto di un coltellino affilato cominciate a eliminare la parte terrosa sul gambo (anche se non lo userete), raschiandolo con delicatezza fino ad eliminare qualsiasi traccia di terra. Se il fungo è abbastanza pulito, eliminate i pochi residui di terra con un pennello oppure con un panno di cotone. Con un movimento rotatorio delicato, separate le cappelle dei funghi dai gambi. Se il vostro fungo è ancora molto sporco, passatelo velocemente sotto un getto di acqua corrente fredda, anche se non si dovrebbe, e asciugatelo subito con un panno.

Procedimento per la marinatura: prendete le cappelle dei funghi, poneteli in un recipiente e irrorate con olio (qualche cucchiaio in modo che si ungano per bene), i semi vari, sale, pepe e un goccio d’aceto. Lasciate così per 15 minuti, girando ogni 5.

Procedimento per la cottura: prendete una piastra in ghisa, scaldatela bene e appoggiatevi dentro, sul lato lamelle, le cappelle dei funghi. non scolate troppo il sughetto della marinatura. Quel che rimane trasferitelo in un padellino, aggiungete 1 cucchiaio di olio e uno di aceto e fatelo ridurre leggemente per qualche minuto. Girate i funghi dopo 5 minuti e dopo altri 5 per la cottura finale. Servite caldi tagliati a mò di fettine, conditi con la salsina all’aceto e prezzemolo fresco, e altri semi se vi sono avanzati.

Mini burger alla ligure

miniburger

Oggi una ricetta super semplice da proporre anche ai bambini: leggera e gustosa, semplice e invitante. Se poi alcuni ingredienti sono già pronti… meglio!

Ingredienti per 8 mini burger: 400g di patate novelle rosse già lessate, 100 g di fagiolini già lessati, 1 uovo intero, 50 g di pane grattuggiato, 100 g di grana padano 12 mesi (se i burger li fate per soli adulti usate il pecorino e una punta d’aglio), un cucchiaino di pinoli tostati, 2 foglie di basilico, sale, pepe bianco, olio di semi per friggere.

Procedimento: in una ciotola riunite le patate (passate allo schiacciapatate), i fagiolini tagliati piccoli, uovo, formaggio, pane, basilico tritato a coltello, i pinoli tostati e tagliati a pezzetti, poco sale, pepe. Impastate bene con le mani; aggiustate di sale. Formate delle piccole polpette schiacciandole a formare un mini burger e mettete da parte. Nel mentre, versate l’olio in un tegame anti-aderente. Cuocete le polpette da entrambe le parti fino a dorarle. In alternativa e più light… potete cuocerle in forno a 180° per circa 15′.

 

Vellutata di cavolo nero e zucca fritta

IMG_4156

Ingredienti per 2 persone: 1 mazzo di cavolo nero (circa 300 g pulito), 50 g porro, 1 patata di medie dimensioni, 1 pizzico di sale, 100 g di zucca mantovana, una manciata di mandorle già tostate, 1/2 bicchiere di bevanda alla soia, pane grattugiato gluten-free, olio di semi di arachide, olio evo.

Procedimento: lavate accuratamente le foglie del cavolo, togliete la parte più dura dei gambi e tagliatele a strisce. Tagliate a rondelle il porro e a dadini le patate. Fate rosolare il porro con olio evo, aggiungete le patate e fate cuocere a fuoco medio per una decina di minuti; aggiungete il cavolo. Salate, mettete il coperchio e lasciate cuocere a fuoco basso per una ventina di minuti. Assaggiate e regolate di sale. Nel frattempo riducete a bastoncini la zucca, che dapprima passerete nella bevanda alla soia e poi nel pan grattato un pò salato. Scaldate l’olio in una casseruola alta e stretta. Friggete la zucca fino alla doratura. Passate tutto con il frullatore ad immersione rendendo le verdure belle cremose, inpiattate servendo con un filo di olio evo, qualche pezzettino di zucca fritta e qualche scaglia di mandorla.

Risotto, zucca, porcini e riduzione al vino rosso

risozuccariduzioneporcini

Ci avviciniamo, ma non troppo, all’autunno e arrivano i tipici prodotti di questa stagione. In questa occasione vi propongo un riso che di base avrete già visto ma in più ho aggiunto una punta di acidità data dal vino rosso a contrastare la dolcezza della zucca. Buon appetito.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso Carnaroli, 200 g di zucca Moscato di Provenza (anche una mantovana andrà bene), una manciata di funghi porcini secchi (i miei arrivano dalla Lunigiana), 50 g di porro, 1 tazzina da caffè di vino rosso tipo Valpollicella, sale, pepe, 1/2 spicchio d’aglio, olio evo, 1 litro di brodo vegetale caldo.

Procedimento: come prima cosa versate il vino in un pentolino, mettetelo sulla fiamma più bassa che avete e lasciatelo andare così fino a che si ridurrà. Mettete in ammollo i funghi in una tazza di acqua tiepida. Nel frattempo, preparate il soffritto per il risotto: in una casseruola mettete il porro a rondelle, una punta d’aglio (senz’anima), un giro d’olio d’oliva. Nel momento in cui il porro diventa lucido, unite la zucca ridotta a tocchetti. Insaporitela, salate leggermente. Unite anche i funghi, scolati e strizzati. Aggiungete infine il riso, che cuocerà in circa 20′. Unite 1 mestolo alla volta di brodo caldo e portate a termine la cottura. Spegnete la fiamma e mantecate con poco olio. Servite caldo con poche gocce di riduzione di vino rosso.

Gratin di cavolfiori

gratindicavolfiore

Eccomi tornata in cucina dopo le tanto sognate vacanze estive. Iniziamo alla grande con un piatto super gustoso! Fatto a 4 mani (mia figlia ed io) per un risultato doppiamente buono. La ricetta riguarda solo il gratin ma quella del ragù la trovate a questo link!

Ingredienti: 400g di cavolfiori bianchi già lessati (non scotti), 1 uovo, 100 g di fagiolini già lessati, 50 g di riso basmati lessato al dente, 2 cucchiai di pesto alla genovese, 50 g di casera e grana, 1 mozzarella light, farina gialla fioretto e pane grattugiato q.b., 1 spicchio di aglio (facoltativo), sale, pepe bianco q.b.

Procedimento: in una terrina capiente riunite i cavolfiori (scolati bene), l’uovo, i fagiolini tagliati in tre parti, il pesto, il riso, il formaggio ridotto a cubetti, sale, pepe a piacere e una puntina di aglio se lo desiderate. Mescolate bene, dapprima con una forchetta poi anche con le mani se necessario. Ungete una teglia con poco olio, distribuite il composto all’interno e pareggiate bene con un cucchiaio. Spolverizzate di pane grattugiato e farina gialla e infornate per 20′ a 180°C modalità ventilato. Se volete una crosticina, gli ultimi 5 minuti cuocete in modalità grill. Potete servirlo direttamente così oppure accompagnato da un buon ragù vegetariano.

Mezze maniche in ratatouille

mezzemanicheratat

Eccoci tornati in cucina con un primo piatto che amo molto e faccio spessissimo. Oggi però vi passo anche la ricetta così saremo in molti ad amarlo. Le verdure arrivano tutte dal mercato: scegliete anche voi il meglio per la vostra alimentazione di tutti i giorni!

Ingredienti per 4 persone: 350 g di mezze penne (io ho usato Rummo perché gluten free), 1 zucchina media, 1 melanzana lunga, 6 pomodori ciliegini, 1 peperone giallo medio, una manciata di olive verdi e nere denocciolate, 1 manciata di fagiolini, 2 cucchiai di capperi, olio evo, erbe aromatiche secche e biologiche (le trovate anche nella grande distribuzione nello scaffale delle spezie), 1 spicchio di aglio, 2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato, sale, pepe nero.

Procedimento: mettete a bollire l’acqua per la pasta con poco sale. A parte preparate un tegame antiaderente con dentro poco olio e uno spicchio di aglio. Lavate bene tutte le verdure e preparatevele davanti al tagliere. Il peperone lo taglierete a strisce sottili. La melanzana lunga a mezze rondelle e così anche la zucchina. i pomodori li dividerete in 4 spicchi; i fagiolini li taglierete a tocchetti di 3 cm. Deve il tutto avere la stessa dimensione e favorire una cottura abbastanza uniforme. Versate tutto nel largo tegame. Unite capperi ed olive e d avviate la cottura. Aggiungete un cucchiaio di acqua, di erbe, un pizzico di sale e di pepe. Regolate di sapore. Cuocete per una mezz’ora. Nel mentre avrete già buttato la pasta. Scolate al dente e travasate la pasta nel tegame. Unite 1 cucchiaio di olio, prezzemolo e spadellate un minuto.

Insalata tiepida di quinoa

quinoasaladProseguiamo con i suggerimenti per i pranzi o le cene estive: poco impegno ma… grandi risultati! Leggerezza non significa non nutrirsi bene quindi con questo piatto avrete il giusto apporto di proteine oltre a sali minerali, vitamine.

Ingredienti per 2 persone. due manciate di quinoa, 1/2 peperone rosso, 1/2 peperone giallo, 1 piccola melanzana lunga, 172 zucchina media, 100 g di ceci già lessati, menta fresca, olio evo, sale, pepe.

Procedimento: lessate la quinoa per 10′ dal momento del bollore. In un tegame antiaderente mettete 2 cucchiai di olio, i peperoni, zucchine e melanzane tutto tagliato a cubetti. Cuocete a fiamma medio alta  per 10’… salate  e pepate. Unite i ceci sgocciolati. Spegnete anche se le verdure saranno croccanti. Scolate la quinoa. conditela con poco olio e cercate di sgranarla il più possibile con un cucchiaio. Unite qualche foglia di menta fresca spezzata a mano. Riunite quinoa e verdurine tiepide in un’insalatiera e servite.

Guacamole toast

guacamole toastVisto e considerato che il caldone non molla, eccomi qui con una proposta “snack” per la spiaggia, per una gita o da portare in ufficio se ancora non siete partiti…

Ingredienti per 2 persone: salsa guacamole (il link alla ricetta lo trovate qui), pane in cassetta integrale o multicereale, una manciata di spinacino novello, 1 pomodoro cuore di bue, una manciata di pistacchi senza guscio.

Procedimento: dapprima preparate la guacamole seguendo la mia ricetta originale e che potete fare anche il giorno prima. Tostate 4 fette di pane sulla griglia. A parte lavate lo spinacino e tenetelo da parte. Tagliate a fette sottili il pomodoro, scolatelo dell’acqua di vegetazione ed appoggiate anch’esso sulla piastra per dargli un sentore di arrostito. Fatto questo, preparate il vostro toast multistrato tagliando in due parti il pane (escludendo la crosta). Spalmate il primo strato di salsa, poggiatevi sopra una fetta di pomodoro, due o tre pistacchi leggermente pestati e due figlie di spinacino. Coprite con il pane e ricominciate. Creerete così un paio di strati che fermerete con un bastoncino di legno. Per due persone preparatene 4.

 

Tagliatelle con pomodori, prezzemolo e rucola

tagliatellefarropomrucSe c’è un formato di pasta che non manca mai nella mia dispensa è proprio la meravigliosa tagliatella al farro prodotta da #LucianaMosconi. Ruvida, sottile e meravigliosamente gustosa… oggi la accompagno ad un sughetto semplice fatto con i pomodori freschi di mercato, prezzemolo e rucola freschi. A voi la scelta: provare o non provare… questo è il dilemma!

Ingredienti per 2 persone: 2 nidi di tagliatelle al farro Luciana Mosconi (o quelle che preferite usare), 500 g di pomodori pizzuttelli, 1 scalogno, 1 mazzetto piccolo di prezzemolo e 1 di rucola, scaglie di parmigiano reggiano 14 mesi, olio evo, sale e pepe.

Procedimento: iniziamo con il preparare la salsa di accompagnamento delle tagliatelle lavando bene i pomodori. Prendete una casseruola a sponde alte… all’interno mettete lo scalogno affettato, 4 cucchiai di olio e i pomodori tagliati semplicemente a metà. Avviate la cottura e proseguite per un’oretta a fuoco molto basso senza farlo troppo asciugare. Regolate di sale. Tagliate  a coltello prezzemolo e rucola. Se il sugo lo preparare prima di pranzo o cena, a 10′ dalla cottura finale della salsa mettete a scaldare l’acqua della pasta con poco sale. Lessatela al dente. Condite le tagliatelle con la salsa, il trito di erbe e completate con scaglie di parmigiano.

Penne al ragù di edamame, mandorle e crudo di pomodoro

penneedamameOggi vi propongo un’esperienza “estrema”: un condimento per pasta (sia fredda, sia calda) totalmente vegan ma totalmente buona. Si cucina in poco tempo, comoda da portare in ufficio per gli ultimi giorni di lavoro…o per chi è già in vacanza può rappresentare un’idea fresca da proporre a pranzo restando leggeri e… con un ingrediente segreto.

Ingredienti per 4 persone: 350 g di pasta tipo penne, prezzemolo, basilico, 300 g di Soia Edamame Orogel, una manciata di mandorle senza buccia, 4 pomodori pizzuttelli ben sodi, 3 cucchiai di olio extravergine di oliva, 1 cucchiaio di curcuma, sale e pepe.

Procedimento: mettete a bollire abbondante acqua salata per la pasta, aggiungendo al momento del bollore un cucchiaio di curcuma. Lessate la soia edamame in poca acqua bollente salata per 4′. Scolate e conservate l’acqua di cottura. Lasciando da parte un cucchiaio di soia edamame, passate al mixer il resto con le mandorle, prezzemolo e basilico, pepe e sale. Aggiungete via via poco olio e un cucchiaio di  acqua di cottura per ottenere un composto abbastanza rustico nella consistenza. Cuocere la pasta al dente. Nel frattempo lavate i pomodori, riduceteli a dadini e conditeli con poco olio, sale e pepe. Condite la pasta con la salsa ottenuta, i fagioli interi, il crudo di pomodoro su ogni piatto e una buona macinata di pepe nero.