Paccheri e pesce Cobia alla Mediterranea

Qualche giorno fa mi è stato chiesto di spendere alcune parole sul Cobia, ma anche di pensare ad una ricetta per esaltarne il gusto. Ho scelto di usarlo in un primo piatto ricco di profumi e sapori mediterranei, per esaltarne le carni senza perderne l’identità.

Quindi da oggi potete cucinarlo così:

cobia2

Ingredienti per 4 persone: 300 g di paccheri di Gragnano, 500 g di pomodori di Pachino, 6 trancetti di Cobia, una manciata di capperi di Pantelleria, una manciata di nocciole del Piemonte, prezzemolo fresco (un mazzetto), sale, pepe, pane grattugiato e fioretto di mais per la panatura, olio evo e olio di semi per friggere.

Procedimento: mettete a bollire abbondante acqua calda e salata. Lavate il pesce, privatelo della pelle e delle eventuali spine. Riducete a cubetti di circa 1 cm solo 4 tranci, mentre i rimanenti li tagliate a striscie. A parte, in un largo tegame antiaderente, mettete dell’olio d’oliva e lo scalogno tritato per farne un veloce soffritto. Unite i pomodori tagliati a cubetti, mescolate spesso, schiacciate un pò i pomodori e tenete una fiamma moderata. Unite ora i capperi dissalati. Aggiungete la quantità di 4 tranci di pesce dopo 5 minuti. Salate e pepate. Aggiungete poca acqua calda (o brodo vegetale). In tutto cuocete il sugo per 20′. Buttate i paccheri a lessare. Prendete una manciata di farina di mais, uniteci una di pangrattato e qualche nocciola pestata a mortaio. Impanate i filetti rimanenti e friggeteli in olio ben caldo. Scolate e spadellate in tegame i paccheri, unite abbondante prezzemolo tritato velocemente a coltello. Impiattate come nella foto servendo anche i tranci fritti.

Per altri suggerimenti… non smettete di seguirmi!

Orecchiette di grano arso con fagioli, patate e cacioricotta

orecchiette1

Oggi vi propongo un primo piatto che onora la cucina pugliese, che amo tantissimo. Per questo piatto ho scelto delle orecchiette di grano arso. Vi chiederete cos’hanno di diverso da quelle di semola? Beh, ecco un pò di storia. Tempo fa, quando il grano veniva raccolto a mano, le stoppie venivano bruciate e i chicchi caduti a terra si bruciacchiavano. Dopo la macinatura, con la farina ricavata si confezionavano focacce e vari tipi di pasta. Era il “grano arso”.Il “grano arso” moderno è semplicemente tostato al punto giusto per ottenere quel tipico sentore di affumicato.L’area d’origine di questa pasta è probabilmente il Foggiano (considerato da sempre il “granaio d’Italia”). I formati sono i tipici pugliesi, per lo più “strascinati”, “orecchiette e “fusilli”.

orecchiette2

Ingredienti per 4 persone: 300 g di orecchiette, 300 g di fagiolini lessati, 100 g di patate lessate, 1 spicchio d’aglio, origano, cacioricotta pugliese a mezza stagionatura, sale, pepe, olio evo.

Procedimento: mettere a bollire abbondante acqua calda e salata. In un tegame mettete a scaldare un pò di olio e uno spicchio di aglio. Non appena si dorerà unite i fagiolini per farli insaporire un’po. Aggiungete anche l’origano, il sale e il pepe. Dopo cinque minuti unite le patate ridotte a cubetti. Lasciate passare altri 2 minuti, unite 1/2 tazzina di acqua di cottura poi spegnete. Lessate le orecchiette per il tempo necessario, circa 10′, scolatele e spadellatele a fuoco basso nel tegame della verdura. Servitele caldissime con una super spolverata di origano e cacioricotta grattugiato.

Torta al cioccolato, arance e rhum

Questa torta dall’aspetto scenografico è un dolce molto classico, da consumare così o anche farcito con creme. Colazione, merenda o anche in occasione delle feste, si sposa per tutte le occasioni. Tocco di dolcezza… una copertura al cioccolato che vi conquisterà!

ciamba1

Ingredienti: 250 g di farina (senza glutine), 250 ml di panna, 100 g di zucchero, 20 g di sciroppo d’agave, 3 uova intere, la scorza di un’arancia, il succo di un’arancia, un bicchierino di rhum, 1 bacca di vaniglia, 1 bustina di lievito per dolci, 100 g di cioccolato fondente.
Copertura: 150 g di cioccolto fondente, 50 g di burro.
Stampo: a ciambella o tipo Nordik Ware.

ciamba2

Procedimento:tutto molto semplice… in un recipiente a sponde alte riunite la farina, setacciata con il lievito, lo zucchero, le uova, la panna, la scorza e il succo d’arancia,la vaniglia (i semi), il cioccolato grattuggiato, il rhum. Prendete una frusta elettrica e sbattete gli ingredienti per 5 minuti. Versare la crema all’interno dello stampo in silicone e cuocete in forno statico per 30 minuti. Per la copertura dovete semplicemente sciogliere il cioccolato ridotto a pezzi con il burro. Fate questa operazione quando la torta sarà raffreddata. Versate il cioccolato nelle scanalature prodotte dallo stampo.

ciamba3

Finta pizza di cavolfiore

pizza1

Un piatto unico che vuole “imitare” la tradizionale pizza ma che, invece, è realizzato con una base di cavolfiore, senza farina e senza lievito. La finta pizza di cavolfiore è, infatti, un piatto buonissimo per gli intolleranti al glutine, per i vegetariani ma soprattutto per i bambini che la adoreranno! Il condimento che ho usato è quello tradizionale, quindi lascio a voi lettori la fantasia di arricchirne il gusto con altri ingredienti. Fatemi sapere se vi è piaciuta!

Ingredienti per la base: un cavolfiore di grandezza media (circa 700 g), 1 uovo e un tuorlo, 60 g di parmigiano reggiano grattugiato, 2 cucchiai di pan grattato, sale, pepe. Per il condimento: olio evo, 1 spicchio di aglio, 300 g di passata di pomodoro, basilico fresco, 150 g di mozzarella di bufala di buona qualità, origano (facoltativo).

food-wood-tomatoes

Procedimento: pulite il cavolfiore eliminando le foglie più esterne e staccando le cimette dal torsolo centrale. Lavatele bene, asciugatele e tritatele nel mixer fino a ottenere una purea. Trasferite il cavolfiore in una terrina, aggiungete le uova, il parmigiano, il pangrattato (per l’umidità), sale e pepe. Amalgamate bene fino a ottenere un composto omogeneo e stendetelo con una spatola su una teglia circolare rivestita di carta da forno (spessore 1,5 cm circa). Infornate la finta pizza di cavolfiore a 180° per circa 20′. Nel frattempo preparate la passata di pomodoro in una casseruola con poco olio, aglio, origano se vi piace, sale. Cuocete una decina di minuti. Unite poco basilico. Tirate fuori la base che nel frattempo si sarà cotta, cospargetela di salsa di pomodoro, aggiungete la mozzarella, basilico. Infornate di nuovo per 5′, il tempo di sciogliere la mozzarella… e buon appetito!

Broccoli al gratin

Ecco una ricetta veloce, bella e sana. Vegetariana a tutti gli effetti.
I broccoli gratinati sono broccoli lessati o cotti a vapore e gratinati nel forno.
E’ una ricetta semplice e golosa, adatta anche al recupero dei broccoli avanzati dal giorno prima.
Sono anche un ottimo accompagnamento a secondi piatti a base di carne o di formaggio.
Gustateli caldi, appena sfornati.

broccoligratin

Ingredienti per 4 persone: 500 g di broccoli (anche già lessati così risparmiate tempo), 70ml panna di soia, farina di riso, olio evo, sale, pepe.

brocc
Procedimento: partendo dal punto che avrete già lessato i broccoli al dente, disponeteli già in una pirofila unta di olio. A parte in un pentolino scaldate 70ml di panna, e due cucchiai di farina di riso. Mescolate bene con una forchetta. Salate e pepate. Dopo 5 minuti spegnete e versate sui broccoli.Infornate a 170°C per 15′. gli ultimi 3 minuti attivate la funzione grill… e buon appetito!

Risotto alla zucca, salvia e capperi essicati

risozucca2

Solitamente il risotto alla zucca si associa alla zona del Mantovano o al Veneto. Nel caso di questa ricetta ho fatto incontrare il nord della zucca con il sud dei capperi… dolcezza contro salinità. I capperi non sono ovviamente li a caso, bensì essicati in forno, su consiglio di una grandissima e stimata foodblogger siciliana, Ada Parisi del blog Siciliani Creativi. Questo procedimento esalta meravigliosamente il piatto per gusto e consistenza. Ho preferito ridurli a coltello più che polverizzarli…
In ogni caso gli ingredienti per una buona riuscita della ricetta devono essere di prima qualità: riso Carnaroli o Vialone Nano; brodo vegetale fatto in casa;vino bianco in bottiglia per sfumare;burro per il soffritto e non l’olio; cipolla bionda o scalogno; zucca qualità Mantovana; salvia fresca e non secca.
Ed ecco la ricetta per un risotto perfetto!
proc

 

 

Ingredienti per 4 persone: 300 g di riso Carnaroli, 300 g di zucca mantovana, 1 litro di brodo vegetale, 70 g di burro, 50ml di vino bianco secco, qualche foglia di salvia, 1 scalogno, 30-40 grammi Parmigiano Reggiano 24 mesi grattugiato, capperi di Pantelleria (una manciata), sale, pepe.
Procedimento: tritate finemente lo scalogno; tagliate a dadini piccoli la zucca e qualche fogliolina di salvia a striscioline. Disponete i capperi in una piccola teglia rivestita di carta forno e fateli essicare in forno a 130°C per circa 10′. Non appena al tocco di una forchetta saranno ben asciugati, tirateli fuori dal forno. Munitevi di una casseruola antiaderente a sponde alte. Riunite 40 g di burro al quale unitere la cipolla. Versate il riso e tostate qualche minuto.Sfumate con il vino e lasciate evaporare la parte alcoolica. A questo punto unite la zucca e due mestoli di brodo tenuto in caldo. Mescolate spesso.Regolate di sale e pepe. Giunti a cottura spegnete il fuoco. Mantecare il risotto con i restanti 30 grammi di burro, tagliato a dadini, e poi con il Parmigiano Reggiano grattugiato. Unite la salvia e lasciate riposare 2 minuti. Nel frattempo tagliate finemente a coltello i capperi.
Impiattate come nella foto, pronti a ricevere i complimenti.

risozucca1

 

Spaghetti aglio, olio peperoncino e… melanzane.

Buongiorno e ben ritrovati!
Oggi vi propongo una variazione, non la prima ne l’ultima, sul tema “spaghetti di mezzanotte”.
Il condimento a questi spaghetti, rigorosamente “gluten-free Barilla”, si fa davvero in poco tempo:unica difficoltà è avere in casa delle melanzane sott’olio fatte magari con la ricetta che trovate qui oppure anche acquistate.
Ogni tanto viene voglia di un piatto di spaghetti semplici ma saporiti, di quelli che si possono improvvisare in pochi minuti e perfetto per una cena tra amici. Il tocco delle melanzane sono sicura vi conquisterà.
Buona giornata!

spaghiagliooliomelanzane

Ingredienti per 4 persone: 350 g di spaghetti, 2 spicchi di aglio grandi, olio evo, peperoncino piccante secco, prezzemolo fresco, melanzane sott’olio, sale grosso per la pasta.

Procedimento: intanto mettete a bollire l’acqua per la pasta con una presa di sale. A parte in un largo tegame che permetterà di spadellare agevolmente, versate una buona quantità di olio evo (2/3 cucchiai per commensale), l’aglio, il peperoncino in quantità a piacere. Accendete a fuoco medio e dopo un paio di minuti versate 4 cucchiai abbondanti di melanzane scolate.
Attenzione a non bruciare l’aglio. Nel frattempo buttate gli spaghetti.Tritate il prezzemolo a coltello. Spegnete il condimento dopo altri due minuti. Scolate la pasta al dente e non troppo asciutta e versatela nel tegame dove avrete riacceso la fiamma. Spadellate e insaporite per un paio di minuti poi servite subito con abbondante prezzemolo!

Gamberi al limone e zenzero

Niente di più semplice ma allo stesso tempo gustoso ed invitante.
Al mercato del pesce ho acquistato questi bellissimi gamberi e in cuor mio non me la sono sentita di cucinarli in modo complicato…

gamberi1

Ingredienti: 1 kg di gamberoni, 2 limoni non trattati, 1 mazzetto di prezzemolo fresco, pepe nero, sale rosa dell’Himalaia, zenzero grattugiato al momento, olio evo (se lo avete aromatizzato alle erbe, meglio).

Procedimento: mezz’ora prima di procedere con la cottura lavate accuratamente i gamberi privandoli della testa e del filamento nero (intestino) con l’aiuto di una pinzetta da pesce o di un piccolo coltello.
Metteteli a marinate in un recipiente con il succo di un limone e mezzo, zenzero grattugiato, sale, pepe, un bel giro di olio. Girateli ogni 10′. Passata la mezz’ora, accendete il forno a 170°C. Travasate i gamberi in una teglia foderata di carta forno. Cuoceteli per 20′ poi toglieteli subito dal forno.

Serviteli subito accompagnati da prezzemolo fresco, da una bella insalata mista e un ottimo calice di Falanghina gelata!

gamberi2