Minisfoglia alle mele, cannella e amaretti

5850366Ingredienti: 2 dischi di sfoglia per torte salate, 2 mele golden o cotogne, 2 manciate di amaretti, mostrada di mele cotogne, 1 limone, cannella in polvere, zucchero di canna. Procedimento: sbucciate le mele, tagliatele a dadini piccoli, spremete un limone, unite 2 cucchiai di zucchero e un’abbondante quantità di cannella in polvere. Lasciatele a insaporire per 15 minuti. Nel frattempo, prendete gli stampini da mini plum cake (meglio se in silicone) e ungeteli con un tovagliolo di carta unto di olio. tagliate dei rettangoli di pasta due dita più grandi della circonferenza dello stampino, affinchè abbiate modo di ricavare un bordo alto. Sul fondo che avrete bucherellato rompete a mano qualche amaretto per create una base asciutta. Riprendete le mele. Passatele 5 minuti in padella con una punta di burro. Riempite gli stampini. Aggiungete qualche pezzetto di mostarda e completate l’opera decorando con qualche strisciolina di sfoglia. Spennellate la superficie con il liquido delle mele. Cuocete in forno già caldo a 180°C per circa 20′. Fatele leggermente dorare e servitele tiepide con una spolverata di cannella… all’ora del thè!

Cake di uvetta e noci

6393663Ingredienti: 200 g di farina integrale, 300 g di uvetta sultanina, 150 g di gherigli di noce, 100 g di burro, 50 g di margarina, 3 uova intere, 75 g di zucchero (fruttosio o canna), cannella, 1/2 bustina di lievito in polvere, pizzico di sale.
Procedimento: mettete l’uvetta in ammollo per 15′ in acqua tiepida. Tritate grosolanamente i gherigli di noci. Setacciate la farina ed il lievito in un recipiente a sponde alte. Unite le noci, un cucchiaio di cannella, l’uvetta strizzata e cominciate a mescolare. A parte mantecate il burro con lo zucchero. Battete le uove e unitele al burro.
Incorporate bene e poi versate il tutto nella farina. Mescolate energeticamente. Versate il composto in uno stampo da plumcake foderato di carta forno e cuocete per 1h e 20′ a 160°C. Dopo 45′ controllate la cottura con uno stuzzicadenti. A fine cottura, spegnete il forno, lasciate riposare per 5 minuti.

Frittelle di quinoa bianco/rosse

Ingredienti per 4 persone: 200 g di quinoa, 200 g di cavolfiore, 1 cespo di radicchio rosso, 1 scalogno, 40 g di parmigiano grattato, 2 uova, olio EVO, sale.
Procedimento: pulite il cavolfiore, dividetelo in piccole parti e lessatelo al vapore per 10 minuti a partire dal bollore. Tritate finemente lo scalogno, versatelo in un tegame antiaderente con 2 cucchiai di olio e uno di acqua. Stufate e non soffriggete… quindi fiamma bassa. unite il radicchio tagliato a julienne, salate e cuocete fino a che l’acqua della verdura si è del tutto assorbita. Spegnete e lasciare raffreddare. Riprendete il cavolfiore e schiacciatelo con la forchetta. Unite il composto del radicchio e mescolate bene. Sciacquate la quinoa e bollitela per circa 20 minuti. Appena raffreddata unite le uova, il formaggio e il composto di verdure. Aiutandovi con le mani inumidite, formate tante polpettine, leggermete pressate. Lasciatele riposare in frigorifero per 30′ poi infornatele per 20′ a 180°C. Accompagnatele ad un’insalata di stagione.
VI SUGGERISCO: una proposta vegetariana, salutista, golosa e senza glutine insieme.

Torta di patate filante

9770749Ingredienti per 6 persone: 1 kg di patate (da gnocchi), 150 g di prosciutto cotto a dadini, 150 g di scamorza (anche affumicata), 150 g di parmigiano grattugiato, 3 uova intere, 250 g di latte, 50 g di burro non freddo, sale, pane grattato per il gratin.
Procedimento: lavate benissimo e poi lessate le patate con la buccia per 30 minuti dall’inizio del bollore. A cottura ultimata passatele così come sono nello schiacciapatate (la buccia rimarrà all’interno dell’utensile). Lasciatele raffreddare un pochino e poi unite il prosciutto e il parmigiano. Impastate bene e aggiungete anche la scamorza tagliata precedentemente a dadini. a questo punto aggiungete le uova e il burro. Unite poco latte alla volta e verificate la consistenza. Molto dipende dalla qualità delle patate. Il composto deve risultare morbido ma non asciutto, granuloso. Mettete un attimo da parte e imburrate una teglia antiaderente o una pirofila. Versate l’impasto nel contenitore, livellate bene, cospargete con fiocchetti di burro e pangrattato. Cuocete in forno già caldo a 180°C per almeno 40′ controllando di tanto in tanto.
VI SUGGERISCO: È senza dubbio un piatto unico, molto sostanzioso ed è uno dei piatti-cult di casa Marchesi… e più precisamente di mia madre. Non avanza mai. Accompagnatelo a qualsiasi tipo di secondo piatto di carne, ma anche con cotechino o salamella si sposa ottimamente. 

Bocconcini SudTirol

7183327Ingredienti per 4 persone: 400 g di bocconcini di vitello, polenta gialla istantanea (se avete poco tempo), aromi da arrosto in polvere, olio EVO, paprika, pancetta tesa del Trentino, sale e pepe. 
Procedimento: iniziate con il marinare per 30′ la carne in una ciotola con l’olio, gli aromi, una spolverata di paprika (dolce o piccante), sale e pepe. Nel frattempo tagliate delle fette sottili di pancetta (una per bocconcino). Scaldate la piastra. Avvolgete ogni bocconcino con la pancetta, fermatelo con lo stuzzicadenti. Fate scottare la carne su piastra rovente senza stracuocere. Servite gli involtini su un bel letto di polenta calda. Non vi dico la golosità… ma neanche le calorie!

Calamari ripieni su Riso Nerone bio

6466181Ingredienti per 4 persone: 12 calamari freschi di media grandezza, 300 g di Riso Nerone Biologico (Alce Nero… se possibile), 1 uovo, 1 manciatina capperi di Salina, 1/2 bicchiere di vino bianco, 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, 100g di grana padano grattugiato, 4 pomodori secchi, noce moscata, 50 g prezzemolo tritato, 1/2 spicchio di aglio, pangrattato, olio EVO,sale e pepe.
Procedimento: lessate con anticipo il riso perchè richiede almeno 40′. Nel frattempo pulite bene i calamari tenendo da parte la testa della quale userete solo i piccoli tentacoli. Preparate il ripieno con: il formaggio, l’uovo, i tentacolini del calamaro, i capperi dissalati, i pomodori secchi tagliati a striscioline, 2 cucchiai di pangrattato, l’aglio tritato finemente, sale e pepe. Mescolate bene e poi riempite i calamari ma non completamente così in fase di cottura la pelle non scoppierà. Sigillateli con stuzzicadenti o con spago da cucina. Cuoceteli in tegame antiaderente con scalogno tritato, un buon giro di olio. Dopo 5 minuti sfumate con il vino; lasciate evaporare e poi unite il concentrato di pomodoro. La fiamma deve essere bassa. Se il sugo di cottura tende ad asciugarsi bagnate con acqua tiepida. Cuocete per 20′ e poi servite su un letto di riso nero precedentemente ripassato velocemente in padella con pochissimo olio e una polverata finale di prezzemolo.

Fantasia di riso Venere e peperoni

8212011Ingredienti per 2 persone: 150 g di riso Venere integrale, 1/2 porro, 3 peperoni misti medi (giallo, rosso e verde), pepe nero, 1 cucchiaino di curry, olio evo, prezzemolo fresco in foglia e tritato, un ring (coppa pasta in metallo del diametro di 10/12 cm). 
Procedimento: per cominciare lessate il riso (in alcuni casi e per alcune qualità, se non precotto, ci vorranno 40′). In un tegame medio/grande mettete 2 cucchiai di olio, una manciata di porro a rondelle, 1/2 peperone giallo, 1/2 peperone rosso e 1/2 peperone verde tagliati a cubetti piccoli. Fate cuocere a fuoco medio per 15/20 badando a non farli stracuocere. Regolate di sale e pepe.
In un tegame più piccolo mettete poco olio, una dadolata di peperone giallo e rosso rimasto, il curry, sale e pepe. Cuocete per 15/20 minuti poi riducete in purea con un frullatore ad immersione emulsionando con qualche cucchiaio di acqua tiepida e 1 di olio. Componete il piatto mettendo sulla base la vellutata di peperoni; appoggiate il ring che andrete a riempire con il riso appena scolato, coprite con la dadolata di peperoni anch’essa tenuta in caldo. Completate con una macinata di pepe. 
SUGGERIMENTO ecco un altro ottimo primo piatto per la cena di San Valentino!!

Girelle al salmone e crema di broccoli

7657434Ingredienti per 5/6 persone: per la pastella – 4/5 cucchiai di farina 00 integrale (o senza glutine), 4 uova intere, 1/2 bicchiere di latte di riso, sale, noce moscata, burro. Per il ripieno: 200 g di broccoli, 300 g di salmone affumicato, 1 spicchio di aglio, sale, pepe.
Procedimento: in una zuppiera battete le uova, il sale, la noce moscata. Aggiungete poca alla volta la farina e il latte in modo da ottenere la classica pastella fluida. Cominciate a scaldare un tegame antiaderente o una tegame per crepe. Mettete una punta di burro per ungere il fondo e mettete un mestolo di pastella. Le crepe devono essere piuttosto grandi, tra i 20 e i 25 cm di diametro. Quindi appena più grandi del palmo di una mano (da donna…). Cuocetele un paio di minuti per parte e poi spostatele su un piatto intervallando con carta assorbente. In un tegame fate soffriggere i broccoli con un filo di olio, aglio, sale e pepe, per 5 minuti. Trasferiteli in una ciotola a sponde alte e frullateli (senza l’aglio). Recuperate le crespelle. Spalmate un velo di crema, appoggiate mezza fettina di salmone, arrotolate e tagliate in 3 parti. Fate così per tutte le crepe. Badate a riempirle uniformemente per evitare zone vuote. Adagiate tutte le “girelle” in una teglia, aggiungete fiocchetti di burro e una spolverata di parmigiano; coprite con alluminio forando leggermente la superficie e infornate per 20′ a 170°.

Trenette al nero, scoglio e orto

2690256Ingredienti per 4 persone: 350 g di linguine al nero di seppia, 400 g di seppioline, 8 code di mazzancolle, una manciata di pomodori pachino, 4 cucchiai di prezzemolo tritato, 400 g di topinambur, un porro, poco latte, noce moscata, olio Evo, sale e pepe nero, aglio.

Procedimento:
lessate il topinambur per una 40′ di minuti. Nel frattempo in un tegame largo, soffriggete poco olio con un pò di porro tritato fine e lo spicchio d’aglio. Unite le seppie e dopo 10 minuti i gamberi. Aggiungete pochissima acqua tiepida. Cuocete altri 5 minuti, aggiungete i pomodori tagliati in 4 spicchi. Altri 5 minuti di cottura, aggiungete poco prezzemolo e spegnete. Lessate la pasta. Nel frattempo tagliate il tubero a tocchetti e fatelo insaporire in una casseruola con olio, porro tritato, noce moscata e qualche cucchiaio di latte. Insaporite per 10 minuti. Scolate la pasta a dente e finite la cottura nel tegame del sughetto di pesce. Frullate il topinambur e mettene un mestolo sul fondo dei piatti. Il composto deve risultare bello cremoso e fluido. Adagiate le linguine sulla vellutata e servite caldi e completati con un filo di olio crudo e una macinata di pepe nero e prezzemolo tritato.

Pasta porcini, piselli e crema di ceci

4099219Ingredienti per 4 persone: 350 g di pasta tipo caserecce o quella siciliana di grano duro che ho usato io (marchio Poiatti – Cinque buchi n.62), 300 g di piselli freschi o già lessati (per comodità), 300 g di funghi porcini freschi, 300 g di ceci già lessati, scalogno, olio Evo, sale e pepe nero.
Procedimento: In una casseruola mettete uno scalogno piccolo tritato fine, poco olio, i funghi spazzolati e tagliati a fette (dopo averli passati sotto l’acqua velocemente…) e i piselli. Salate, pepate a piacere e cuocete per 15 minuti. I piselli devono rimanere belli verdi e non devono avvizzire… Lessate la pasta in acqua salata. In un’altra casseruola mettete i ceci con poco olio, scalogno tritato, sale e pepe. Aggiungete 1/2 bicchiere di acqua. cuocete per 5/6 minuti poi frullate il tutto. Scolate la pasta al dente (conservate un mestolo di acqua di cottura) e versatela nel tegame dove ci sono i funghi. Spadellate 2 minuti, aggiungete la crema di ceci e poca acqua di cottura. Siete pronti a servire.